GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Smog > Taranto

Associazioni su sequestro Ilva: “La storia di Taranto cambiata per sempre”


 

Le associazioni ambientaliste raccolte sotto il cartello ‘Taranto respira’ hanno diffuso una nota a firma congiunta. “Sono arrivati al pettine - si legge - tutti i nodi irrisolti dell’Ilva. Prevalga il senso di responsabilità per dare un futuro a tutti i lavoratori e per costruire assieme un’alternativa di sviluppo ecosostenibile”

 

venerdě 27 luglio 2012 12:47

 

“La storia di Taranto è cambiata per sempre. Nulla sarà come prima”. Lo affermano in una nota Luigi Boccuni, Paola Casieri, Saverio De Florio, Alessandro Marescotti, Annamaria Moschetti, Rino Raffone e Massimiliano Saracino, del cartello di associazioni ambientaliste ‘Taranto respira’, riferendosi al provvedimento di sequestro degli impianti inquinanti dell’Ilva disposto dalla magistratura.

“Dopo anni di omissioni, incuria, negligenza e connivenza – sottolineano in una nota – sono arrivati al pettine tutti i nodi irrisolti dell’Ilva. La malapolitica a Taranto non ha protetto il suo territorio e la salute della collettività. Per anni una lobby di potere ha messo il silenziatore alla sofferenza”. Secondo gli ambientalisti, “tale atteggiamento negligente è stato controproducente e non è servito a proteggere i posti di lavoro.

E’ stato catastrofico”. Gli esponenti di Taranto Respira esprimono “solidarietà ai lavoratori danneggiati dall’incuria ambientale dell’azienda” e ricordano di aver “avanzato da tempo concrete proposte di bonifica che consentirebbero di reimpiegare gli operai. Le uniche proposte in campo sono state le nostre”. “La verità sul tappeto – concludono – è un’altra: la magistratura è intervenuta perché la politica ha fallito. In questo momento deve prevalere il senso di responsabilità per dare un futuro a tutti i lavoratori e per costruire assieme un’alternativa di sviluppo ecosostenibile”.


 

 


Notizie correlate


» Ilva di Taranto, sequestro e bonifiche. L'archivio aggiornato e i commenti alla notizia


 

ZappaMI

 

Olimpiadi del 2024 in una cittŕ italiana?







» commenti (4)

Conai

 

CiAl Comieco Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!