Cambiamento climatico, nuovo rapporto ONU: negli ultimi 50 anni quintuplicati gli eventi meteorologici estremi

Siccità, tempeste, inondazioni, temperature estreme, a livello globale negli ultimi 50 anni si è verificato in media un disastro al giorno legato a rischi meteorologici, climatici o idrici, che ha determinato la morte di 115 persone e perdite quotidiane per 202 milioni di dollari. Le cause, com'è noto, sono da ricercarsi anche nei cambiamenti climatici innescati dall'uomo. I numeri arrivano dal nuovo rapporto dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) delle Nazioni Unite

711

A livello globale negli ultimi 50 anni si è verificato in media un disastro al giorno legato a rischi meteorologici, climatici o idrici, che ha causato la morte di 115 persone e perdite quotidiane per 202 milioni di dollari. Le cause, com’è noto, sono da ricercarsi anche nei cambiamenti climatici innescati dall’uomo. I numeri arrivano dal nuovo rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) dell’Onu.

Negli ultimi 50 anni eventi estremi come tempeste, inondazioni e siccità, sono cresciuti di ben cinque volte. Se negli anni ’70 il mondo aveva infatti una media di circa 711 disastri all’anno, dal 2000 al 2009 si è arrivati a 3.536 all’anno, circa dieci al giorno. Disastri che uccidono, anche se grazie a sistemi di controllo e gestione delle emergenze i morti sono diminuiti di quasi tre volte: negli anni ’70 e ’80 la media era di circa 170 vittime al giorno, mentre negli anni 2010 il bilancio è sceso a circa 40 vittime al giorno. Per quanto riguarda le perdite economiche, i primi 10 eventi includono tempeste (521 miliardi di dollari) e inondazioni (115 miliardi di dollari).

Il rapporto WMO è la revisione più completa della mortalità e delle perdite economiche dovute a condizioni meteorologiche, idriche e climatiche estreme fino ad oggi. Valuta l’intero cinquantennio, oltre che i singoli decenni.

Dal 1970 al 2019, i rischi meteorologici, climatici e idrici hanno rappresentato il 50% di tutti i disastri, il 45% di tutti i decessi segnalati e il 74% di tutte le perdite economiche segnalate. Più del 91% di questi decessi si è verificato nei paesi in via di sviluppo (utilizzando la classificazione dei paesi delle Nazioni Unite).

Dei primi 10 disastri, i rischi che hanno portato alle maggiori perdite umane durante il periodo sono stati siccità (650 000 morti), tempeste (577 232 morti), inondazioni (58 700 morti) e temperature estreme (55736 morti).

Le perdite economiche sono aumentate di sette volte dagli anni ’70 agli anni ’10. Le perdite riportate dal 2010 al 2019 (in media 383 milioni di dollari al giorno nel decennio) sono state sette volte superiori a quelle riportate dal 1970 al 1979 (49 milioni di dollari). Le tempeste sono state la causa più diffusa di danni, provocando le maggiori perdite economiche in tutto il mondo. È l’unico rischio per il quale la quota attribuita è in continuo aumento.

Tre dei 10 disastri più costosi si sono verificati nel 2017: gli uragani Harvey (96,9 miliardi di dollari), Maria (69,4 miliardi di dollari) e Irma (58,2 miliardi di dollari). Questi tre uragani da soli hanno rappresentato il 35% delle perdite economiche totali dei primi 10 disastri in tutto il mondo dal 1970 al 2019.

Attribuzione di eventi estremi al cambiamento climatico
Nel periodo dal 2015 al 2017, 62 dei 77 eventi segnalati mostrano un’influenza umana significativa. Quasi tutti gli studi sulle ondate di calore significative dal 2015 hanno rilevato che la probabilità è stata notevolmente aumentata dal cambiamento climatico antropogenico.

L’attribuzione degli eventi di siccità a fattori antropici non è così chiara come per le ondate di calore a causa della variabilità naturale causata da grandi oscillazioni oceaniche e atmosferiche come l’oscillazione meridionale di El Niño. Tuttavia, la siccità dell’Africa orientale del 2016/2017 è stata fortemente influenzata dalle calde temperature della superficie del mare nell’Oceano Indiano occidentale a cui ha contribuito l’influenza umana.

Il cambiamento climatico ha aumentato gli eventi estremi del livello del mare associati ad alcuni cicloni tropicali, che hanno aumentato l’intensità di altri eventi estremi come le inondazioni e gli impatti associati. Ciò ha aumentato la vulnerabilità delle megalopoli basse, dei delta, delle coste e delle isole in molte parti del mondo.

Un numero crescente di studi sta anche scoprendo l’influenza umana su eventi di pioggia estrema, a volte in combinazione con altre importanti influenze climatiche come ENSO. Gli esempi includono le precipitazioni estreme nella Cina orientale a giugno e luglio 2016 e l’uragano Harvey, che ha colpito Houston, negli Stati Uniti, nel 2017.

Cooperazione internazionale
“Il numero di condizioni meteorologiche, climatiche e idriche estreme è in aumento e diventerà più frequente e grave in molte parti del mondo a causa del cambiamento climatico” – afferma il segretario generale della WMO, il prof. Petteri Taalas – “Ciò significa più ondate di calore, siccità e incendi boschivi come quelli che abbiamo osservato di recente in Europa e Nord America. Abbiamo anche più vapore acqueo nell’atmosfera, che sta esacerbando precipitazioni estreme e inondazioni mortali. Il riscaldamento degli oceani ha influenzato la frequenza e l’area di esistenza delle tempeste tropicali più intense”.

Vengono salvate più vite, come detto, “ma è anche vero che il numero di persone esposte al rischio di catastrofi è in aumento a causa della crescita della popolazione nelle aree a rischio e della crescente intensità e frequenza degli eventi meteorologici – spiega Mami Mizutori, capo dell’UNDRR – È necessaria una maggiore cooperazione internazionale per affrontare il problema cronico di un numero enorme di persone sfollate ogni anno a causa di inondazioni, tempeste e siccità. Abbiamo bisogno di maggiori investimenti nella gestione completa del rischio di catastrofi, garantendo che l’adattamento ai cambiamenti climatici sia integrato nelle strategie nazionali e locali di riduzione del rischio di catastrofi. Bisogna tenere conto anche della sovrapposizione della pandemia di COVID-19 con molti altri pericoli naturali e causati dall’uomo”.