GLI ECO BLOGGER

Expo o non Expo.. che sia un ECO 2015 ( e guardandolo dal drone...).

di Paolo Hutter
del 16 gennaio 2015

  Questa è stata la frase di augurio per l'anno nuovo di Eco dalle Citt&…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico
> Caldo in città

Energia: il caldo di luglio fa crescere la domanda, ma la crisi tiene spenti molti condizionatori


 

A luglio l’energia elettrica richiesta in Italia, pari a 30,6 miliardi di kWh, ha fatto registrare un incremento dell’1,1% rispetto a luglio dello scorso anno. Ma, viste le temperature superiori alla media e il maggior numero di giorni lavorativi, secondo Terna la domanda in realtà sarebbe in calo dell'1,4%

 

di Federico Vozza
giovedì 09 agosto 2012 13:12

 

Energia: il caldo di luglio fa crescere la domanda, ma la crisi tiene spenti molti condizionatori
clicca sull'immagine per ingrandire

Ad una prima lettura il bollettino Terna relativo al mese di luglio indica, rispetto allo stesso periodo di un anno fa, una crescita dell'1,1% della domanda di energia elettrica in Italia. Un dato che, preso singolarmente, sembrerebbe avvalorare la tesi che assegna, in un contesto complessivo di riduzione dei consumi (nei primi sette mesi del 2012, la domanda di energia elettrica in Italia è risultata complessivamente in calo dell’1,6%) un ruolo "anti-ciclico" ai circa 13 milioni di condizionatori che, viste le alte temperature delle ultime settimane, avrebbero funzionato a pieno ritmo invertendo quindi il trend dei consumi.

Ma se il dato mensile -come fa la stessa Terna nel suo bollettino- viene "depurato dagli effetti di calendario e temperatura" si scopre che la domanda elettrica di luglio 2012 è in realtà in calo dell'1,4%". Rispetto al corrispondente mese del 2011, infatti, si è avuto quest’anno un giorno lavorativo in più (22 giorni contro i 21 dell'anno scorso) e una temperatura media mensile superiore di circa un grado e mezzo. Si può quindi pensare che il largo ricorso ai condizionatori -su cui mancano comunque dati specifici di consumo- sia stato più contenuto rispetto al passato e abbia al massimo rallentato un trend generale tendente alla netta riduzione.

Da inizio anno il calo dei consumi ha interessato grosso modo tutte le regioni, con una flessione particolarmente accentuata nel Nord Ovest (Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta, -7,1% rispetto ai primi sette mesi del 2011), nelle isole (Sardegna: -5,8%, e Sicilia: -3,0%) e nel Nord Est (Friuli, Trentino e Veneto: -4,5%).


 

 


Scarica il rapporto mensile di Terna [0,85 MB]

Rapporto mensile sul sistema elettrico. Consuntivo luglio 2012 - Terna


 

 


Notizie correlate


» Consumi elettrici ancora in calo a giugno, ma la flessione è minore: colpa del caldo?


 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Olimpiadi del 2024 in una città italiana?







» commenti (4)

Conai

 

Comieco Ricrea CiAl

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!