GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Sentinelle per MENO RIFIUTI

 

Acqua > Bene Comune

Acqua pubblica: depositata a Torino la proposta di delibera per il rispetto del referendum


 

Consegnate in Comune 4500 firme di torinesi che chiedono, a poco più di un anno dai referendum del giugno 2011, di applicare l'esito del voto trasformando la SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico

 

lunedì 23 luglio 2012 13:38

 

Acqua pubblica: depositata a Torino la proposta di delibera per il rispetto del referendum
clicca sull'immagine per ingrandire

Sono state consegnate questa mattina all'Urp di piazza Palazzo di Città 4500 firme di torinesi che chiedono, a poco più di un anno dai referendum del giugno 2011, di applicare l'esito del voto trasformando la SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico. "È l’ultima tappa di un percorso di democrazia diretta che ha coinvolto nel tempo decine di migliaia di concittadini/e a difesa della proprietà e gestione pubblica della nostra acqua -ricorda il Comitato Acqua Pubblica Torino-: dalla proposta di legge di iniziativa popolare per l’acqua pubblica (2007), all’introduzione nello Statuto della Città del principio della proprietà e gestione pubblica dell’acqua 2010, alla straordinaria vittoria del Referendum del 12-13 giugno 2011 con il quale oltre 26 milioni di italiani, dei quali 383.651 torinesi, si sono pronunciati contro la privatizzazione dell’acqua, dei trasporti locali e dei servizi di igiene urbana e contro i profitti sull’acqua. A un anno da quel voto, il Consiglio Comunale è chiamato a rispettare la volontà popolare espressa dal Referendum".



La presentazione della proposta di delibera è stata preceduta lo scorso 9 luglio dalla mozione approvata dal Consiglio Comunale che impegna Sindaco e Giunta a dare attuazione agli stessi obiettivi ed arriva a poche ore dalla sentenza della Corte Costituzionale che ha annullato le norme reintrodotte dopo il referendum sia dall’ultimo governo Berlusconi sia dal governo Monti.
Un'analoga proposta di deliberazione corredata di oltre 10 mila firme (il doppio di quelle prescritte) verrà presentata anche alla Provincia di Torino che presiede l’Organismo di governo del Sistema Idrico Integrato torinese comprendente ben 286 Comuni.


 

 


 


Notizie correlate


» Servizi pubblici locali: il punto dopo la sentenza della Corte costituzionale


» 11 mila firme anche al Consiglio Provinciale: "Trasformate Smat come richiesto dal referendum"


 


Sentinelle dei Rifiuti

 

ZappaMI

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

SMAT lungo

 

CiAl Comieco Ricrea

 

Eco dalle Città Visibili Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!