FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

"Stati Generali della Green Economy": posto sbagliato, momento sbagliato?

di Gianluca Bertazzoli
del 26 novembre 2014

Sono passate più di due settimane dalla fine di Ecomondo, che ha ospitato per la terza volta come “f…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

A tu per tu con Terra Madre, una testimonianza dal Salone del Gusto

di Matteo Volpengo
del 27 ottobre 2014

Cibo, volti, sguardi. Poter viaggiare, nell’arco di poche decine di metri, dalle Filipp…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Sentinelle per MENO RIFIUTI

 

Acqua > Bene Comune

Acqua pubblica: depositata a Torino la proposta di delibera per il rispetto del referendum


 

Consegnate in Comune 4500 firme di torinesi che chiedono, a poco più di un anno dai referendum del giugno 2011, di applicare l'esito del voto trasformando la SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico

 

lunedì 23 luglio 2012 13:38

 

Acqua pubblica: depositata a Torino la proposta di delibera per il rispetto del referendum
clicca sull'immagine per ingrandire

Sono state consegnate questa mattina all'Urp di piazza Palazzo di Città 4500 firme di torinesi che chiedono, a poco più di un anno dai referendum del giugno 2011, di applicare l'esito del voto trasformando la SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico. "È l’ultima tappa di un percorso di democrazia diretta che ha coinvolto nel tempo decine di migliaia di concittadini/e a difesa della proprietà e gestione pubblica della nostra acqua -ricorda il Comitato Acqua Pubblica Torino-: dalla proposta di legge di iniziativa popolare per l’acqua pubblica (2007), all’introduzione nello Statuto della Città del principio della proprietà e gestione pubblica dell’acqua 2010, alla straordinaria vittoria del Referendum del 12-13 giugno 2011 con il quale oltre 26 milioni di italiani, dei quali 383.651 torinesi, si sono pronunciati contro la privatizzazione dell’acqua, dei trasporti locali e dei servizi di igiene urbana e contro i profitti sull’acqua. A un anno da quel voto, il Consiglio Comunale è chiamato a rispettare la volontà popolare espressa dal Referendum".



La presentazione della proposta di delibera è stata preceduta lo scorso 9 luglio dalla mozione approvata dal Consiglio Comunale che impegna Sindaco e Giunta a dare attuazione agli stessi obiettivi ed arriva a poche ore dalla sentenza della Corte Costituzionale che ha annullato le norme reintrodotte dopo il referendum sia dall’ultimo governo Berlusconi sia dal governo Monti.
Un'analoga proposta di deliberazione corredata di oltre 10 mila firme (il doppio di quelle prescritte) verrà presentata anche alla Provincia di Torino che presiede l’Organismo di governo del Sistema Idrico Integrato torinese comprendente ben 286 Comuni.


 

 


 


Notizie correlate


» Servizi pubblici locali: il punto dopo la sentenza della Corte costituzionale


» 11 mila firme anche al Consiglio Provinciale: "Trasformate Smat come richiesto dal referendum"


 


Sentinelle dei Rifiuti

 

ZappaMI

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (13)

SMAT lungo

 

Corepla Ricrea CiAl Comieco

 

Meno rifiuti 2014 Eco dalle Città Visibili

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter