GLI ECO BLOGGER

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 11 dicembre 2014

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

E' un lavoro sporco, ma qualcuno lo vuole fare. - Considerazioni post-cartoniadi

di Matteo Volpengo
del 30 novembre 2014

Sono finite le Cartoniadi. Finito il volantinaggio porta a porta, negozio a negozio. Finita la ra…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Discorsone sulle Cartoniadi di Torino (con proposte forti in fondo)

di Paolo Hutter
del 07 novembre 2014

Partiamo in salita con queste prime Cartoniadi torinesi. La carta e il cartone raccolti da Cartes…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Risparmio energetico

+25% dei costi di energia elettrica in ATM: allo studio tagli e risparmi


 

Anche l’azienda dei trasporti milanesi deve fronteggiare il “caro bollette” e puntare sempre di più all’efficienza energetica. 54 milioni di euro la spesa elettrica prevista per il 2012 mentre si abbassano le luci in alcune stazioni metrò e si studiano nuovi interventi di risparmio

 

di Stefano D'Adda
mercoledě 15 agosto 2012 18:22

 

+25% dei costi di energia elettrica in ATM: allo studio tagli e risparmi
clicca sull'immagine per ingrandire

Il forte aumento del costo dell’energia elettrica sta colpendo anche ATM con un preventivo di spese per il 2012 che passerebbe dai 42 milioni del 2011 a 54 milioni di euro. Un aumento previsto del 25% che già nei mesi scorsi ha preoccupato l’azienda dei trasporti, spingendola a studiare i settori e gli interventi applicabili per ridurre il consumo energetico. Consumo che verrà pagato alla “cugina” lombarda, A2A, aggiudicataria della gara di fornitura elettrica ad ATM per il 2013.

Negli ultimi giorni il management di ATM è stato convocato dal presidente Bruno Rota per condividere un nuovo e corposo progetto di “spending review energetica” che possa contenere, su altri fronti, l’impennata dei costi non comprimibili per ATM, come quel 55% della spesa complessiva destinato alla movimentazione dei treni delle tre linee sotterranee milanesi. Alcune misure sono già operative: da giugno, infatti, ATM sta sperimentando la riduzione dell’illuminazione del 50% in alcune delle fermate centrali della metropolitana – Duomo, San Babila, Cordusio – e sembra senza avere avuto segnalazioni di disagio o problemi da parte dei passeggeri.

Tuttavia sono allo studio altri interventi più complessi e che necessiteranno di una fase di sperimentazione. Tra questi, la riduzione della velocità dei convogli in fase di partenza che, se non inciderà sulla puntualità delle corse, potrà comportare un significativo risparmio dell’energia consumata dai treni. Probabile pure l’eliminazione di alcune carrozze dai convogli negli orari non di punta, così come la riduzione dell’aria condizionata in alcune stazioni. Nel 2013, invece, è prevista la prima sostituzione completa della vecchia illuminazione ad incandescenza, con quella “a led”, in grado di ridurre i consumi più del 50%, ma per la sola stazione di San Babila.


 

 

Amsa spalatori

 

ZappaMI cariplo ok

 

Formichine salvacibo

 

Nuove luci pubbliche, come le preferite?

Stanno cambiando le luci nelle città, si accendono
i nuovi Led..





COREPLA:

Conai

 

Corepla Comieco CiAl Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!