GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Smog > Taranto

Wwf, Riesame decisione coerente. La ‘profezia’ della Procura di Taranto in un atto del 2000


 

Insieme alla bonifica Ministero e Regione garantiscano un rigido contenimento delle emissioni nei parametri di legge ed un maggiore rigore nell’applicazione delle autorizzazioni già rilasciate. La ‘profezia’ della Procura di Taranto su ambiente e salute in un atto del 2000

 

martedì 07 agosto 2012 18:12

 

“Una decisione coerente con l’evidenza dei dati della perizia sull’inquinamento ambientale e sui danni alla salute connessi”. Così il WWF Italia, che dal 2001 segue con i propri legali la vicenda dell’Ilva (ex-Italsider), commenta la sentenza del Tribunale del Riesame di Taranto che ha confermato il sequestro degli impianti.

“Le attività – prosegue l’associazione in una nota - possono proseguire soltanto se si crea un meccanismo credibile, misurabile e contestuale tra l’azione di bonifica e risanamento ambientale ed il rigido contenimento delle emissioni nei parametri di legge, che vanno monitorate costantemente da un soggetto terzo sotto il controllo delle istituzioni pubbliche. In questo contesto sono fondamentali sia il ruolo del Ministero dell’Ambiente sia della Regione che, in via prioritaria, devono farsi garanti del rispetto delle prescrizioni date al fine di evitarne l’elusione, come fin qui accaduto, con grave danno per la salute dei cittadini e dei lavoratori”.

“Il WWF continua a ritenere che, a valle dell’azione di bonifica e di una ripresa delle attività nei termini di legge, occorre riaprire un ampio confronto della riconversione dell’area industriale e di una riaffermazione della bellezza e del contesto ambientale di Taranto, oggi interamente schiacciato dall’attività industriale, prima dall’Italsider e poi dell’Ilva, avvenuta violando le garanzie di legge poste a tutela dei cittadini, dei lavoratori e dell’ambiente”.

LA ‘PROFEZIA’ DELLA PROCURA DI TARANTO NEL 2000
“E’ infine emozionante ricordare come la magistratura già oltre 12 anni fa, al di là delle proprie competenze specifiche, avesse intuito l’importanza di evidenziare la questione della tutela della salute e dell’ambiente insieme a quella dei posti di lavoro. In particolare, nelle considerazioni conclusive di un atto della Procura di Taranto del 15 dicembre del 2000, avente per oggetto ‘Inquinamento atmosferico nell’abitato di Taranto’ e rivolto a diverse istituzioni - tra cui Ministero dell’Ambiente, Regione e Comune - si legge: ‘L’esigenza di tutelare posti di lavoro in una terra che vive ancora drammaticamente di fenomeni di sottoccupazione e disoccupazione è ben nota a chi scrive che se ne fa anche carico, tanto da valutare con la massima attenzione le modalità dei propri interventi, ma nel bilanciamento degli interessi, che trovano adeguata tutela nella Carta costituzionale, gli Organi politico-amministrativi non possono privilegiarne alcuni a scapito di altri: la tutela dei posti di lavoro non può prescindere dal rispetto della salute degli operai e degli abitanti della città di Taranto e dei comuni limitrofi e dell’ambiente’.


 

 


Notizie correlate


» Ilva di Taranto, sequestro e bonifiche. L'archivio aggiornato e i commenti alla notizia


 

ZappaMI

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Comieco CiAl Ricrea Corepla

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!