GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Smog > Taranto

Ilva. Wwf: "Il Ministero dell'Ambiente ritiri le autorizzazioni rilasciate all'impianto"


 

Tre elementi a sostegno del nesso tra inquinamento ambientale e patologie: difformità tra le emissioni registrate di giorno e di notte, una bonifica mai partita, approccio precauzionale assente. Condizioni essenziali per la ripresa delle attività: serio rispetto dei limiti di emissioni inquinanti, bonifica e riconversione dell’area industriale. Anche l’Ilva di Taranto su www.wwf.it/stopinquinamento

 

mercoledì 01 agosto 2012 17:58

 

Ilva. Wwf: "Il Ministero dell'Ambiente ritiri le autorizzazioni rilasciate all'impianto"
clicca sull'immagine per ingrandire

“Il Ministero dell’Ambiente ritiri in autotela l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata dal Governo precedente allo stabilimento Ilva di Taranto e preveda la sospensione delle autorizzazioni ambientali antecedentemente rilasciate e sostituite dall’AIA”. E’ la richiesta del WWF Italia al Ministero dell’Ambiente in merito allo stabilimento Ilva di Taranto. “L’intervento della magistratura - prosegue l’associazione - dimostra inequivocabilmente che come sostenuto dal WWF, che a tale proposito ha presentato ricorso e che dal 2001 s’interessa con i propri legali dell’inquinamento dell’Ilva di Taranto, non esistevano i termini per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. Ora, cogliendo spunto dal sequestro degli impianto, il Ministero può rivedere la valutazione sull’AIA e porre ben altre condizioni a garanzia dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente per la ripresa delle attività”.

“Il WWF Italia ricorda inoltre al Ministero dell’Ambiente, semmai ce ne fosse bisogno, che già nel 2001 la Procura di Taranto aveva ordinato con un sequestro preventivo la chiusura degli impianti dell’Ilva, individuando così già da allora la responsabilità dei vertici dell’azienda. E’ quindi paradossale che dopo oltre 10 anni la questione dell’inquinamento ambientale e dei relativi impatti sulla salute debba essere riportata alla ribalta ancora una volta dalla magistratura penale e che nel frattempo la politica non abbia operato per una soluzione reale del problema”.

“Sostenere che l’attuale attività dell’Ilva non avrebbe incidenza diretta sugli impatti ambientali e sulle patologie a questi connesse riscontrate sul territorio è quantomeno ‘avventuroso’ almeno per tre motivi: 1. Da tempo si è riscontrato che le emissioni di notte sono difformi rispetto a quelle registrate di giorno. 2. L’insieme dello stabilimento è causa d’inquinamento dovuto ad attività pregresse ed è davvero difficile calcolare l’entità complessiva dei rilasci, per prevenire i quali da tempo è stata predisposta un’azione di bonifica mai partita. 3. Le attuali emissioni si aggiungono dunque a quelle pregresse e, in assenza di certezze sull’assoluto e puntuale rispetto dei limiti previsti dalla legge, occorre adottare un approccio precauzionale totalmente mancato negli ultimi 20 anni”.

“L’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dal Ministero dell’Ambiente ignorava infatti del tutto il pregresso e le responsabilità, un pregresso che il Ministero avrebbe ben dovuto riconoscere, visto che l’area dell’Ilva prima di essere Sito d’Interesse Nazionale (SIN), era già stata dichiarata dal Ministero stesso ‘area ad alto rischio ambientale’”.

Se è vero che, anche a seguito di ammodernamenti tecnologici, le emissioni di oggi non sono quelle di 20 anni fa, è altrettanto vero che l’attività inquinante è rimasta costante e quella di bonifica non è mai partita. Se non si vuole tornare ai tempi delle miniere, il diritto al posto di lavoro non può prescindere dalla tutela della salute connessa alle attività produttive e quindi anche alla tutela della salute di tutti coloro che vivono in prossimità di uno stabilimento industriale. A Taranto tutto ciò è mancato e pertanto il WWF ribadisce che, se da un lato la magistratura non va isolata dalla politica rispetto all’atto dovuto che ha fatto, dall’altro le attività possono riprendere solo alla luce di un serio rispetto dei limiti di emissioni e comunque nell’ottica di una bonifica e riconversione dello stabilimento”.

Il progetto WWF "Stop inquinamento"
“Il WWF lotta per una specie a rischio: la tua”. E’ lo slogan del progetto del WWF per sostenere l’attività dell’Associazione a favore di uno sviluppo sostenibile, di un’economia sana e per difendere anche nei tribunali l’ambiente e la salute dei cittadini dai danni provocati dall’inquinamento industriale.

Per saperne di più vai su www.wwf.it/stopinquinamento


 

 


Notizie correlate


» Ilva di Taranto, sequestro e bonifiche. L'archivio aggiornato e i commenti alla notizia


» Ilva. Clini alla Camera: "Impatti vanno messi in relazione alle normative del tempo"


» Legambiente: "Un’altra Ilva è possibile"


 

ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

CiAl Ricrea Corepla Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!