FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

"Stati Generali della Green Economy": posto sbagliato, momento sbagliato?

di Gianluca Bertazzoli
del 26 novembre 2014

Sono passate più di due settimane dalla fine di Ecomondo, che ha ospitato per la terza volta come “f…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Mobilità > Trasporto pubblico

La spending review piega il trasporto pubblico: a rischio 580 milioni di chilometri di rete


 

Asstra e Anav lanciano l'allarme: negli ultimi anni i tagli ai trasporti sono stati troppi e fatti sempre con poca "ratio". Il sistema così rischia seriamente il collasso e i disservizi potrebbero diventare la regola e non l'eccezione

 

di Valerio Mingarelli
giovedì 19 luglio 2012 20:38

 

La spending review piega il trasporto pubblico: a rischio 580 milioni di chilometri di rete
clicca sull'immagine per ingrandire

"In questo periodo si stanno addensando una serie di provvedimenti in aggiunta a quelli del passato. Un quadro negativo che si sta sviluppando dal 2008 in poi con la legge 294/2008". Lo ha detto oggi il presidente di Asstra - Associazione nazionale delle aziende di trasporto pubblico locale, Marcello Panettoni, durante la conferenza stampa che ha tenuto insieme al presidente dell'Anav, Nicola Biscotti e sulla situazione dei tagli al Trasporto pubblio locale, ''secondo le nostre stime, le previsioni per il 2013 sul trasporto pubblico avrebbe delle conseguenze insostenibili".

"Pensavamo che nel 2007 si fosse arrivati a un impegno costruttivo, ma questo e' il quadro - aggiunge il presidente dell'Anav, Nicola Biscotti -. Vogliamo far presente al Governo che si sta tagliando un settore importante per i cittadini, al limite della sopravvivenza. Il vero problema e' anche l'efficienza delle imprese. Vogliamo una politica industriale come in Germania".

"Ogni taglio produce effetti che provocano perdite di lavoro. Bisogna stabilire con norma di legge il trasporto pubblico locale cosi' da consentire un servizio che migliori la qualita' della vita” - conclude Panettoni. Secondo le stime di Asstra e Aanv, se i tagli della spending review agli enti locali (1,7 miliardi) ricadessero tutti sul trasporto locale, nei prossimi due anni ci sarebbero 27mila posti di lavoro e 580 milioni di chilometri di rete in meno, col risultato di lasciare a piedi 1 milione di passeggeri al giorno.


 

 

 

 

Inserisci un commento:

ATTENZIONE: l'inserimento di commenti volgari o offensivi sarà perseguito a norma di legge



(visibile solo all'utente amministratore)


Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (13)

Conai

 

Comieco CiAl Corepla Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter