GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Mobilità > Trasporto pubblico

Sciopero dei Trasporti a Bari venerdì 20 luglio


 

Nella giornata del 20 luglio 2012 è stato indetto uno sciopero nazionale del trasporto pubblico locale di 4 ore. Lo hanno proclamato unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti e Faisa Cisal "a seguito della comunicazione da parte delle associazioni datoriali, Asstra e Anav, di recesso dal Contratto della Mobilita"

 

giovedì 19 luglio 2012 12:13

 

Sciopero dei Trasporti a Bari venerdì 20 luglio
clicca sull'immagine per ingrandire

Le Ferrovie del Sud Est (FSE) comunicano che lo sciopero sarà diversamente articolato per provincia:

Provincia di Bari e Brindisi: dalle ore 8.30 alle ore 12.30

Provincia di Lecce: dalle ore 8.00 alle ore 11.59

Provincia di Taranto: dalle ore 20.00 alle ore 23.59

Inoltre, per lo stesso giorno, un’altra O.S. ha proclamato detto sciopero, indipendentemente dalla provincia, dalle ore 8.30 alle ore 12.29. Pertanto la circolazione ferroviaria ed automobilistica potrà subire ritardi e/o soppressioni al di fuori delle fasce orarie, nelle quali sono previsti i servizi minimi essenziali ferroviari ed automobilistici di cui alla Legge n.146/90 (dalle ore 5.00 alle ore 8.00 e dalle ore 12.30 alle ore 15.30).

Ulteriori informazioni relative al servizio nella giornata di sciopero potranno essere richieste a:

Servizio Ferroviario
: - BARI 080 5462417 - LECCE 348 6008175

Servizio Automobilistico
: per BARI e provincia 080 5462243 per BRINDISI e provincia 099 4715902 per LECCE e provincia 0832 668217 per TARANTO e provincia 099 4715902.

Le Ferrovie Appulo Lucane informano l’utenza che lo sciopero è stato proclamato da organizzazioni sindacali territoriali di Bari e regionali di Potenza pertanto, dalle ore 08.31 alle ore 12.30, potranno verificarsi ritardi e soppressioni di treni e/o corse automobilistiche.

La Ferrotramviaria informa che l'astensione dal lavoro del personale di esercizio è prevista dalle ore 8.00 alle ore 12.00. Pertanto nella suddetta fascia oraria potrà non essere garantita la regolare effettuazione dei treni e delle corse automobilistiche.

Le Ferrovie del Gargano comunicano che l'adesione allo sciopero del personale del servizio ferroviario e automobilistico, se non revocata, potrà comportare ritardi e/o soppressioni di corse ferroviarie ed automobilistiche locali comprese tra le ore 8.30 e le ore 12.30.

I servizi essenziali garantiti da Trenitalia in caso di sciopero sono istituiti nelle fasce orarie di maggiore frequentazione: dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00 dei giorni feriali. I treni che si trovano in viaggio a scioper iniziato di norma arrivano comunque a destinazione finale se questa è raggiungibile entro un'ora dall'inizio dell'agitazione sindacale.

In allegato l'elenco treni Trenitalia Puglia garantiti in caso di sciopero del trasporto locale


 

 


 

ZappaMI

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!