GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Sostenibilità

Sull'oasi in Darsena decidano i milanesi


 

di Paolo Hutter, Repubblica ed Eco dalle Città, 6 agosto 2012

 

lunedì 06 agosto 2012 10:12

 

Sull'oasi in Darsena decidano i milanesi
clicca sull'immagine per ingrandire

Nel cuore della Darsena, in un punto chiave della città e delle trasformazioni previste per l’Expo, c’è una inedita risorsa naturale, un cantiere –evento spontaneo, un prezioso bene comune che nessuno aveva programmato e neanche immaginato: una sorta di oasi di vegetazione spontanea e uccelli (ma non solo) selvatici, sorta grazie alla interruzione dei lavori per quello che avrebbe dovuto diventare il parcheggio sotterraneo.
Non solo arbusti, piante e fiori, ma persino alberi che in pochi anni hanno superato i 5 metri.

Non si è ancora capito bene chi come quando e in che sede deciderà il destino di questa oasi, ma il Comune ed Expo 2015 dovrebbero rendersi conto che ormai questa sorta di boschetto lacustre è un pezzo della storia recente della città, ed è amato da molti cittadini vecchi e nuovi. Soprattutto da quelli nuovi, che non hanno nostalgia per il ricordo di una grande Darsena specchio d’acqua tutto portuale in mezzo al cemento della città, e che apprezzano il gioco dell’avifauna tra bosco e canneto, anche se ci sarebbe bisogno di un po’ di pulizia e di manutenzione. Ma non sarebbe difficile, volendo, con costi minimi e un po’ di volontariato, gestire l’area in modo che sia all’altezza della quantità di gente che passa e si ferma, e dell’importanza del luogo.

Quello dell’oasi della Darsena è un caso esemplare, quasi da studiare, di un nuovo bene comune sotto gli occhi di tutti, visto con favore da molti – penso dalla maggioranza – ma del quale nessuno si occupa. La Milano che vuole verde e alimentare l’Expo 2015 non dovrebbe – io direi addirittura non può – in nome di un astratto e improbabile “dover essere” di navigabilità far fuori una curiosa ricchezza naturale come questa oasi.

E’ impensabile che possa anche solo essere ridimensionata senza una discussione pubblica preventiva e una qualche forma di consultazione democratica. Il referendum in proposito non era stato abbastanza preciso anche se parlando di Darsena quale “porto delle città e area ecologica” aveva indicato di salvaguardare il verde spontaneo. Non è detto che la scelta debba essere drastica. Recentemente le architette Alessandra Mauri e Francesca Oggionni hanno elaborato un semplice progetto che consente di salvaguardare una parte dell’oasi pur facendo tornare a Darsena portuale gran parte dell’area. “Tutto ciò è assolutamente fattibile e a costi modesti: la darsena è vuota, le piante già ci sono, si tratta di definire il perimetro e collocarvi attorno un primo muretto e poi pietre che argineranno l'acqua fino ad una certa altezza.” Si tratterebbe di un’isola, per esempio di 80-100 metri di lunghezza di fronte alla sponda, per una decina di metri di larghezza.

A mio parere sarebbe meglio salvaguardarla tutta, ma c’è la possibilità tecnica di un compromesso, e la necessità democratica che la scelta sia partecipata. Intanto però, l’oasi dev’esser mantenuta. E se l’autunno scorso un’apertura dalla Conca del Naviglio aveva rischiato di annegare gli alberi, adesso la minaccia è la siccità, perché tutti i flussi d’acqua sono stati bloccati. Non si sa da chi e se per qualche scopo. Allora l’assessore Maran era intervenuto personalmente per salvare l’oasi, si spera che succeda


 

 


Notizie correlate


» Milano, Darsena Pioniera: proviamo a spostare l’oasi?


» Salvare l'oasi della Darsena. La nostra intervista a Mauro Belardi (WWF) | Video


 

AMSA reclutamento 2015

 

cariplo ok ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

CiAl Comieco Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!