GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Mobilità

Cycling London, anche nella capitale inglese l'ultima moda è la bicicletta


 

La gente ha capito che non esiste mezzo più veloce, economico
e divertente. E nascono movimenti per i diritti dei ciclisti - da La Stampa.it del 30.07.2012

 

lunedì 30 luglio 2012 11:02

 

Cycling London, anche nella capitale inglese l'ultima moda è la bicicletta
clicca sull'immagine per ingrandire

di Sergio Dogliani

Da vent’anni la mia giornata comincia su due ruote, la posizione migliore per apprezzare il cambiamento graduale delle stagioni, il profumo della natura, il verde, il giallo e il rosso delle foglie, le tinte assortite di anitre, cigni, oche canadesi, cormorani, volpi, scoiattoli e porcospini - insomma, tutto quello che fa parte della flora e della fauna locale. Ma non solo la natura: andando a lavorare (o a passeggio) in bicicletta, ho anche modo di ammirare la splendida architettura urbana e inalare storia millenaria. Sono fortunato, devo dire, soprattutto se penso ai milioni di persone che, mentre io pedalo tranquillamente (addirittura fischiettando, se c’è il sole), si stressano su autobus e metropolitane strapiene - perché questo offre Londra, la scelta di un abbonamento perpetuo a dieci viaggi settimanali stretti come sardine al prezzo di un mini-mutuo su trasporti pubblici per niente eccezionali, o il vivere a un ritmo più umano, a misura di ruota.

Anche se negli ultimi anni si sono affermati ciclisti come Mark Cavendish e Bradley Wiggins e molta gente fa ciclismo agonistico, in Gran Bretagna la bicicletta viene ancora vista innanzitutto come un mezzo di trasporto. Spostarsi in bicicletta a Londra è ormai la scelta quotidiana per molti - non siamo ai livelli olandesi, dove il 27% degli spostamenti avviene in bici (contro il 2%), ma è un gran balzo in avanti rispetto a soli dieci anni fa, quando in bici ci andava meno della metà della gente. La gente ha capito che non esiste mezzo più veloce, economico, sicuro e divertente.

Recentemente la London Cycling Campaign (Lcc) ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione all’uso della bicicletta, chiamata giustamente «Love London, Go Dutch» (Ama Londra, fai all’olandese), con l’adesione dei cinque candidati sindaco, che non potevano rischiare di non allinearsi. La campagna ha raccolto una petizione di 40.000 firme, ha organizzato The Big Ride, una pedalata che ha visto 10.000 persone sfilare sotto una pioggia battente, rivendicando i diritti dei ciclisti. Un mese dopo, il neo-rieletto sindaco Boris Johnson ha promesso stanziamenti di 170 milioni di euro nei prossimi due anni, da aggiungersi ai fondi già investiti (grazie anche al privato) per creare 12 piste ciclabili nella capitale.

Tutte queste conquiste sono il culmine di un movimento di sensibilizzazione che da anni organizza, tra le altre cose, le pedalate del «critical mass», evento che l’ultimo venerdì del mese attira migliaia di ciclisti di tutte le abilità a Waterloo, per pedalare poi (in gruppo, legalmente ma senza itinerario), per le vie del centro, a dispetto di automobilisti ormai vicini al collasso, visti i prezzi della benzina, il costo del transito automobilistico urbano di 12 euro al giorno, e spostamenti nella capitale che raggiungono una velocità media di 10 miglia all’ora (esattamente come 100 anni fa, al tempo delle carrozze a cavallo). Il bello della bicicletta è anche far parte di questo.

Nel corso degli anni io ho messo a frutto il grande senso pratico anglosassone, e mi sono equipaggiato per poter arrivare al lavoro - vento, pioggia o sole che sia - in buone condizioni, con giacca e cravatta senza una piega. Come mezzi alterno un’efficacissima Marin californiana con la Brompton, una meraviglia di ingegneria britannica che si piega in 20 secondi netti, così piccola da poterla parcheggiare sotto la scrivania. Ma visto che siamo in Inghilterra, la pragmaticità va sempre a braccetto con l’eccentricità: ecco allora strade popolate da bici di qualsiasi forma e misura, pieghevoli, da corsa, mountain bike, tricicli, con carretto, bohémienne, a ruota fissa (con, ma preferibilmente senza freni) e poi le curiose ma comodissime recumbents , per non dimenticare poi le pedalate naturiste in centro. Molto di moda ultimamente anche le bici-caffetterie, locali di tendenza dove ci si trova per riparare da sé (o farsi riparare) la bici, ma anche per godersi brioche e cappuccino con amici (ciclisti e non).

Le biciclette sono diventate anche un’ispirazione nella fotografia, al cinema o a teatro - penso allo spettacolo che ho visto con mio figlio Rocco (10 anni, ciclista giornaliero come me): Ladri di biciclette , in versione teatro acrobatico di strada, aggiornata, con colonna sonora hip-pop, danza e bici bmx. Ma non sempre è così facile vivere la bicicletta qui: impossibile ignorare i furti di selle, luci, ruote, telai (spesso tutti insieme), decine di migliaia all’anno. E peggio ancora constatare l’aumento di ciclisti morti su strada, 16 l’anno scorso, quasi tutti vittime dell’imprudenza di automobilisti e camionisti - a ricordarcelo sono le bici-fantasma, tutte dipinte di bianco, monumenti alla memoria ciclistica.

Nonostante questo, l’aumento dell’uso della bicicletta, anche tra i bambini, fa sperare nel futuro, perché una sana abitudine alle due ruote è una scorciatoia per la felicità. Lo diceva anche John Lennon: quando da bambino gli avevano chiesto cosa voleva diventare da grande, lui aveva risposto semplicemente: felice. E alla sua felicità contribuiva anche la bicicletta: «Da bambino avevo un sogno, volevo avere una bicicletta tutta mia. Quando sono riuscito ad averne una, devo essere stato il bambino più felice di Liverpool, forse del mondo. Vivevo per quella bicicletta. Alla sera, la maggior parte degli altri bambini ritiravano la bicicletta nel cortile. Io no. Io insistevo nel portarmela in casa, e la prima notte l’ho persino tenuta nel mio letto».


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Ricrea Comieco Corepla CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!