Clima, la roadmap dell’IEA per zero emissioni nette al 2050: stop da subito a nuovi investimenti nei combustibili fossili

L'Agenzia Internazionale per l'Energia ha pubblicato la prima roadmap energetica globale al mondo, in cui mostra che le azioni del governo per promuovere rapidamente l'energia pulita e ridurre l'uso di combustibili fossili possono creare milioni di posti di lavoro, aumentare la crescita economica e mantenere l'obiettivo di zero emissioni nette al 2050 e gli obiettivi cliamtici di Parigi a portata di mano

876

Il mondo ha una strada percorribile per costruire un settore energetico globale con zero emissioni nette al 2050, ma è una strada angusta e richiede una trasformazione senza precedenti del modo in cui l’energia viene prodotta, trasportata e utilizzata a livello globale. Così l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) nella presentazione del nuovo rapporto “Net Zero by 2050: a Roadmap for the Global Energy Sector”, la cui uscita era stata già anticipata a gennaio.

La roadmap dell’IEA è il primo studio completo al mondo su come passare ad un sistema energetico net zero entro il 2050, garantendo nel contempo forniture energetiche stabili e convenienti, fornendo accesso universale all’energia e consentendo una solida crescita economica. Definisce un percorso economico ed economicamente produttivo, che si traduce in un’economia energetica pulita, dinamica e resiliente dominata da energie rinnovabili come il solare e l’eolico invece dei combustibili fossili. Il rapporto esamina anche le principali incertezze, come il ruolo della bioenergia, la cattura del carbonio e i cambiamenti comportamentali nel raggiungimento dello zero netto.

La roadmap sostiene che gli impegni per il clima dei governi fino ad oggi – anche se pienamente raggiunti – sarebbero ben al di sotto di quanto è necessario per portare le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) legate all’energia allo zero netto entro il 2050 e dare al mondo una possibilità pari di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C.

“La nostra tabella di marcia mostra le azioni prioritarie necessarie oggi per garantire che l’opportunità di zero emissioni nette al 2050 – limitata ma ancora realizzabile – non vada persa. La portata e la velocità degli sforzi richiesti da questo obiettivo critico e formidabile – la nostra migliore possibilità di affrontare il cambiamento climatico e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C – rendono questa forse la sfida più grande che l’umanità abbia mai affrontato“, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’IEA. “Il percorso dell’Agenzia verso questo futuro più luminoso porta un’impennata storica negli investimenti nell’energia pulita che crea milioni di nuovi posti di lavoro e aumenta la crescita economica globale. Portare il mondo su questo percorso richiede azioni politiche forti e credibili da parte dei governi, sostenute da una cooperazione internazionale molto maggiore”.

Basandosi sugli impareggiabili strumenti e competenze di modellazione energetica dell’IEA, la Roadmap definisce oltre 400 tappe fondamentali per guidare il viaggio globale verso lo zero netto entro il 2050. Queste includono, da oggi, nessun investimento in nuovi progetti di fornitura di combustibili fossili e nessun ulteriore investimento finale decisioni per nuove centrali a carbone senza sosta. Entro il 2035 non ci saranno vendite di nuove autovetture con motore a combustione interna ed entro il 2040 il settore elettrico globale avrà già raggiunto le emissioni nette zero.

A breve termine, il rapporto descrive un percorso zero netto che richiede l’implementazione immediata e massiccia di tutte le tecnologie energetiche pulite ed efficienti disponibili, combinata con una grande spinta globale per accelerare l’innovazione. Il percorso prevede che le aggiunte annuali di solare fotovoltaico raggiungano i 630 gigawatt entro il 2030 e quelle dell’energia eolica raggiungano i 390 gigawatt. Insieme, questo è quattro volte il livello record fissato nel 2020. Per il solare fotovoltaico equivale all’installazione dell’attuale parco solare più grande del mondo all’incirca ogni giorno. Anche un’importante spinta a livello mondiale per aumentare l’efficienza energetica è una parte essenziale di questi sforzi, con il risultato che il tasso globale di miglioramenti dell’efficienza energetica è in media del 4% all’anno fino al 2030, circa tre volte la media degli ultimi due decenni.

La maggior parte delle riduzioni globali delle emissioni di CO2 tra oggi e il 2030 nel percorso dello zero netto proviene da tecnologie prontamente disponibili oggi. Ma nel 2050, quasi la metà delle riduzioni proviene da tecnologie che attualmente sono solo in fase di dimostrazione o prototipo. Ciò richiede che i governi aumentino e ridistribuiscano rapidamente le loro spese in ricerca e sviluppo, nonché nella dimostrazione e nell’applicazione di tecnologie energetiche pulite, ponendole al centro della politica energetica e climatica. I progressi nei settori delle batterie avanzate, degli elettrolizzatori per l’idrogeno e della cattura e stoccaggio dell’aria possono essere particolarmente impattanti.

Una transizione di tale portata e velocità non può essere raggiunta senza il sostegno e la partecipazione sostenuti dei cittadini, le cui vite saranno influenzate in molti modi.

“La transizione verso l’energia pulita è per le persone e sulle persone”, ha affermato Birol. “La nostra tabella di marcia mostra che l’enorme sfida di passare rapidamente a un sistema di energia netta zero è anche un’enorme opportunità per le nostre economie. La transizione deve essere equa e inclusiva, senza lasciare indietro nessuno. Dobbiamo garantire che le economie in via di sviluppo ricevano i finanziamenti e il know-how tecnologico di cui hanno bisogno per costruire i loro sistemi energetici per soddisfare le esigenze delle loro popolazioni ed economie in espansione in modo sostenibile”.

Fornire elettricità a circa 785 milioni di persone che non vi hanno accesso e soluzioni per cucinare in modo pulito a 2,6 miliardi di persone che ne sono prive è parte integrante del percorso dello zero netto della Roadmap. Questo costa circa 40 miliardi di dollari all’anno, pari a circa all’1% dell’investimento medio annuo nel settore energetico. Porta anche importanti benefici per la salute attraverso la riduzione dell’inquinamento dell’aria interna, riducendo il numero di morti premature di 2,5 milioni all’anno.

Secondo un’analisi congiunta con il Fondo monetario internazionale, l’investimento energetico totale annuo salirà a 5 trilioni di dollari entro il 2030 nel percorso dello zero netto, aggiungendo altri 0,4 punti percentuali all’anno alla crescita del PIL globale. Il balzo della spesa pubblica e privata crea milioni di posti di lavoro nell’energia pulita, inclusa l’efficienza energetica, nonché nei settori dell’ingegneria, della produzione e delle costruzioni. Tutto ciò aumenterebbe il PIL globale del 4% nel 2030 di quanto raggiungerebbe in base alle tendenze attuali.

Il mondo dell’energia del 2050 appare completamente diverso da quello attuale. La domanda globale di energia è inferiore di circa l’8% rispetto a quella odierna, ma serve un’economia grande più del doppio e una popolazione con 2 miliardi di persone in più. Quasi il 90% della produzione di elettricità proviene da fonti rinnovabili, con l’eolico e il solare fotovoltaico che insieme rappresentano quasi il 70%. La maggior parte del resto proviene dall’energia nucleare. Il solare è la più grande fonte di approvvigionamento energetico totale al mondo. I combustibili fossili scendono da quasi quattro quinti dell’approvvigionamento energetico totale di oggi a poco più di un quinto. Quelli che rimangono vengono utilizzati in beni in cui il carbonio è incorporato nel prodotto come la plastica, in impianti dotati di cattura del carbonio e in settori in cui le opzioni tecnologiche a basse emissioni sono scarse.

“Il percorso delineato nella nostra tabella di marcia è di portata globale, ma ogni paese dovrà progettare la propria strategia, tenendo conto delle proprie circostanze specifiche”, ha affermato il dott. Birol. “I piani devono riflettere le diverse fasi di sviluppo economico dei paesi: nel nostro percorso, le economie avanzate raggiungono lo zero netto prima delle economie in via di sviluppo. L’IEA è pronta a sostenere i governi nella preparazione delle proprie roadmap nazionali e regionali, per fornire guida e assistenza nella loro attuazione e per promuovere la cooperazione internazionale per accelerare la transizione energetica in tutto il mondo “.

La relazione speciale ha lo scopo di informare i negoziati ad alto livello che si svolgeranno alla 26a Conferenza delle Parti (COP26) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow a novembre. Una richiesta di contributo ai negoziati arrivata dalla presidenza COP26 del governo britannico.

“Accolgo con favore questa relazione, che definisce una chiara tabella di marcia per zero emissioni nette e condivide molte delle priorità che abbiamo stabilito come la prossima presidenza COP. Dobbiamo agire ora per aumentare le tecnologie pulite in tutti i settori ed eliminare gradualmente sia il carbone che i veicoli inquinanti nel prossimo decennio“, ha affermato il presidente designato della COP26 Alok Sharma. “Sono incoraggiato dal fatto che il rapporto sottolinei il grande valore della collaborazione internazionale, senza la quale la transizione allo zero netto globale potrebbe essere ritardata di decenni”.

Nuove sfide per la sicurezza energetica emergeranno sulla strada per lo zero netto entro il 2050, mentre quelle di vecchia data rimarranno, anche se il ruolo del petrolio e del gas diminuisce. La contrazione della produzione di petrolio e gas naturale avrà implicazioni di vasta portata per tutti i paesi e le aziende che producono questi combustibili. Non sono necessari nuovi giacimenti di petrolio e gas naturale nel percorso dello zero netto e le forniture si concentrano sempre più in un piccolo numero di produttori a basso costo. La quota dell’OPEC di una fornitura globale di petrolio molto ridotta crescerà da circa il 37% negli ultimi anni al 52% nel 2050, un livello più alto che in qualsiasi momento della storia dei mercati petroliferi.

Le crescenti sfide alla sicurezza energetica che derivano dalla crescente importanza dell’elettricità includono la variabilità dell’offerta da alcune fonti rinnovabili e i rischi per la sicurezza informatica. Inoltre, la crescente dipendenza dai minerali critici necessari per le principali tecnologie e infrastrutture energetiche pulite comporta rischi di volatilità dei prezzi e interruzioni dell’approvvigionamento che potrebbero ostacolare la transizione.

“Sin dalla fondazione nel 1974, una delle missioni principali dell’IEA è stata quella di promuovere forniture energetiche sicure e convenienti per favorire la crescita economica. Questa è rimasta una delle principali preoccupazioni della nostra tabella di marcia Net Zero”, ha concluso Birol.