Il 31 ottobre è il World Cities Day. Tema di quest’anno: “Adattare le città alla resilienza climatica”

Maimunah Mohd Sharif (Onu): “La Giornata Mondiale delle Città di quest'anno cade il primo giorno dell'incontro delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow e ci stiamo tutti rendendo conto che la crisi climatica è una minaccia per tutti. Possiamo confidare che i paesi di tutto il mondo onoreranno gli impegni, ridurranno le emissioni di gas serra e rallenteranno il riscaldamento globale. Sappiamo già che anche con enormi tagli alle nostre emissioni, il riscaldamento globale continuerà per molti anni a venire”

542

Il mese dell’Urban October volge al termine e anche quest’anno le celebrazioni per il World Cities Day saranno il 31 ottobre. La principale Global Observance sarà ospitata a Luxor congiuntamente da UN-Habitat e dal Governo della Repubblica Araba d’Egitto.

La Global Observance, organizzata in una sorta di formato ibrido, riunirà rappresentanti di alto livello dei governi nazionali e locali, agenzie delle Nazioni Unite, partner di sviluppo, settore privato, organizzazioni della società civile e istituzioni accademiche per scambiare idee innovative, migliori pratiche e soluzioni per la costruzione di un clima urbano di resilienza.

Durante la giornata ci saranno collegamenti in diretta con le celebrazioni del World Cities Day dall’Expo di Dubai, speeches dell’evento a Shanghai e una giornata di pre-evento di discussioni e visite sul campo. “La Giornata Mondiale delle Città di quest’anno cade il primo giorno dell’incontro delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow – spiega nel suo messaggio la Direttrice Esecutiva del UN-Habitat Maimunah Mohd Sharif – e ci stiamo tutti rendendo conto che la crisi climatica è una minaccia per tutti. Possiamo confidare che i paesi di tutto il mondo onoreranno gli impegni, ridurranno le emissioni di gas serra e rallenteranno il riscaldamento globale. Sappiamo già che anche con enormi tagli alle nostre emissioni, il riscaldamento globale continuerà per molti anni a venire”.

Il tema particolare di quest’anno del World Cities Day è “Adattare le città alla resilienza climatica”, che riflette il fatto che i cambiamenti climatici avranno un enorme impatto sui residenti delle città con centinaia di milioni di loro che subiranno inondazioni, innalzamento del livello del mare, tempeste e periodi di aumento delle temperature estreme.

Le città e i paesi di tutto il mondo sono incoraggiati a organizzare eventi in occasione della Giornata mondiale delle città per aumentare la consapevolezza sull’urbanizzazione sostenibile. Molti centri urbani non sono riusciti a investire nella resilienza delle città a causa della mancanza di fondi o capacità, consapevolezza o piani d’azione che minacciano gli sforzi per ridurre la povertà e il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.


Il World Cities Day è stato istituito nel 2013 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella sua risoluzione A/RES/68/239. La prima di queste giornate si è tenuta nell’ottobre 2014.
Eredità dell’Expo 2010 di Shanghai, il World Cities Day mira a promuovere l’interesse della comunità internazionale per l’urbanizzazione globale, a promuovere la cooperazione tra i paesi nell’affrontare le opportunità e nell’affrontare le sfide dell’urbanizzazione e nel contribuire allo sviluppo urbano sostenibile in tutto il mondo. La giornata si lega all’obiettivo di sviluppo sostenibile Goal 11, per rendere le città “inclusive, sicure, resilienti e sostenibili”.

Il tema generale del World Cities Day è “Better City, Better Life”, mentre ogni anno viene selezionato un diverso sottotema e un luogo per la sua celebrazione globale, per promuovere i successi dell’urbanizzazione o affrontare sfide specifiche derivanti dall’urbanizzazione.

È possibile registrarsi per la celebrazione della Global Observance a questo link. Altrimenti sarà possibile seguire la le celebrazioni in diretta sul YouTube a questo link.