GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Conai. Da cosa rinasce cosa

 

Energia e Clima > Caldo in città

Un programma per il fresco


 

Intervento del direttore Paolo Hutter per La Repubblica Milano ed Eco dalle Città

 

mercoledì 22 agosto 2012 17:33

 

L’ondata di calore in corso non è una ovvietà estiva né una catastrofe naturale passeggera e imprevedibile. È una esperienza da fotografare, analizzare e tenere come punto di riferimento per gli orientamenti del governo delle città. Il cambiamento climatico, con le sue molteplici conseguenze, è il problema principale nel ventunesimo secolo - lo dicono le Nazioni Unite - e la maggiore frequenza e intensità delle ondate di calore è la sua manifestazione più fastidiosa per chi vive nella Pianura Padana e soprattutto nelle città.

Mai prima d’ora un’ondata di calore così intensa si era verificata dopo Ferragosto. I consumi elettrici, in calo a causa della crisi economica, si sono rialzati. Purtroppo però i condizionatori sono un rimedio parziale e discutibile, perché spesso riversano calore su spazi comuni e perché vengono sovradosati esponendo il corpo a sbalzi di temperatura eccessivi. Le temperature dei locali condizionati non dovrebbero scendere di più di 7 gradi rispetto a quelle esterne. Dopo la terribile estate del 2003 è diventato obbligatorio per le città dotarsi di piani anticaldo, che sono però essenzialmente dei provvedimenti di assistenza di emergenza per gli anziani. Si stenta ancora a riconoscere che il caldo è diventato un problema maggiore rispetto al freddo e che questa consapevolezza dovrebbe ispirare una revisione di molti aspetti della vita cittadina, privata e pubblica.

La cementificazione e la motorizzazione hanno fatto diventare le città isole di calore, con una temperatura maggiore rispetto alle zone prevalentemente agricole. Ma dato che la campagna, e a momenti neanche la montagna e il mare, sono più un rifugio da caldo e afa, è di nuovo sulle città che bisogna puntare, ripensandole. La città smart, la città intelligente del futuro dev’essere capace di proteggerci dall’ondata di calore senza moltiplicare il condizionamento d’aria così come lo abbiamo conosciuto, isolando maggiormente gli edifici, coprendo i vetri di cui si è abusato (al posto dei muri), utilizzando le tubature d’acqua del riscaldamento per portarci acqua fredda.

Senza sopravalutarne l’efficacia, vanno adottate anche le misure generali di adattamento ai cambiamenti climatici raccomandate dall’Onu, come la forestazione urbana e periurbana, la riduzione ulteriore dell’uso dei motori durante le ondate di calore, anche per proteggerci dall’eccesso di ozono, il cambiamento verso il chiaro dei colori delle strade e dei tetti. E persino dei veicoli. C’è un grande lavoro da fare col Politecnico, un vero piano di adattamento. Chissà, tra non molto, nelle campagne elettorali conterà la capacità di convincere i cittadini di avere un programma per farli stare un po’ più al fresco.


 

 

ZappaMI

 

Formichine salvacibo

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

CiAl Comieco Ricrea

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!