GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Smog > Taranto

Puglia, Riesame Ilva: una ragione in più per lavorare senza sosta con la cabina di regia


 

"Una ragione in più per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati in tempi ristretti”. Così Lorenzo Nicastro, assessore all’Ambiente dopo aver appreso la notizia del Riesame. In mattinata, l’incontro con l’Ilva, su monitoraggio perimetrale, interventi sulle cokerie e riduzione del 10% delle attività della cokeria nei giorni di maestrale

 

martedì 07 agosto 2012 17:31

 

Puglia, Riesame Ilva: una ragione in più per lavorare senza sosta con la cabina di regia
clicca sull'immagine per ingrandire

“Prendiamo atto della decisione dei Giudici del Riesame di Taranto. La Regione Puglia dal canto suo ha sempre lavorato nella direzione di contemperare le esigenze di tutela della cifra ambientale e della salute dei cittadini con il diritto al lavoro. Questo atteggiamento costruttivo si è tradotto nel tempo in una serie di iniziative, non ultimo il piano di risanamento della qualità dell'aria per il quartiere Tamburi di Taranto, volte ad ambientalizzare gli stabilimenti al fine di ridurne impatti ed emissioni. Da oggi abbiamo una ragione in più per lavorare senza sosta per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati in tempi ristretti”. Così l'Assessore alla Qualità dell'Ambiente Lorenzo Nicastro apprendendo le notizie provenienti dal Riesame.

In mattinata i lavori della cabina di regia non si sono fermati. Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, l’assessore all’ambiente della Regione Puglia Lorenzo Nicastro hanno incontrato il Presidente dell’Ilva Bruno Ferrante.
“Oggi abbiamo molto insistito - ha aggiunto Vendola - su una richiesta per noi molto importante perché costituirebbe l’avvio di una ricostruzione del rapporto con la città, oltre che con i misuratori di inquinamento, e cioè il monitoraggio continuo perimetrale dell’azienda in grado di cogliere, in maniera complessiva e in profondità, tutti gli elementi inquinanti”.

Durante l’incontro, l’assessore all’Ambiente Lorenzo Nicastro ha illustrato gli interventi che l’Ilva si è impegnata a portare a termine.
“Si tratta – ha detto Nicastro – di interventi che per l’altro contenuto tecnologico e per la loro completezza, sono il miglior viatico per parlare di ambientalizzazione dello stabilimento, in attesa di eventi che non sono alla portata né della politica, né dell’azienda. Partiremo dal campionamento perimetrale delle fonti maggiormente inquinanti, con l’installazione di 4 o 5 centraline lungo il perimetro della fabbrica, per consentire un’attenta valutazione delle fonti di emissione. Ci saranno interventi sulle cokerie, con l’installazione della videosorveglianza che consentirà di tener sotto controllo le fughe all’apertura delle bocche dei forni ed avere un controllo di dettaglio sulle fonti emissive. Poi nei cosiddetti “wind days”, i giorni ventosi con vento da nord, l’azienda si è impegnata a ridurre del 10% le attività della cokeria. E infine si proseguirà con la bagnatura dei parchi minerari e con la riduzione della velocità dei veicoli che sollevano polveri, in vista della realizzazione delle colline ecologiche che proteggeranno i quartieri più a ridosso degli impianti”.

Il Presidente Bruno Ferrante, dal canto suo, ha inteso, nel corso dell’incontro, sottolineare la volontà da parte dell’Ilva di “ridurre l’impatto ambientale che lo stabilimento ha sul territorio di Taranto”. “Noi abbiamo deciso spontaneamente - ha aggiunto Ferrante - di adottare alcune soluzioni che non sono soluzioni imposte dalla legge o dall’Aia. Non vogliamo nascondere nulla. Sappiamo che ci sono alcuni problemi che dovranno essere risolti. Vogliamo dialogare con la città e con le Pubbliche Amministrazioni – ha concluso Ferrante - e per questo abbiamo dato la nostra disponibilità al monitoraggio perimetrale”.


 

 


Notizie correlate


» Ilva di Taranto, sequestro e bonifiche. L'archivio aggiornato e i commenti alla notizia


» Ilva, il Riesame conferma il sequestro. Concessa la facoltà d'uso per il risanamento ambientale


 

ZappaMI

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

Comieco Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!