COP26 Glasgow. Alcune città potrebbero essere più calde di 4 gradi entro il 2100

Con il vertice sul clima COP26 in corso a Glasgow, il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) ha pubblicato una guida su come contrastare il riscaldamento delle nostre città, che secondo lui sarà cruciale nella lotta per gli obiettivi dell'accordo sul clima di Parigi

944

“Alcune città potrebbero essere più calde di 4 gradi entro il 2100 se le emissioni continueranno ai tassi attuali” E’ l’avverimento dell’ONU. L’effetto isola di calore che si può osservare nelle città è causato dalla diminuzione della copertura verde, dai materiali che intrappolano il calore utilizzati negli ambienti urbani e dallo spreco di calore delle attività umane. Con il vertice sul clima COP26 in corso a Glasgow, il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) ha pubblicato una guida su come contrastare il riscaldamento delle nostre città, che secondo lui sarà cruciale nella lotta per gli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi. “Il raffreddamento urbano sostenibile ed equo deve far parte degli sforzi delle città per raggiungere gli obiettivi di energia netta zero”, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP.

In che modo la crescente domanda di raffreddamento sta rendendo le città più calde

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il numero di persone esposte alle ondate di calore è aumentato di 125 milioni tra il 2000 e il 2016. Ciò è particolarmente diffuso nelle città, che a causa della domanda energetica delle grandi popolazioni e delle loro infrastrutture, possono diventare trappole di calore. Le ondate di calore possono ovviamente avere un effetto negativo sulla salute umana, con tassi di mortalità più elevati osservati in luoghi in cui le temperature superano i 35 °C. Ma prendono anche il loro pedaggio sulle economie. Con temperature più elevate, la produttività può diminuire e le giornate di lavoro perse a causa di problemi di salute aumentano. Le città in fase di riscaldamento presentano una sorta di situazione di tipo Catch-22. L’aumento della domanda di sistemi di raffreddamento come l’aria condizionata aumenta la domanda sull’alimentazione. Ciò si traduce in maggiori emissioni di gas serra e calore di scarto dalla produzione di energia. Nella sua guida, l’ONU afferma che la spesa delle famiglie per raffreddare gli spazi interni rappresenta già tra il 5 e il 15% del reddito medio in molte parti del mondo.

Il manuale del raffreddamento sostenibile per le città

Il manuale dell’UNEP, pubblicato durante il vertice COP26 in corso a Glasgow, delinea soluzioni al problema del riscaldamento delle città, soluzioni che sono già state messe in pratica in tutto il mondo. Tra le idee ci sono la garanzia che i requisiti di pianificazione nelle città includano un’area minima e la distribuzione di spazi verdi o blu, una maggiore ventilazione e gestione del calore di scarto, alberi stradali, superfici fresche e riflettenti che bloccano l’assorbimento di calore e l’utilizzo di edifici per aggiungere ombra ai punti chiave aree pubbliche.

Il manuale mette in evidenza esempi di metodi utilizzati in tutta Europa per combattere il surriscaldamento nelle città.

Parigi dispone di un innovativo sistema di raffreddamento della città dal 1991. Uffici, banche, negozi, hotel, musei e altri edifici vengono raffreddati utilizzando l’acqua della Senna. Quando la temperatura dell’acqua è inferiore a 8C, l’acqua viene distribuita attraverso le torri di raffreddamento. Durante la notte, quando la richiesta di raffreddamento è inferiore, l’energia termica viene immagazzinata sotto forma di acqua refrigerata o ghiaccio che viene poi utilizzata durante le ore di punta della giornata. Secondo uno studio, questo ha il potenziale per ridurre la potenza di picco per il raffreddamento dal 15 al 50 percento.

Lubiana ha lanciato una zona ecologica nel 2007, chiudendo oltre 10 ettari nel centro della città al traffico automobilistico. Le strade principali sono state rese più adatte ai pedoni, sono state promosse le passeggiate a piedi e in bicicletta e sono stati forniti taxi elettrici gratuiti per i turisti e i residenti con mobilità ridotta. Nel resto della capitale slovena, il trasporto pubblico è stato modernizzato e sono state introdotte le corsie per autobus con conseguente riduzione della temperatura dell’aria e dell’inquinamento.

I cosiddetti “superblocchi” di Barcellona sono stati salutati come un successo ecologico nell’urbanistica. Dal 2016, sei gruppi di isolati nel quartiere Eixample della città spagnola sono stati riproposti per ridurre al minimo il traffico e rendere lo spazio disponibile per l’uso comunitario. La città ora prevede di convertire 21 strade e 21 incroci nello stesso distretto tra il 2022 e il 2032, rappresentando una strada su tre nel quartiere. Di conseguenza, la qualità dell’aria e la sicurezza dovrebbero migliorare.