FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

Desmontegada in val di Fiemme e l’arte di organizzare la raccolta dei rifiuti

di Antonio Castagna
del 09 ottobre 2014

Per i rifiuti ho una vera passione che spesso mi porta a farmi delle domande: quando li individ…

Pedonalizzazioni low cost

di Giulio Gonella
del 04 ottobre 2014

Continuo a non capire perché tutte le volte che si parla di pedonalizzazione a Torino si c…

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

Leggi tutti i post

Mobilità > Varie

Municipio I, maggioranza all'attacco su mobilità e rifiuti


 

Convocati due consigli straordinari (che si terranno entro la fine di maggio), il primo su strisce blu e Ztl e l'altro sul nuovo contratto con Ama

 

martedì 28 aprile 2009 15:40

 

La maggioranza del I Municipio di Roma parte all'attacco su mobilita' e rifiuti. I capigruppo Livia Di Stefano (Pd), Letizia Cicconi (Sa), Stefano Marin (Civica per Rutelli) e Sergio Grazioli (Idv) hanno oggi depositato la richiesta per la convocazione di due consigli speciali entro la fine di maggio: il primo sulla mobilita', il secondo sul nuovo contratto con Ama. "Inviteremo gli assessori Marchi e De Lillo, le Aziende municipalizzate ma soprattutto lanceremo una mobilitazione ai cittadini e alle associazioni", annuncia Livia Di Stefano.

L'obiettivo e' "affrontare due questioni strategiche ed estremamente delicate per il Centro Storico sulle quali il Campidoglio e' intervenuto e sta intervenendo pesantemente". Da una parte c'e' la sperimentazione sulla Ztl e le strisce blu che dura ormai quasi da un anno, dall'altra la nuova Amministrazione comunale che, ammonisce Di Stefano, "ha le mani completamente libere per riscrivere le regole sulla pulizia della citta', dal momento che sta negoziando il nuovo contratto di servizio con Ama, col quale ci giochiamo il futuro della Capitale, la sua vivibilita' e immagine per molti anni a venire".

Quanto alla sperimentazione avviata a luglio scorso dal Campidoglio, Di Stefano precisa: "vogliamo capire se e' una cosa seria o solo un goffo test politico-elettorale. Nel primo caso deve esistere un programma scientifico, ed e' giusto che il Municipio venga coinvolto in un monitoraggio continuo e progressivo, oltre che nella verifica finale che ci auguriamo avvenga davvero a luglio. Ci crediamo poco, visto che per ora abbiamo solo subito continue proroghe per la Ztl e visto spuntare strisce bianche qua e la' tra Natale e Capodanno. Senza troppe spiegazioni". In riferimento ai rifiuti, Di Stefano ha detto: "Questa maggioranza ha sempre sostenuto la necessita' di un contratto speciale e decentrato con Ama per il Centro Storico, sia per i rifiuti che per la pulizia delle strade. Sono le caratteristiche del nostro territorio che lo impongono". Il capogruppo Pd del I municipio poi cita un esempio recente: "Si parla tanto del panino selvaggio, andrebbero ascoltati anche quei turisti per bene che non trovano i cestini o li trovano stracolmi. Nei punti nevralgici, dove c'e' maggior flusso di turisti e pure maggiore concetrazione di cittadini romani, ci vorrebbero molti piu' cestini con una frequenza di svuotamento almeno doppia se non tripla".

Tra gli altri ''buoni motivi'' per avere regole speciali in centro, Di Stefano cita quello di "trovare soluzioni per le zone, come il Tridente, dove i cassonetti non ci sono perche' rovinano l'estetica. Condurre al meglio la sperimentazione della raccolta porta a porta e affrontare ad ampio spettro il tema della differenziata, magari con qualche soluzione innovativa. Giovedi' scorso eravamo a piazza San Cosimato a parlare coi trastevererini proprio di questo. Abbiamo raccolto una marea di esigenze. Abbiamo messo a fuoco problemi che vanno dallo smaltimento dei pannolini alla quantita' di carta che gira per il centro storico tra free press, volantini pubblicitari distribuiti per strada, e pure gli inserti dei quotidiani. E siamo pieni di suggerimenti" .

"Sarebbe anche interessante - conclude - un confronto con le esperienze di altri centri storici. A Tallin ho visto addirittura un box per la differenziata ad ogni palo di semaforo". La prossima conferenza dei capigruppo stabilira' le date precise dei due Consigli "che - fa sapere il capogruppo Pd al I municipio - convocheremo di pomeriggio per facilitare la partecipazione dei cittadini".


 

 

Perché ancora troppa carta nell'indifferenziato?

Nei cassonetti dei rifiuti indifferenziati delle città italiane si trovano ancora ingenti quantità di carta e cartone che dovrebbero essere invece differenziate e riciclate. Come mai?Indica quello che secondo te può essere il motivo principale





» commenti (5)

RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter