FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Illuminazione
> Ecopedia

Illuminazione: nel 2011 consumi elettrici in calo in Italia, ma il dato resta doppio rispetto alla media Ue


 

Secondo gli ultimi dati Terna, l'anno scorso il consumo energetico nazionale per tenere accesi i lampioni è calato del 2,6% rispetto al 2010. Il dato pro-capite, però si mantiene molto alto, praticamente doppio rispetto alla media europea. La provincia di Torino è quella, tra le più popolate d'Italia, con il consumo individuale più alto, superiore anche alla media nazionale

 

di Silvana Santo
mercoledì 18 luglio 2012 13:40

 

Illuminazione: nel 2011 consumi elettrici in calo in Italia, ma il dato resta doppio rispetto alla media Ue
clicca sull'immagine per ingrandire

Calano i consumi elettrici nazionali per l'illuminazione pubblica, ma restano comunque molto alti: circa il doppio della media dell'Unione europea. È il dato che emerge dall'ultimo resoconto pubblicato da Terna sui consumi di energia elettrica per settore merceologico relativi al 2011. L'anno scorso, l'Italia ha impiegato 6.201,8 milioni di chilowattora per l'illuminazione stradale, facendo registrare un calo del 2,6% rispetto al 2010, quando i consumi avevano toccato quota 6.366 milioni di kwh.

Nonostante la flessione, però, il consumo pro-capite dell'Italia (61.016.804 di abitanti a luglio 2011) rimane comunque molto alto: 101,6 chilowattora, più del doppio della Germania (42 kwh), e praticamente due volte la media europea, che è di 51 chilowattora. Del resto, lo ha più volte denunciato l'associazione Cielo Buio, sottolineando come anche i costi sostenuti dalla collettività per illuminare le città italiane siano molto alti, soprattutto, come rivela l'inchiesta che Eco dalle Città sta portando avanti da mesi, a causa di spese di manutenzione molto elevate.

I dati raccolti da Terna, che l'ufficio stampa ci spiega provenire nella maggioranza dei casi dalle aziende energetiche locali (A2A, Acea, Iren, Anea, etc), non prevedono il dettaglio cittadino, ma permettono di analizzare la situazione provincia per provincia. Scendendo dunque al livello provinciale, si nota che il trend nazionale è confermato anche dai dati relativi ai territori di tutte le principali città italiane. In provincia di Torino, ad esempio, i kwh consumati per i lampioni sono diminuiti del 2,5% rispetto al 2010. A Milano e hinterland il calo è stato del 3,8%, superiore quindi rispetto alla media nazionale. Situazione simile a Roma e provincia (-4%), mentre nel napoletano i consumi per l'illuminazione sono calati addirittura del 19,7%. Impossibile dire quanto i capoluoghi abbiano contribuito a questa diminuzione e quanto invece il calo sia dovuto all'iniziativa degli altri comuni della provincia.

Interessante notare, invece, che non sempre le province più popolose sono quelle che consumano di più. Confrontando i dati pro capite, la provincia più “sprecona” tra quelle più popolose risulta quella di Torino, dove nel 2011 sono stati impiegati 107,6 kwh a testa per alimentare i lampioni. Più della media nazionale e praticamente il doppio del consumo della provincia di Milano. La provincia più oculata (sempre tra le 5 principali), almeno per quanto riguarda l'illuminazione, è stata quella napoletana, con un consumo pro-capite di 49,7 chilowattora.

Nella tabella allegata, l'andamento dei consumi nelle principali province italiane.


 

 


Scarica la tabella con i consumi delle singole province [0,04 MB]

Elaborazione Eco dalle Città su dati Terna


 

 


Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

CoReVe Comieco Corepla Rilegno Ricrea CiAl

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter