FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Smog > Motori e Incentivi
> Ecopedia

Di che Euro è lo si legge sull'auto. Dove?


 

In Germania e Danimarca il sistema della vetrofania indicante la classe inquinante del veicolo è ampiamente utilizzato ed è obbligatorio se si vuole entrare nelle zone a bassa emissione (praticamente tutte le aree urbane). Così le autorità possono verificare immediatamente se il veicolo può circolare o meno

 

venerdì 03 agosto 2012 13:14

 

Di che Euro è lo si legge sull'auto. Dove?
clicca sull'immagine per ingrandire

Giulio Gonella

In Piemonte, la Regione ha recentemente abolito le vetrofanie indicanti la classe inquinante del veicolo. Erano state introdotte dalla stessa Regione – ma diversa Giunta – nel 2008, ed erano uno strumento prezioso ed importante per il controllo dei vigili urbani, che potevano verificare immediatamente se il veicolo in questione potesse circolare o meno, a seconda dei divieti imposti.

Questo sistema non veniva usato solo in Piemonte, ma anche in molte altre città italiane (come Milano, Como, Bologna); garantisce, infatti, un semplice ed immediato controllo da parte delle autorità, non solo nel caso delle LEZ (le cosiddette Low Emission Zones), ma anche in occasione dei blocchi del traffico, in quanto il bollino indica anche il tipo di alimentazione del veicolo.

Spostandoci all'estero, questo sistema di controllo è ampiamente utilizzato in Germania e Danimarca, dove esiste una legge nazionale a riguardo, che sancisce l'obbligo dello sticker su tutti gli autoveicoli.
Addirittura, se un veicolo autorizzato a circolare in una determinata LEZ è sprovvisto del bollino, la sua presenza in quella zona è comunque illegale, e quindi l'automobilista può essere multato.

Nel Regno Unito, invece, il metodo di verifica della classe inquinante cambia: non più il bollino da apporre sul parabrezza, ma il controllo della targa dell'autoveicolo mediante telecamere.
Anche a Milano, prima con Ecopass e ora con Area C, le telecamere del Comune sono in grado di rilevare la classe inquinante del veicolo. Ma quelle torinesi non sono in grado di farlo.


 

 


Notizie correlate


» La Regione Piemonte abolisce bollino blu e vetrofania: "Obbligo inutile"


» "Vetrofanie inutili". Ci pensano le telecamere a fare i controlli anti-smog?


» Ronco: "Giusta l'abolizione del bollino blu, ma ora le telecamere vanno aggiornate per faciltare i controlli"


 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Ricrea CiAl Comieco Corepla Rilegno CoReVe

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter