GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico
> Politiche, piani generali

Efficienza energetica, primi passi verso l'approvazione della nuova direttiva


 

La commissione Energia dell'Europarlamento ha approvato il testo provvisorio della nuova norma. Il voto arriva dopo mesi di negoziati e interventi correttivi sulla bozza. A settembre la votazione in seduta plenaria, poi il parere del Consiglio

 

venerdì 13 luglio 2012 12:57

 

Efficienza energetica, primi passi verso l'approvazione della nuova direttiva
clicca sull'immagine per ingrandire

La commissione Energia del Parlamento europeo ha approvato, con 42 voti favorevoli, nessun contrario e 2 astenuti, il testo provvisorio della nuova direttiva in materia di efficienza energetica. Sul provvedimento era già stato aggiunto un accordo di massima tra Commissione, Europarlamento e Consiglio nelle scorse settimane. «La nuova direttiva – ha commentato Claude Turmes, il deputato dei Verdi che ha condotto i negoziati per l'Europarlamento - servirà a colmare il gap dell'Ue rispetto al suo impegno di tagliare i consumi di energia del 20% per il 2020». Più volte, infatti, la Commissione Ue ha lanciato l'allarme sulle politiche comunitarie in materia di efficienza, inadeguate a raggiungere il target al 2020, che comunque non è legalmente vincolante.

Oltre a un programma obbligatorio per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici, la direttiva prevede un calo progressivo della vendita di energia da parte delle aziende fornitrici. Fra le altre misure previste, l'obbligo per le grandi aziende di sottoporsi ad una valutazione sui consumi energetici da parte di terzi, mentre, per quanto riguarda gli obiettivi nazionali di riduzione dei consumi, ogni Stato membro dovrà presentare a Bruxelles un piano triennale (nel 2014, 2017 e 2020) con i propri impegni e le modalità scelte per attuarli.

Non è stato possibile, infatti, lasciare che fosse l'Ue a stabilire il target di ciascun Paese, anche a causa della strenua opposizione di diversi Governi nazionali. Il voto favorevole della commissione Energia, infatti, giunge dopo molti mesi di trattative tra le diverse istituzioni comunitarie e diversi interventi correttivi sul testo iniziale proposto dalla Commissione. Ora occorrerà attendere l'esito della votazione in seduta plenaria di settembre, nonché il successivo pronunciamento del Consiglio Ue.

Turmes, comunque, è consapevole che la definitiva approvazione della direttiva sarebbe solo uno dei passi necessari nella direzione dell'efficienza energetica: «Per riempire questa lacuna deve essere fatto ancora molto – ha dichiarato - Raggiungere il nostro obiettivo ha senso, non solo per migliorare la nostra sicurezza energetica e i target climatici, ma anche sul fronte economico, perché può stimolare l’attività il mercato e creare milioni di posti di lavoro, mentre riduce le bollette energetiche per le imprese e le famiglie e la nostra dipendenza dalle importazioni di energia».


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Ricrea CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!