Cartello sulle emissioni dei diesel, la Commissione Ue multa per 875 milioni di euro i colossi tedeschi dell’auto

Daimler, BMW, Volkswagen, Audi e Porsche possedevano la tecnologia per ridurre le emissioni nocive oltre quanto richiesto dalla legge secondo gli standard di emissione dell'UE, ma di comune accordo hanno evitato di competere sull'utilizzo del pieno potenziale di questa tecnologia. Un'alleanza illegale secondo le norme antitrust dell'Unione Europea

208
BMW

La Commissione Europea ha accertato che Daimler, BMW e il gruppo Volkswagen (Volkswagen, Audi e Porsche) hanno violato le norme antitrust dell’UE colludendo sugli sviluppi tecnologici per la pulizia dei gas di scarico emessi dalle nuove auto diesel. La Commissione ha inflitto un’ammenda di 875 milioni di euro. Daimler non è stata sanzionata, poiché ha rivelato alla Commissione l’esistenza del cartello. Tutte le parti hanno riconosciuto il loro coinvolgimento nel cartello e hanno convenuto di risolvere il caso.

Il vicepresidente esecutivo della Commissione Margrethe Vestager, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: “Le cinque case automobilistiche Daimler, BMW, Volkswagen, Audi e Porsche possedevano la tecnologia per ridurre le emissioni nocive oltre quanto richiesto dalla legge secondo gli standard di emissione dell’UE. Ma hanno evitato di competere sull’utilizzo del pieno potenziale di questa tecnologia per pulire meglio di quanto richiesto dalla legge. Quindi la decisione odierna riguarda il modo in cui la cooperazione tecnica legittima è andata storta. E non tolleriamo quando le aziende colludono. È illegale secondo le norme antitrust dell’UE. La concorrenza e l’innovazione nella gestione dell’inquinamento automobilistico sono essenziali affinché l’Europa raggiunga i nostri ambiziosi obiettivi del Green Deal. E questa decisione dimostra che non esiteremo ad agire contro tutte le forme di condotta di cartello che mettono a repentaglio questo obiettivo”.

Le case automobilistiche hanno tenuto riunioni tecniche regolari per discutere lo sviluppo della tecnologia di riduzione catalitica selettiva (SCR) che elimina le emissioni nocive di ossido di azoto (NOx) dalle autovetture diesel attraverso l’iniezione di urea (chiamata anche “AdBlue”) nel flusso dei gas di scarico. Durante questi incontri, e per oltre cinque anni, le case automobilistiche hanno collaborato per evitare la concorrenza su una migliore pulizia di quanto richiesto dalla legge nonostante la tecnologia pertinente fosse disponibile.

Più specificamente, il gruppo Daimler, BMW e Volkswagen hanno raggiunto un accordo sulle dimensioni e le gamme dei serbatoi AdBlue e un’intesa comune sul consumo medio stimato di AdBlue. Si sono inoltre scambiati informazioni commercialmente sensibili su questi elementi. In tal modo hanno eliminato l’incertezza sulla loro futura condotta di mercato in materia di pulizia delle emissioni di NOx al di là dei requisiti legali (i cosiddetti “over-fulfillment”) e delle gamme di ricarica AdBlue.

Ciò significa che hanno limitato la concorrenza sulle caratteristiche del prodotto rilevanti per i clienti.

Tale comportamento costituisce un’infrazione per oggetto sotto forma di limitazione dello sviluppo tecnico, una tipologia di infrazione espressamente prevista dall’articolo 101, paragrafo 1, lettera b), del trattato e dall’articolo 53, paragrafo 1, lettera b), dello Spazio economico europeo (SEE)-Accordo.

La condotta si è svolta dal 25 giugno 2009 al 1 ottobre 2014.

L’indagine odierna sui cartelli è un esempio di come l’applicazione della legge sulla concorrenza possa contribuire al Green Deal mantenendo i nostri mercati efficienti, equi e innovativi. L’innovazione è la chiave per l’Europa per raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di Green Deal e la vivace concorrenza è la chiave per far prosperare tale innovazione.

Questa indagine sui cartelli è separata e distinta da altre indagini, tra cui quelle dei pubblici ministeri e di altre autorità sui produttori di automobili e l’uso di dispositivi di manipolazione illegali per imbrogliare i test normativi. Non ci sono indicazioni che le parti hanno coordinato l’uso di dispositivi di manipolazione illegali per imbrogliare i test normativi.

Il comunicato completo della Commissione Europea