Cop27 alla stretta finale, ma per Greenpeace la bozza di accordo apre la strada all’ “inferno climatico”

Pubblicata una prima bozza che riassume il possibile accordo finale della Conferenza delle Parti in corso a Sharm el-Sheikh. Gli ambientalisti hanno reagito al documento con estrema preoccupazione. Per Greenpeace "la bozza è un'abdicazione di responsabilità per catturare l'urgenza espressa da molti paesi di vedere una riduzione graduale di tutto il petrolio e il gas, aggiunti al carbone. È tempo di porre fine alla negazione, l'era dei combustibili fossili deve essere portata a una rapida fine"

681

Mentre la Cop27 volge al termine e i colloqui tra ministri di governo e negoziatori di oltre 200 paesi entrano nella fase decisiva, l’agenzia per il clima delle Nazioni Unite ha pubblicato una prima bozza di 20 pagine che riassume il possibile accordo finale.

Il cosiddetto documento “non cartaceo” ripete molti degli obiettivi del Patto sul clima di Glasgow dello scorso anno, tra cui il proseguimento degli sforzi per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 e la richiesta di sforzi continui per “abbassare gradualmente” l’energia a carbone. Tuttavia, non spinge per una riduzione graduale di tutti i combustibili fossili, come avevano chiesto l’India e l’Unione Europea.

Nella bozza si dice di voler “accogliere con favore” l’accordo per includere il tema del fondo globale “perdite e danni”, uno dei nodi fondamentali di questa Cop di Sharm el-Sheikh, ma non contiene dettagli su come istituire una struttura di finanziamento dedicata.

I principali attivisti ambientalisti hanno reagito al documento provvisorio con estrema preoccupazione.

Yeb Saño, capo delegazione della Cop27 di Greenpeace International, ha dichiarato: “Mentre gli impatti climatici e l’ingiustizia accelerano, le vite, i mezzi di sussistenza, le culture e persino interi paesi vengono persi, l’ultima bozza di nota di copertina della presidenza della Cop27 spinge l’acceleratore sull’autostrada all’inferno climatico“.

“Siamo venuti a Sharm el-Sheikh per chiedere un’azione reale per rispettare e superare gli impegni di finanziamento e adattamento per il clima – aggiunge Saño – , un’eliminazione graduale di tutti i combustibili fossili e che i paesi ricchi paghino per le perdite e i danni arrecati alle comunità più vulnerabili all’interno dei paesi in via di sviluppo concordare un fondo di finanziamento per perdite e danni. Niente di tutto ciò è offerto in questa bozza“.

E ancora: “Dopo aver inizialmente omesso persino di menzionare i combustibili fossili, la bozza di testo è un’abdicazione di responsabilità per catturare l’urgenza espressa da molti paesi di vedere una riduzione graduale di tutto il petrolio e il gas, aggiunti al carbone. È tempo di porre fine alla negazione, l’era dei combustibili fossili deve essere portata a una rapida fine”.

Le principali criticità riscontrate da Greenpeace:

-La lingua sull’eliminazione graduale dei combustibili fossili non riesce a fare progressi da Glasgow e solleva la richiesta di un’ampia eliminazione graduale di carbone, petrolio e gas.

– Pur riconoscendo il grave deficit di fondi messi a disposizione fino ad oggi per sostenere i paesi in via di sviluppo con l’adattamento, la mitigazione o la perdita e il danno, non esiste un percorso credibile per fornire i trilioni necessari.

-Anche se è stata annunciata sia come Cop “Attuazione” che Cop “Africa”, c’è poco di questo sul tavolo. Ed è chiaro che le voci degli interessi acquisiti sui combustibili fossili e dei lobbisti aziendali stanno dettando le bozze e non i bisogni e gli appelli dei più vulnerabili.