GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Illuminazione
> Ecopedia

Illuminazione: nel 2011 consumi elettrici in calo in Italia, ma il dato resta doppio rispetto alla media Ue


 

Secondo gli ultimi dati Terna, l'anno scorso il consumo energetico nazionale per tenere accesi i lampioni è calato del 2,6% rispetto al 2010. Il dato pro-capite, però si mantiene molto alto, praticamente doppio rispetto alla media europea. La provincia di Torino è quella, tra le più popolate d'Italia, con il consumo individuale più alto, superiore anche alla media nazionale

 

di Silvana Santo
mercoledì 18 luglio 2012 13:40

 

Illuminazione: nel 2011 consumi elettrici in calo in Italia, ma il dato resta doppio rispetto alla media Ue
clicca sull'immagine per ingrandire

Calano i consumi elettrici nazionali per l'illuminazione pubblica, ma restano comunque molto alti: circa il doppio della media dell'Unione europea. È il dato che emerge dall'ultimo resoconto pubblicato da Terna sui consumi di energia elettrica per settore merceologico relativi al 2011. L'anno scorso, l'Italia ha impiegato 6.201,8 milioni di chilowattora per l'illuminazione stradale, facendo registrare un calo del 2,6% rispetto al 2010, quando i consumi avevano toccato quota 6.366 milioni di kwh.

Nonostante la flessione, però, il consumo pro-capite dell'Italia (61.016.804 di abitanti a luglio 2011) rimane comunque molto alto: 101,6 chilowattora, più del doppio della Germania (42 kwh), e praticamente due volte la media europea, che è di 51 chilowattora. Del resto, lo ha più volte denunciato l'associazione Cielo Buio, sottolineando come anche i costi sostenuti dalla collettività per illuminare le città italiane siano molto alti, soprattutto, come rivela l'inchiesta che Eco dalle Città sta portando avanti da mesi, a causa di spese di manutenzione molto elevate.

I dati raccolti da Terna, che l'ufficio stampa ci spiega provenire nella maggioranza dei casi dalle aziende energetiche locali (A2A, Acea, Iren, Anea, etc), non prevedono il dettaglio cittadino, ma permettono di analizzare la situazione provincia per provincia. Scendendo dunque al livello provinciale, si nota che il trend nazionale è confermato anche dai dati relativi ai territori di tutte le principali città italiane. In provincia di Torino, ad esempio, i kwh consumati per i lampioni sono diminuiti del 2,5% rispetto al 2010. A Milano e hinterland il calo è stato del 3,8%, superiore quindi rispetto alla media nazionale. Situazione simile a Roma e provincia (-4%), mentre nel napoletano i consumi per l'illuminazione sono calati addirittura del 19,7%. Impossibile dire quanto i capoluoghi abbiano contribuito a questa diminuzione e quanto invece il calo sia dovuto all'iniziativa degli altri comuni della provincia.

Interessante notare, invece, che non sempre le province più popolose sono quelle che consumano di più. Confrontando i dati pro capite, la provincia più “sprecona” tra quelle più popolose risulta quella di Torino, dove nel 2011 sono stati impiegati 107,6 kwh a testa per alimentare i lampioni. Più della media nazionale e praticamente il doppio del consumo della provincia di Milano. La provincia più oculata (sempre tra le 5 principali), almeno per quanto riguarda l'illuminazione, è stata quella napoletana, con un consumo pro-capite di 49,7 chilowattora.

Nella tabella allegata, l'andamento dei consumi nelle principali province italiane.


 

 


Scarica la tabella con i consumi delle singole province [0,04 MB]

Elaborazione Eco dalle Città su dati Terna


 

 


Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Comieco Ricrea CiAl Corepla

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!