FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Le Cartoniadi come occasione sociale

di Paolo Hutter
del 22 ottobre 2014

A  novembre   le 9 circoscrizioni di Milano e i 23 quartieri storici di Torino sono in …

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Rifiuti > Riciclo

Regione Campania: crescono riciclo e recupero di imballaggi grazie alla collaborazione con CONAI


 

In Campania dal 2009 al 2011 è cresciuta del 21% la quantità di rifiuti di imballaggio conferiti ai Consorzi di filiera. Regione Campania e CONAI confermano l'impegno sottoscritto con l'accordo di programma siglato nel marzo 2011 insieme al Ministero dell'Ambiente

 

mercoledì 25 luglio 2012 15:12

 

Regione Campania: crescono riciclo e recupero di imballaggi grazie alla collaborazione con CONAI
clicca sull'immagine per ingrandire

Nel 2011 in Campania sono stati conferiti ai singoli Consorzi di filiera 345.970 tonnellate di rifiuti da imballaggi. La crescita dei rifiuti da imballaggio avviati a riciclo è di oltre 60.000 tonnellate rispetto al 2009: un incremento pari al 21% che ha permesso alla Campania di emergere tra le regioni del Sud, registrando una raccolta differenziata pro-capite di 60 kg per abitante all'anno.

Negli ultimi 11 anni, dal 2000 ad oggi, grazie al lavoro svolto dalla Regione, dalle Province e dai Comuni campani, in collaborazione con CONAI, si è riusciti ad avviare a riciclo un totale di 2.004.952 di tonnellate di rifiuti di imballaggio.

Questi risultati sono stati ottenuti anche grazie ad una serie di attività che il CONAI, nell'ambito di un piano straordinario per le aree in ritardo, ha realizzato nel corso degli anni. Attività che comprendono un supporto di tipo tecnico ed economico diretto alle amministrazioni comunali per l'implementazione dei servizi di raccolta differenziata.

"Una performance positiva che testimonia - ha detto l'assessore all'Ambiente Giovanni Romano - l'importanza dell'Accordo di programma, siglato lo scorso marzo 2011, tra Regione Campania, Ministero dell'Ambiente e CONAI. Tra gli obiettivi, vi era appunto quello di supportare tutte le amministrazioni (162) che a dicembre 2010 non avevano conseguito l'obiettivo minimo del 35% di raccolta differenziata. I dati del CONAI confermano che siamo sulla strada giusta per il raggiungimento della media regionale del 65% di raccolta differenziata, prevista dal Piano di Gestione dei rifiuti. Stiamo lavorando per sbloccare le risorse finanziarie già stanziate a favore dei Comuni per migliorare i sistemi di raccolta e sono in dirittura d’arrivo anche le procedure per stipulare idonee intese con i Consorzi di Filiera del Consorzio CONAI per migliorare la qualità della raccolta differenziata selettiva.

"Negli ultimi due anni abbiamo dimostrato, grazie alla collaborazione con il CONAI, che esiste una Campania virtuosa. Siamo convinti che occorra partire dalla raccolta differenziata: in primo luogo perché consente di intercettare consistenti quantità di rifiuti da riciclare sottraendoli allo smaltimento finale e, quindi, alle discariche; in secondo luogo perché consente di consolidare comportamenti individuali virtuosi e sostenibili dal punto di vista ambientale", conclude Romano.

"La sottoscrizione dell'accordo di programma - dichiara Walter Facciotto, direttore generale di CONAI - con il Ministero dell'Ambiente e la Regione Campania conferma l’impegno del CONAI a supportare le iniziative di sviluppo della raccolta differenziata e di valorizzazione dei materiali nella Regione. Impegno che ha come principale obiettivo quello di favorire la crescita non solo quantitativa ma anche qualitativa della raccolta, così da poter incrementare la quota di rifiuti di imballaggio avviati a riciclo, togliendoli dalla discarica. Un ruolo centrale per l'affermarsi di questo circuito virtuoso l'hanno avuto i cittadini e i Comuni che grazie al loro impegno hanno contribuito a dare una seconda vita ai materiali da imballaggio. CONAI continuerà ad impegnarsi per mantenere proficua questa collaborazione con la Regione, indirizzata a sviluppare e consolidare un sistema di gestione dei rifiuti di imballaggio basato sul recupero dei materiali, che potrà portare grandi benefici all'ambiente e all'economia del nostro Paese."


 

 

ZappaMI

 

Meno rifiuti 2014

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (6)

Conai

 

CiAl Corepla Ricrea Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter