FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Strisce blu: tra automobilisti, Comuni e mobilità nuova

di Giulio Gonella
del 01 aprile 2014

In questi ultimi giorni di annunci, polemiche e smentite, non è scontato ribadire il ruolo…

Treno perso, poi recuperato, telefono caduto, poi salvato. Rocambolismi

di Paolo Hutter
del 29 marzo 2014

Rocambolesco, conoscete il termine?  Dunque stamane  dovevo prendere  l' 8 e 5…

Pedalare è la risposta

di Giuseppe Piras
del 17 marzo 2014

Ci sono domande che ti spiazzano e anche se la risposta è lampante non è così…

Regno Unito: la Grande Distribuzione taglia le emissioni di Co2 del 25%

di Silvia Ricci
del 14 febbraio 2014

Meno 25% di emissioni di Co2 entro il 2020 come valore assoluto è il nuovo obiettivo per i…

Telelavoro uguale migliore qualità del vivere urbano

di Paolo Piacentini
del 06 febbraio 2014

L'iniziativa del Comune di Milano sul telelavoro o "lavoro agile" come è sta…

Neve e pedali: "Che faccio, lascio?"

di Bru Diarist
del 31 gennaio 2014

La neve che sta imbiancando alcune città del nord Italia in questi giorni della merla del …

C’è un mondo al di là delle Alpi

di Gabriele Del Carlo
del 28 gennaio 2014

Benvenuti a tutti in questa nuova pagina. Su questo blog non tratteremo molto di cosa si fa e…

"Cartesio? Neanche ricordo l’ultima volta che sono passati!”

di Lorenzo Fracastoro
del 17 gennaio 2014

Oggi, mentre sfrecciavo in bici davanti alla copisteria di Via Guastalla angolo Via Artisti,…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico
> Caldo in città

Energia: il caldo di luglio fa crescere la domanda, ma la crisi tiene spenti molti condizionatori


 

A luglio l’energia elettrica richiesta in Italia, pari a 30,6 miliardi di kWh, ha fatto registrare un incremento dell’1,1% rispetto a luglio dello scorso anno. Ma, viste le temperature superiori alla media e il maggior numero di giorni lavorativi, secondo Terna la domanda in realtà sarebbe in calo dell'1,4%

 

di Federico Vozza
giovedì 09 agosto 2012 13:12

 

Energia: il caldo di luglio fa crescere la domanda, ma la crisi tiene spenti molti condizionatori
clicca sull'immagine per ingrandire

Ad una prima lettura il bollettino Terna relativo al mese di luglio indica, rispetto allo stesso periodo di un anno fa, una crescita dell'1,1% della domanda di energia elettrica in Italia. Un dato che, preso singolarmente, sembrerebbe avvalorare la tesi che assegna, in un contesto complessivo di riduzione dei consumi (nei primi sette mesi del 2012, la domanda di energia elettrica in Italia è risultata complessivamente in calo dell’1,6%) un ruolo "anti-ciclico" ai circa 13 milioni di condizionatori che, viste le alte temperature delle ultime settimane, avrebbero funzionato a pieno ritmo invertendo quindi il trend dei consumi.

Ma se il dato mensile -come fa la stessa Terna nel suo bollettino- viene "depurato dagli effetti di calendario e temperatura" si scopre che la domanda elettrica di luglio 2012 è in realtà in calo dell'1,4%". Rispetto al corrispondente mese del 2011, infatti, si è avuto quest’anno un giorno lavorativo in più (22 giorni contro i 21 dell'anno scorso) e una temperatura media mensile superiore di circa un grado e mezzo. Si può quindi pensare che il largo ricorso ai condizionatori -su cui mancano comunque dati specifici di consumo- sia stato più contenuto rispetto al passato e abbia al massimo rallentato un trend generale tendente alla netta riduzione.

Da inizio anno il calo dei consumi ha interessato grosso modo tutte le regioni, con una flessione particolarmente accentuata nel Nord Ovest (Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta, -7,1% rispetto ai primi sette mesi del 2011), nelle isole (Sardegna: -5,8%, e Sicilia: -3,0%) e nel Nord Est (Friuli, Trentino e Veneto: -4,5%).


 

 


Scarica il rapporto mensile di Terna [0,85 MB]

Rapporto mensile sul sistema elettrico. Consuntivo luglio 2012 - Terna


 

 


Notizie correlate


» Consumi elettrici ancora in calo a giugno, ma la flessione è minore: colpa del caldo?


 

Bioplastica Mater-Bi

 

H2O

 

Minori incassi dalla sosta. Perchè?

Da Torino a Messina, passando per Milano e Bologna. Negli ultimi anni i bilanci comunali hanno visto entrare sempre meno incassi dalle strisce blu, con cali progressivi fino a 8-9 punti percentuali sull’anno precedente




» commenti (0)

Conai

 

Rilegno CoReVe Ricrea Corepla CiAl Comieco

 

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter