GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Rifiuti > Varie

Rifiuti a Milano: intervista a Sonia Cantoni, presidente Amsa


 

Dal ciclo dei rifiuti indifferenziati al sacco trasparente, dalla raccolta dell’umido ai Raee, riflessioni e approfondimenti sulla situazione milanese. Eco dalle Città ne ha parlato con Sonia Cantoni, da circa un anno presidente dell’Azienda milanese

 

di
mercoledì 11 luglio 2012 15:42

 

Rifiuti a Milano: intervista a Sonia Cantoni, presidente Amsa
clicca sull'immagine per ingrandire

Presidente Cantoni ci spiega come funziona il ciclo dei rifiuti indifferenziati a Milano? Qual è il destino del sacco trasparente riempito da una famiglia media milanese?

I rifiuti indifferenziati non riciclabili, raccolti nel sacco trasparente, vengono trasportati presso il nostro impianto di incenerimento con recupero energetico Silla 2. L’impianto, situato nel quartiere di Figino a Milano, produce energia elettrica e termica per il teleriscaldamento di Milano e di Comuni limitrofi, utilizzando come combustibile i rifiuti che non possono essere riciclati. In questo modo AMSA ha azzerato il ricorso alla discarica per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati. E’ importante ricordare che il Silla 2 è dotato delle tecnologie più innovative che garantiscono il minor impatto ambientale possibile. In particolare le emissioni in atmosfera, che rientrano ampiamente nei parametri imposti dalla normativa nazionale e comunitaria, sono costantemente monitorate e pubblicate settimanalmente sul sito web di Amsa.

L'introduzione del sacco trasparente ha modificato le abitudini dei milanesi. Come sta andando? I milanesi reagiscono in maniera positiva?

L’introduzione del sacco trasparente non è stata traumatica. Dal punto di vista pratico il cambiamento, per i cittadini che vivono nei condomini, è stato quasi impercettibile. Lo sforzo maggiore è stato richiesto agli amministratori e ai custodi degli stabili, con i quali abbiamo cercato di interfacciarci nel miglior modo possibile. La comunicazione è stata mirata proprio a chi si occupa di gestire i rifiuti all’interno del condominio, di comprare i sacchi e di esporre i rifiuti negli orari prestabiliti per la raccolta. La vera novità, a mio avviso, è stato il cambiamento culturale portato dall’introduzione del sacco trasparente. I cittadini sono maggiormente incentivati a rispettare le regole e a differenziare meglio. Infatti gli agenti accertatori di Amsa sono facilitati nelle operazioni di controllo e possono riconoscere i rifiuti che non vengono conferiti correttamente. In questo modo confidiamo di recuperare maggiori quantità di vetro, carta, plastica e alluminio.

Avete dati sull'uso del sacco trasparente in città? Lo usano tutti. E le sanzioni? Ci sono state multe?

Il sacco trasparente è stato introdotto a Milano dall’Ordinanza Sindacale 11/2012 lo scorso 15 febbraio. Per tre mesi è stato possibile continuare ad utilizzare il vecchio sacco nero per lasciare la possibilità di esaurire le eventuali scorte. Il definitivo passaggio dal sacco nero a quello trasparente neutro è scattato il 15 maggio e la risposta della città è stata molto positiva. Ad oggi registriamo una percentuale marginale del 5% che non si è ancora adeguata alla nuova modalità di conferimento. A breve recapiteremo un “ultimo avviso” agli stabili che stanno ancora utilizzando il sacco nero, dopodiché inizieremo ad elevare le prime sanzioni.

Raccolta dell'umido? A che punto siamo?
Come concordato con l’Amministrazione Comunale, la raccolta differenziata dell’organico presso le utenze domestiche partirà entro la fine del 2012. L’attivazione del nuovo servizio sarà graduale, prevista in quattro step progressivi: si partirà in circa un quarto del territorio, nella zona Sud-Ovest della città, entro la fine del 2012, si proseguirà in altri due quarti del territorio nel corso del 2013, per poi attivare il servizio in tutta la città entro la metà del 2014. AMSA è già al lavoro per affrontare questa nuova e impegnativa sfida.

Sulla raccolta differenziata come siamo messi in città? Ci sono aggiornamenti su carta, plastica, vetro?

La raccolta differenziata continua ad aumentare, seppur lentamente. Nei primi sei mesi del 2012 Milano ha raggiunto una percentuale media del 35,6% (37,5% nel solo mese di giugno) ma quest’anno stiamo costruendo solide basi per un netto miglioramento. Grazie alla raccolta dell’organico e all’introduzione del sacco trasparente, stimiamo di incrementare la percentuale di raccolta differenziata di almeno 10 punti. Segnalo che dal mese di maggio piatti e bicchieri di plastica possono essere riciclati e, a Milano, vanno inseriti nel sacco giallo dedicato alla raccolta della plastica e delle lattine. Per poter riciclare al meglio questi prodotti c’è bisogno dell’essenziale collaborazione dei cittadini. I piatti, infatti, vanno svuotati di tutti gli avanzi di cibo, anche se non c’è necessità di lavarli. Le posate di plastica e le stoviglie durevoli riutilizzabili, anche se in plastica, si gettano ancora nel sacco dei rifiuti indifferenziati.

Raccolta dei RAEE. Al convegno di Ecodom lei ha parlato di una percentuale pari allo 0,5% della raccolta differenziata in città. Ci spiega meglio? Avete dati precisi sulla raccolta dei RAEE in città?

Nel 2011 AMSA ha raccolto circa 3700 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, che corrispondono allo 0,5% di tutti i rifiuti raccolti a Milano. I RAEE vengono suddivisi in 5 diversi gruppi. Il primo, denominato R1, include i grandi elettrodomestici per la refrigerazione, come frigoriferi e climatizzatori. Il secondo, R2, i restanti grandi elettrodomestici (lavatrici, lavastoviglie, ecc.). Televisori e monitor (R3) rappresentano il gruppo più consistente, circa 1500 tonnellate raccolte nel 2011. Nella categoria R4 rientrano varie apparecchiature di piccole dimensioni e in R5 le sorgenti luminose, ovvero neon e lampadine a risparmio energetico.
Conferire correttamente i RAEE ed avviarli a riciclo permette di recuperare molti materiali, sia preziosi sia pericolosi, come il rame, l’acciaio, il piombo e il mercurio, ma anche oro e argento e in prospettiva terre rare. Recuperando i rifiuti tecnologici si tutela l’ambiente e si evita uno spreco di risorse. Tutte le diverse tipologie di RAEE possono essere conferite gratuitamente nelle sei Riciclerie cittadine, mentre i piccoli elettrodomestici e le lampade a risparmio energetico possono essere consegnati anche presso il Centro Ambiente Mobile, la stazione ecologica itinerante di Amsa, che quotidianamente fa tappa nei quartieri di Milano presso i mercati rionali e i principali punti di aggregazione. Inoltre per la maggior parte degli elettrodomestici di grandi dimensioni AMSA effettua il ritiro gratuito al piano terra. Per prenotare il servizio è sufficiente chiamare il Numero Verde gratuito 800.332299 o utilizzare l’apposito link sul sito internet di AMSA.


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI cariplo ok

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Ricrea CiAl Corepla Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!