FAIL (the browser should render some flash content, not this).

GLI ECO BLOGGER

A furia di combattere lo spreco di cibo...storia di una brioche

di Sobria Martinez
del 25 settembre 2014

Chi ha lasciato una brioche al cioccolato  integra  giovedi mattina 25 settembre alla s…

Come riduco l'uso dei rasoietti usa e getta

di Paolo Hutter
del 19 settembre 2014

Salve.  Nell'avvicinarsi della Settimana Europea della Riduzione  dei Rifiuti, …

Il mio viaggio sulla Brebemi deserta

di Michele Merola
del 11 settembre 2014

Tornando dalle vacanze dal Nord-est ho voluto percorrere la Brebemi: è stato solo qualche …

Plastica, la riciclabilità si valuta con RecyClass

di Silvia Ricci
del 09 settembre 2014

Evitare che le materie plastiche non siano altro che rifiuti conviene, ed è ormai necessar…

Terra dei Paduli

di Gabriele Del Carlo
del 05 settembre 2014

Campagne dove un tempo sorgevano lussureggianti foreste di querce e lecci, oggi ospitano ulivi se…

Una notizia buona e una cattiva

di Giuseppe Piras
del 30 luglio 2014

I giornali riportano una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che il Mini…

La raccolta differenziata non è (solo) un affare per specialisti

di Antonio Castagna
del 22 luglio 2014

Venerdì 18 luglio ho presentato il mio libro "Tutto è monnezza" a Barrier…

Le recensioni di Cinemambiente: Nella terra dei fuochi

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano “Terra dei fuochi” è l'espressione che risalta ne…

Le recensioni di Cinemambiente: Endless Roads

di Eco Spettatore
del 07 giugno 2014

di Angela Conversano Endless Roads è la storia della tenacia di una donna che vive a Zhe…

Leggi tutti i post

Letti per voi > Energia e clima

LETTI PER VOI - "Ma sì, diamo un taglio ai pantaloni". La moda anti caldo è già in passerella


 

Gli stilisti aprono l´epoca del bermuda-chic, per manager sensibili ai consumi energetici - da Repubblica del 26.06.2005

 

lunedì 27 giugno 2005 10:19
(ultima modifica giovedì 25 gennaio 2007 00:00)

 

Laura Asnaghi

La moda anti-blackout già sfila in passerella. Servono i pantaloni corti da ufficio per ridurre i consumi energetici, come suggeriscono i giapponesi? E, allora, eccoli i bermuda-chic, in gessato, in lino e fresco di lana, per manager che non vogliono rinunciare a uno stile sobrio. I primi a dare il via libera ai pantaloni corti sono i Dolce e Gabbana: «Ma ben vengano - dicono - e a chi si scandalizza di fronte a un manager che mostra la rotula, ricordiamo che il business si fa con la testa e non con le gambe». Tra i giovani stilisti, anche Antonio Marras è favorevole a dare un taglio ai pantaloni «soprattutto adesso che, con il caldo tropicale, si rischia il blackout». E aggiunge: «Io propongo un modello di alta sartoria, bello ed elegante, che nessuno può criticare». Pronto a adottare il pantalone anti-crisi energetica, è anche il giovane Kean Etro: «Che noia la divisa da lavoro, rompere gli schemi fa bene all´anima e alle mente. Io dico: "proviamo, perché no?", magari senza giacca e cravatta e con la gamba fresca si scatena anche la fantasia e facciamo qualcosa di bello per il nostro paese». Il caldo fa saltare gli impianti elettrici e rivoluziona la classica divisa da lavoro maschile. «Si dice che l´abito fa il monaco - osserva Elio Fiorucci - ma è altrettanto vero che non basta una bella divisa per fare un bravo manager. Non fermiamoci alle apparenze». Il pantalone corto piace ai giovani creativi ma non tutti gli stilisti lo promuovono. Anzi, Gianfranco Ferré, lo stilista-architetto, lo boccia sonoramente. «Lasciamo bermuda e braghette al tempo libero - dice -. In ufficio credo sia giusto presentarsi con un certo stile anche se le temperature sono proibitive. Di sicuro nei giorni di caldo equatoriale ci si può liberare dalla cravatta. Ma i pantaloni lunghi sono d´obbligo. E poi esistono abiti in tessuti ultraleggeri che consentono il massimo della freschezza, senza che venga meno quell´imprescindibile livello di ordine e di buon gusto che deve caratterizzare l´abbigliamento maschile». Dalla parte di Ferré si schiera anche il giovane Francesco Mondadori, il figlio ventunenne dell´editore milanese, ancora studente e già consigliere di amministrazione del Milan e della casa editrice del padre. «In ufficio, il pantalone al ginocchio non funziona - spiega - ci sono codici che vanno rispettati. Io amo i jeans ma se devo concludere un affare non ho dubbi e scelgo un abito classico tagliato su misura da Caraceni». A difendere la "sacralità" della divisa da manager, c´è anche Saverio Moschillo, l´imprenditore che ha lanciato John Richmond, il marchio famoso per i suoi jeans lussuosi e trasgressivi, quotati anche 500 euro. «I blackout sono un problema reale - ammette Moschillo - ma un manager in braghe corte rischia di essere ridicolo. Meglio quindi risolvere il problema della crisi energetica a monte, senza accorciare i pantaloni». Daniela Santanchè, parlamentare di An, inorridisce all´idea di maschi che siedono in consiglio di amministrazione con il polpaccio villoso in mostra: «No, grazie, lasciamo i calzoncini ai giapponesi. Loro dimenticano che la forma è sostanza e i ruoli vanno rispettati». «Certo i super manager di una società devono rispettare una certa etichetta - spiega Alessandro dell´Acqua, lo stilista partenopeo trapiantato da anni a Milano - ma chi ha la fortuna di fare soldi sfruttando la creatività può osare anche il bermuda. Tanto più se serve a risparmiare sui condizionati d´aria sempre accesi. Con la testa calda, le idee vanno a farsi friggere».


 

 


RSS Valido!
Segui Ecodallecitta su Twitter