FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Mobilità > Biciclette

Bike-sharing a Torino entro l'estate. Ma di che anno?


 

"Arrivano le bici a noleggio entro l’estate". Così titola con sicurezza La Stampa di Torino, ma da una nostra verifica i tempi per il bike-sharing sotto la Mole sono molto più lunghi. Tra le ipotesi l'affidamento a Gtt, ma non è escluso l'interesse di altre aziende private

 

di Federico Vozza
mercoledì 15 aprile 2009 13:21

 

Bike-sharing a Torino entro l'estate. Ma di che anno?
clicca sull'immagine per ingrandire

"Arrivano le bici a noleggio entro l’estate". Il titolo d'apertura della cronaca torinese de La Stampa ha lasciato questa mattina molti a metà tra entusiasmo e incredulità. Nell'articolo, a firma Emanuela Minucci, si legge: "Dopo due tentativi andati a vuoto, finalmente anche Torino avrà il servizio di «bike-sharing». Ai privati il business non interessava, così il Comune ha avuto l’idea di affidare la gestione del servizio a Gtt, l’azienda di trasporto pubblico, trovando rapidamente un accordo. E rapida sarà anche l’installazione: via entro l’estate".

Dopo due bandi andati deserti, l'ipotesi dell'affidamento al Gruppo Torinese Trasporti era emersa anche in un nostro articolo di inizio febbraio. Lo stupore per la tempistica indicata nell'articolo de La Stampa per l'avvio del servizio ci ha però portati a ricontattare gli stessi uffici comunali. Gabriella Bianciardi, dirigente dell'assessorato all'Ambiente diretto da Domenico Mangone, pur confermandoci che il Comune non si dà per vinto e continua a cercare soluzioni per dotare la città di un moderno ed efficiente servizio di biciclette condivise, ha escluso che questo possa diventare realtà entro la prossima estate. I tempi tecnici per elaborare l'accordo non sono brevi e dovranno essere sommati a quelli della messa in opera delle 116 ciclostazioni e 1200 biciclette. Inoltre l'affidamento a Gtt sembra essere solo una delle ipotesi sul tavolo dell'assessorato. In queste settimane si sono fatti avanti diversi soggetti privati italiani ed esteri, interessati ad approfondire gli aspetti tecnici di una eventuale gestione del servizio. Probabile dunque che il Comune avvii nei prossimi mesi una procedura negoziata con tutte le aziende interessate, per arrivare nella migliore delle ipotesi all'inaugurazione del bike-sharing della Mole nella primavera 2010.

Arrivano le bici a noleggio. Dal Gtt 1200 entro l’estate - da La Stampa del 15.04.2009


 

 


Notizie correlate


» Torino, bike-sharing ad ostacoli: bando di nuovo deserto


 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter