GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Mobilità

Stop alle auto sul Lungosenna. Parigi “riconquista” il suo fiume


 

I progetti sono due e dovrebbero costare 40 milioni. Sulla riva destra, una parte della strada di scorrimento sarà largamente modificata per rallentare la velocità delle auto e permettere una coabitazione con i pedoni. Sulla riva sinistra, invece, ci sarà una vera rivoluzione: più di due chilometri della strada di scorrimento, tra il museo d’Orsay e il ponte dell’Alma, saranno chiusi al traffico e restituiti ai parigini. Giardini, piste ciclabili, bar, ristoranti, attrazioni, chiatte e battelli ormeggiati per accogliere molteplici attività - da La Repubblica del 09.08.2012

 

giovedì 09 agosto 2012 08:10

 

Stop alle auto sul Lungosenna. Parigi “riconquista” il suo fiume
clicca sull'immagine per ingrandire

Giampiero Martinotti

Riconquistare le rive della Senna e ridurre ancora il traffico automobilistico: il sindaco socialista Bertrand Delanoë riuscirà a realizzare il suo vecchio sogno prima di lasciare, fra meno di due anni, l’Hotel de Ville. Bloccato dal governo di centrodestra, il progetto per rendere ai pedoni una parte del lungofiume è stato rilanciato grazie all’arrivo della sinistra al potere. I lavori sono già cominciati e dovrebbero essere completati in primavera. L’obiettivo è di fare quel che è già stato fatto a Bordeaux e Lione: ridare al fiume il suo ruolo di cuore della città, di centro dedicato alla vita e allo svago e non alla circolazione.
Parigi è nata sull’Île de la Cité e si è sviluppata attorno al porto sulla riva destra. La vita privata e pubblica si è costruita attorno al fiume: lo testimoniano il Louvre, il palazzo di giustizia, la cattedrale, il municipio. Iscritto dall’Unesco nel patrimonio mondiale dell’umanità, il Lungosenna è stato relativamente preservato, ma i più vecchi, che ricordano la Parigi di fine anni ‘50-primi anni ‘60, lamentano ancora l’invasione delle auto. Quando la modernizzazione era all’ordine del giorno, Georges Pompidou, primo ministro di de Gaulle tra il 1962 e il 1968, si era dato un obiettivo: «Adattare Parigi all’automobile ». Tra i suoi progetti realizzati, uno è oggi nel mirino del sindaco: la trasformazione dei Lungosenna in strada di scorrimento.
All’epoca fu una rivoluzione: le berges, cioè i Lungosenna a filo d’acqua, furono trasformati
in mini-autostrade urbane. Oggi, è un’eresia. Da undici anni, una parte di quelle strade è chiusa in luglio-agosto per accogliere la spiaggia artificiale, ma fra qualche mese il cambiamento sarà radicale.
I progetti sono due e dovrebbero costare 40 milioni. Sulla riva destra, una parte della strada di scorrimento sarà largamente modificata per rallentare la velocità delle auto e permettere una coabitazione con i pedoni. Sulla riva sinistra, invece, ci sarà una vera rivoluzione: più di due chilometri della strada di scorrimento, tra il museo d’Orsay e il ponte dell’Alma, saranno chiusi al traffico e restituiti ai parigini. Giardini, piste ciclabili, bar, ristoranti, attrazioni, chiatte e battelli ormeggiati per accogliere molteplici attività: almeno in teoria, sarà un po’ come la nascita di un nuovo quartiere, sia pur senza abitazioni e destinato solo allo svago.
Un tentativo da seguire e, chissà, da imitare. Troppo spesso, i fiumi dei grandi centri urbani sono diventati il ricettacolo di tutti i malanni urbani, i luoghi da cui tutti fuggiamo malgrado siano il teatro su cui si affacciano i gioielli architettonici delle città europee: troppe auto, troppo rumore, troppo
inquinamento. Il progetto piace ai parigini e la cosa non sorprende: più della metà degli abitanti non ha una macchina.
Gli automobilisti, invece, già cominciano a protestare: chi non può fare a meno dell’auto già pensa ai futuri imbottigliamenti. Vecchio problema e vecchio conflitto di interessi fra chi vive in centro, e può sfruttare i trasporti pubblici, e chi invece abita in periferia. Un conflitto riacceso dall’imminente inizio dei lavori sulla Senna, destinati forse a diventare il simbolo del primo sindaco socialista della capitale.


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

CiAl Comieco Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!