FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Un robot ci salverà

di Giuseppe Piras
del 16 luglio 2014

Ad Oristano dal 14 luglio verrà sperimentato un sistema di collegamenti con bus elettrici …

I rifiiuti sprecati tra Roma e Milano

di Paolo Hutter
del 11 luglio 2014

Circola una  giusta  soddisfazione per i risultati  nuovi della Raccolta Differenz…

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Recensioni di Cinemambiente: Divide in Concorde. ( Divieto alle bottiglie in plastica per l'acqua)

di Eco Spettatore
del 03 giugno 2014

di  Paolo Hutter     Se guardi "Divide in Concorde" hai l'imp…

Imballaggi sostenibili? A condizione che siano realmente e facilmente riciclabili QUI e ORA

di Silvia Ricci
del 01 giugno 2014

Imballaggi sostenibili? A condizione che siano realmente e facilmente riciclabili QUI e ORA …

ZTL notturna a San Salvario: come al solito manca il coraggio

di Giulio Gonella
del 21 maggio 2014

  Digitando ZTL notturna su Google News, fioccano esempi su esempi, da Pisa a Firenze a …

Invasioni digitali anche nel Lodigiano, 24 aprile – 4 maggio 2014

di Michele Merola
del 22 aprile 2014

In questo blog si sostiene convintamente che la cultura e il turismo dovrebbero essere la risorsa…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Letti per voi > Mobilità

Stop alle auto sul Lungosenna. Parigi “riconquista” il suo fiume


 

I progetti sono due e dovrebbero costare 40 milioni. Sulla riva destra, una parte della strada di scorrimento sarà largamente modificata per rallentare la velocità delle auto e permettere una coabitazione con i pedoni. Sulla riva sinistra, invece, ci sarà una vera rivoluzione: più di due chilometri della strada di scorrimento, tra il museo d’Orsay e il ponte dell’Alma, saranno chiusi al traffico e restituiti ai parigini. Giardini, piste ciclabili, bar, ristoranti, attrazioni, chiatte e battelli ormeggiati per accogliere molteplici attività - da La Repubblica del 09.08.2012

 

giovedì 09 agosto 2012 08:10

 

Stop alle auto sul Lungosenna. Parigi “riconquista” il suo fiume
clicca sull'immagine per ingrandire

Giampiero Martinotti

Riconquistare le rive della Senna e ridurre ancora il traffico automobilistico: il sindaco socialista Bertrand Delanoë riuscirà a realizzare il suo vecchio sogno prima di lasciare, fra meno di due anni, l’Hotel de Ville. Bloccato dal governo di centrodestra, il progetto per rendere ai pedoni una parte del lungofiume è stato rilanciato grazie all’arrivo della sinistra al potere. I lavori sono già cominciati e dovrebbero essere completati in primavera. L’obiettivo è di fare quel che è già stato fatto a Bordeaux e Lione: ridare al fiume il suo ruolo di cuore della città, di centro dedicato alla vita e allo svago e non alla circolazione.
Parigi è nata sull’Île de la Cité e si è sviluppata attorno al porto sulla riva destra. La vita privata e pubblica si è costruita attorno al fiume: lo testimoniano il Louvre, il palazzo di giustizia, la cattedrale, il municipio. Iscritto dall’Unesco nel patrimonio mondiale dell’umanità, il Lungosenna è stato relativamente preservato, ma i più vecchi, che ricordano la Parigi di fine anni ‘50-primi anni ‘60, lamentano ancora l’invasione delle auto. Quando la modernizzazione era all’ordine del giorno, Georges Pompidou, primo ministro di de Gaulle tra il 1962 e il 1968, si era dato un obiettivo: «Adattare Parigi all’automobile ». Tra i suoi progetti realizzati, uno è oggi nel mirino del sindaco: la trasformazione dei Lungosenna in strada di scorrimento.
All’epoca fu una rivoluzione: le berges, cioè i Lungosenna a filo d’acqua, furono trasformati
in mini-autostrade urbane. Oggi, è un’eresia. Da undici anni, una parte di quelle strade è chiusa in luglio-agosto per accogliere la spiaggia artificiale, ma fra qualche mese il cambiamento sarà radicale.
I progetti sono due e dovrebbero costare 40 milioni. Sulla riva destra, una parte della strada di scorrimento sarà largamente modificata per rallentare la velocità delle auto e permettere una coabitazione con i pedoni. Sulla riva sinistra, invece, ci sarà una vera rivoluzione: più di due chilometri della strada di scorrimento, tra il museo d’Orsay e il ponte dell’Alma, saranno chiusi al traffico e restituiti ai parigini. Giardini, piste ciclabili, bar, ristoranti, attrazioni, chiatte e battelli ormeggiati per accogliere molteplici attività: almeno in teoria, sarà un po’ come la nascita di un nuovo quartiere, sia pur senza abitazioni e destinato solo allo svago.
Un tentativo da seguire e, chissà, da imitare. Troppo spesso, i fiumi dei grandi centri urbani sono diventati il ricettacolo di tutti i malanni urbani, i luoghi da cui tutti fuggiamo malgrado siano il teatro su cui si affacciano i gioielli architettonici delle città europee: troppe auto, troppo rumore, troppo
inquinamento. Il progetto piace ai parigini e la cosa non sorprende: più della metà degli abitanti non ha una macchina.
Gli automobilisti, invece, già cominciano a protestare: chi non può fare a meno dell’auto già pensa ai futuri imbottigliamenti. Vecchio problema e vecchio conflitto di interessi fra chi vive in centro, e può sfruttare i trasporti pubblici, e chi invece abita in periferia. Un conflitto riacceso dall’imminente inizio dei lavori sulla Senna, destinati forse a diventare il simbolo del primo sindaco socialista della capitale.


 

 

Bioplastica Mater-Bi

 

Raccogliere more in città?







» commenti (0)

Conai

 

CiAl Corepla Ricrea Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter