GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Smog > Taranto

Sequestro Ilva, Tribunale del Riesame: la decisione entro il 9 agosto


 

Ilva, via all'udienza al Riesame. La decisione dei giudici circa il ricorso sugli arresti degli otto imputati e sul sequestro degli impianti dell'area a caldo dell'Ilva sarà depositata entro il 9 agosto. Nel frattempo le forze dell'ordine presidiano dall'interno e dall'esterno il Tribunale di Taranto, ma finora nessun tipo di pressione o di contestazione è giunta ai giudici

 

sabato 04 agosto 2012 18:27

 

Sequestro Ilva, Tribunale del Riesame: la decisione entro il 9 agosto
clicca sull'immagine per ingrandire

Il Tribunale del Riesame di Taranto in queste ore sta decidendo in udienza riservata sui ricorsi presentati dall'Ilva: sequestro degli impianti dell'area a caldo dello stabilimento siderurgico e l’arresto degli otto imputati, attualmente ai domiciliari, avvenuto il 26 luglio scorso. I giudici del Tribunale del Riesame (presidente Antonio Morelli, a latere Alessandra Romano e Benedetto Ruberto) scoglieranno la riserva mercoledì o giovedì prossimo. Nel frattempo le forze dell'ordine presidiano dall'interno e dall'esterno il Tribunale di Taranto, ma finora nessun tipo di pressione è giunta ai giudici

Gli avvocati dell'Ilva hanno depositato una memoria difensiva con nuove perizie di parte sull'impatto ambientale e il livello d'inquinamento - i fattori in base ai quali il gip di Taranto aveva accolto la richiesta di sequestro di sei aree dell'impianto presentata dai pm. Secondo fonti legali, le perizie, che contestano i rilievi svolti dai tecnici nominati dalla procura, si concentrano soprattutto sui livelli d'inquinamento notturni e sui fumi sprigionati di notte. I pubblici ministeri, Pietro Argentino e Mariano Buccoliero, e il procuratore capo Franco Sebastio, invece, non hanno prodotto nuove carte e baseranno la loro accusa sulla documentazione già prodotta in fase di incidente probatorio. I legali dell'Ilva chiederanno la revoca del sequestro e l'affidamento in uso degli impianti con l'impegno di significative migliorie sugli stessi per abbattere l'inquinamento.


 

 


Notizie correlate


» Ilva di Taranto, sequestro e bonifiche. L'archivio aggiornato e i commenti alla notizia


 

ZappaMI

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!