GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Bici & metro: i rischi di una sperimentazione timida

di Giulio Gonella
del 04 novembre 2014

  Non è difficile prevedere la misera fine che potrebbe fare la sperimentazione d…

Leggi tutti i post

Letti per voi > Mobilità

Savigliano città a misura di ciclista


 

Benvenuti nella città dove tutti pedalano - da La Repubblica del 10.07.2007

 

martedì 10 luglio 2007 12:31
(ultima modifica martedì 10 luglio 2007 00:00)

 

Niccolò Zancan

SAVIGLIANO
Ventimila abitanti, quindicimila biciclette, sempre meno auto in centro e nessun commerciante preoccupato di perdere affari. Anzi, quando il Comune ha deciso di istituire un servizio di bike sharing - biciclette gratis in dieci punti strategici della città - i negozianti interessati hanno contribuito al finanziamento del progetto con un marchio e un cestello sul manubrio (questo sì funzionale agli acquisti). Perché Savigliano, nel suo piccolo, è all´avanguardia. Ha l´aria meno inquinata del Nord Ovest, se paragonata ai comuni di uguali dimensioni. Ha vinto l´ultima edizione del premio nazionale «Città amica della bicicletta». Quindi, naturalmente, ha un sindaco che ha fatto la campagna elettorale in sella. E pedalando, ogni giorno da tre anni, si presenta in Municipio. Si chiama Aldo Comina, diessino, di professione medico, uno che non ha alcun imbarazzo nel dire: «Per noi vengono prima i pedoni e i ciclisti, le auto molto dopo».
Al modello Savigliano si ispira la rivoluzione che la Regione - partendo da Torino - vuole inaugurare in autunno, con tutte le debite proporzioni.
Pedalano i bambini, le madri, le nonne, intere famiglie musulmane, i preti, gli assessori, i pensionati a coppie, i ragazzi a caccia di ragazze, anche loro, rigorosamente in bici. Bici appoggiate ai tavolini di piazza Santarosa all´ora dell´aperitivo. Qual è il segreto? «Il cambiamento è un impegno che arriva da lontano», dice il sindaco Comina. E´ soprattutto una questione di educazione e di abitudine, pare di capire. I bambini delle elementari vanno a scuola a piedi tutti insieme. Savigliano è stata la prima città italiana ad inventarsi il progetto «Pedibus», ora copiato ovunque.
I ragazzini delle medie vanno in gita in città per studiare i percorsi più congeniali da trasformare in piste ciclabili. Ad ogni angolo, c´è una rastrelliera. In compenso, parcheggi in centro per le auto, pochi. Ed altri non sono in cantiere.
E´ stato ideato invece questo particolare sistema di Bike Sharing, chiamato «Bicincittà»: 70 mila euro di investimento per un successo clamoroso. E´ pensato principalmente per i pendolari.
Per chi passa ogni giorno a Savigliano senza viverci. Sono biciclette da usare gratis fino a dieci ore di seguito. Si possono sbloccare da una colonnina azzurra. Per farlo bisogna prima richiedere una tessera magnetica.
Basta presentarsi in Comune con un documento di identità e pagare cinque euro di cauzione. Ora le bici gratis sono a disposizione davanti all´ospedale, alla stazione, di fronte all´Università e ai cancelli della Alstom, la fabbrica principale della zona. Per tutti i lavoratori e gli studenti che arrivano in treno o in pullman. Per chi pedalando può accorciare ulteriori spostamenti e ritagliarsi un po´ di tempo.
Le paline azzurre sono anche nelle piazze principali della città. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: le bici non ci sono perché sono sempre in giro. «Ed infatti stiamo potenziando il servizio», spiega il sindaco Comina.
Controindicazioni. Vandalismo? «Qualche caso c´è stato - spiegano in Comune - infatti le nuove biciclette avranno il sellino ancorato al telaio». Gente che si è presa la bici pubblica per uso personale? «Abbiamo ovviato a questo problema facendo pagare 50 centesimi all´ora dopo la decima ora di utilizzo».
Tutto è registrato nella carta magnetica. Nome del ciclista, tempi di utilizzo. Il virus dei pedali sta contagiando l´intera comunità. Girolamo Sansone, 78 anni, autotrasportatore in pensione: «Avevo una 127, ma è morta. Da sei anni vado in bici così risparmio». Daniele Cavagniuolo, 18 anni, operaio: «Il motorino non l´ho mai voluto, è pericoloso, vado in bici e sto in pace». Simona Daniele, 27 anni, operaia: «Pedalo tutto l´anno, mi spiccio e non inquino». Norberto Figliola, 63 anni, impiegato in pensione: «Ho tre auto in garage, ma in centro vengo rigorosamente in bici. Nella mezz´ora di tempo che impiegherei per trovare posteggio faccio la spesa e torno a casa».
Bici ovunque. A Savigliano sono la normalità, non l´eccezione. Il Comune riassume la rivoluzione con un documento efficace: «Traffico, polveri sottili, inquinamento acustico. Il tema della mobilità nei centri urbani è prioritario. Gli interventi a favore della bicicletta favoriscono una reale alternativa di trasporto. Costano meno. Recuperano le aree urbane a condizioni di maggiore vivibilità. Riducono le situazioni critiche del traffico. Contribuiscono a migliorare il livello della salute pubblica». Ma certo, Savigliano non è la città dell´auto.


 

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

RSS Valido!