FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico
> Politiche, piani generali

Efficienza energetica, primi passi verso l'approvazione della nuova direttiva


 

La commissione Energia dell'Europarlamento ha approvato il testo provvisorio della nuova norma. Il voto arriva dopo mesi di negoziati e interventi correttivi sulla bozza. A settembre la votazione in seduta plenaria, poi il parere del Consiglio

 

venerdì 13 luglio 2012 12:57

 

Efficienza energetica, primi passi verso l'approvazione della nuova direttiva
clicca sull'immagine per ingrandire

La commissione Energia del Parlamento europeo ha approvato, con 42 voti favorevoli, nessun contrario e 2 astenuti, il testo provvisorio della nuova direttiva in materia di efficienza energetica. Sul provvedimento era già stato aggiunto un accordo di massima tra Commissione, Europarlamento e Consiglio nelle scorse settimane. «La nuova direttiva – ha commentato Claude Turmes, il deputato dei Verdi che ha condotto i negoziati per l'Europarlamento - servirà a colmare il gap dell'Ue rispetto al suo impegno di tagliare i consumi di energia del 20% per il 2020». Più volte, infatti, la Commissione Ue ha lanciato l'allarme sulle politiche comunitarie in materia di efficienza, inadeguate a raggiungere il target al 2020, che comunque non è legalmente vincolante.

Oltre a un programma obbligatorio per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici, la direttiva prevede un calo progressivo della vendita di energia da parte delle aziende fornitrici. Fra le altre misure previste, l'obbligo per le grandi aziende di sottoporsi ad una valutazione sui consumi energetici da parte di terzi, mentre, per quanto riguarda gli obiettivi nazionali di riduzione dei consumi, ogni Stato membro dovrà presentare a Bruxelles un piano triennale (nel 2014, 2017 e 2020) con i propri impegni e le modalità scelte per attuarli.

Non è stato possibile, infatti, lasciare che fosse l'Ue a stabilire il target di ciascun Paese, anche a causa della strenua opposizione di diversi Governi nazionali. Il voto favorevole della commissione Energia, infatti, giunge dopo molti mesi di trattative tra le diverse istituzioni comunitarie e diversi interventi correttivi sul testo iniziale proposto dalla Commissione. Ora occorrerà attendere l'esito della votazione in seduta plenaria di settembre, nonché il successivo pronunciamento del Consiglio Ue.

Turmes, comunque, è consapevole che la definitiva approvazione della direttiva sarebbe solo uno dei passi necessari nella direzione dell'efficienza energetica: «Per riempire questa lacuna deve essere fatto ancora molto – ha dichiarato - Raggiungere il nostro obiettivo ha senso, non solo per migliorare la nostra sicurezza energetica e i target climatici, ma anche sul fronte economico, perché può stimolare l’attività il mercato e creare milioni di posti di lavoro, mentre riduce le bollette energetiche per le imprese e le famiglie e la nostra dipendenza dalle importazioni di energia».


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Comieco CoReVe Corepla CiAl Rilegno Ricrea

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter