GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Leggi tutti i post

Mobilità > Varie

Municipio I, maggioranza all'attacco su mobilità e rifiuti


 

Convocati due consigli straordinari (che si terranno entro la fine di maggio), il primo su strisce blu e Ztl e l'altro sul nuovo contratto con Ama

 

martedì 28 aprile 2009 15:40

 

La maggioranza del I Municipio di Roma parte all'attacco su mobilita' e rifiuti. I capigruppo Livia Di Stefano (Pd), Letizia Cicconi (Sa), Stefano Marin (Civica per Rutelli) e Sergio Grazioli (Idv) hanno oggi depositato la richiesta per la convocazione di due consigli speciali entro la fine di maggio: il primo sulla mobilita', il secondo sul nuovo contratto con Ama. "Inviteremo gli assessori Marchi e De Lillo, le Aziende municipalizzate ma soprattutto lanceremo una mobilitazione ai cittadini e alle associazioni", annuncia Livia Di Stefano.

L'obiettivo e' "affrontare due questioni strategiche ed estremamente delicate per il Centro Storico sulle quali il Campidoglio e' intervenuto e sta intervenendo pesantemente". Da una parte c'e' la sperimentazione sulla Ztl e le strisce blu che dura ormai quasi da un anno, dall'altra la nuova Amministrazione comunale che, ammonisce Di Stefano, "ha le mani completamente libere per riscrivere le regole sulla pulizia della citta', dal momento che sta negoziando il nuovo contratto di servizio con Ama, col quale ci giochiamo il futuro della Capitale, la sua vivibilita' e immagine per molti anni a venire".

Quanto alla sperimentazione avviata a luglio scorso dal Campidoglio, Di Stefano precisa: "vogliamo capire se e' una cosa seria o solo un goffo test politico-elettorale. Nel primo caso deve esistere un programma scientifico, ed e' giusto che il Municipio venga coinvolto in un monitoraggio continuo e progressivo, oltre che nella verifica finale che ci auguriamo avvenga davvero a luglio. Ci crediamo poco, visto che per ora abbiamo solo subito continue proroghe per la Ztl e visto spuntare strisce bianche qua e la' tra Natale e Capodanno. Senza troppe spiegazioni". In riferimento ai rifiuti, Di Stefano ha detto: "Questa maggioranza ha sempre sostenuto la necessita' di un contratto speciale e decentrato con Ama per il Centro Storico, sia per i rifiuti che per la pulizia delle strade. Sono le caratteristiche del nostro territorio che lo impongono". Il capogruppo Pd del I municipio poi cita un esempio recente: "Si parla tanto del panino selvaggio, andrebbero ascoltati anche quei turisti per bene che non trovano i cestini o li trovano stracolmi. Nei punti nevralgici, dove c'e' maggior flusso di turisti e pure maggiore concetrazione di cittadini romani, ci vorrebbero molti piu' cestini con una frequenza di svuotamento almeno doppia se non tripla".

Tra gli altri ''buoni motivi'' per avere regole speciali in centro, Di Stefano cita quello di "trovare soluzioni per le zone, come il Tridente, dove i cassonetti non ci sono perche' rovinano l'estetica. Condurre al meglio la sperimentazione della raccolta porta a porta e affrontare ad ampio spettro il tema della differenziata, magari con qualche soluzione innovativa. Giovedi' scorso eravamo a piazza San Cosimato a parlare coi trastevererini proprio di questo. Abbiamo raccolto una marea di esigenze. Abbiamo messo a fuoco problemi che vanno dallo smaltimento dei pannolini alla quantita' di carta che gira per il centro storico tra free press, volantini pubblicitari distribuiti per strada, e pure gli inserti dei quotidiani. E siamo pieni di suggerimenti" .

"Sarebbe anche interessante - conclude - un confronto con le esperienze di altri centri storici. A Tallin ho visto addirittura un box per la differenziata ad ogni palo di semaforo". La prossima conferenza dei capigruppo stabilira' le date precise dei due Consigli "che - fa sapere il capogruppo Pd al I municipio - convocheremo di pomeriggio per facilitare la partecipazione dei cittadini".


 

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

RSS Valido!