RER Vélo, il progetto che prevede la realizzazione di 680 chilometri di piste ciclabili nell’Île-de-France

La regione ha stanziato 300 milioni di euro per lo sviluppo di nove rotte, cinque delle quali dovrebbero essere pronte entro il 2025.

383
Île-de-France

Sali in bici per pedalare da Cergy al centro di Parigi utilizzando un’unica pista ciclabile, entro il 2030, questo dovrebbe essere possibile grazie alla RER V, V come Vélo (bicicletta in francese). Nove piste ciclabili di 680 chilometri sono state progettate dal collettivo Vélo Île-de-France nel 2019. Come una mappa della metropolitana, le piste ciclabili colorate mirano ad essere intuitive e facili da individuare e seguire per i ciclisti.

La regione prevede che i cinque assi prioritari, colorati, saranno pronti dal 2025 e l’altra parte entro il 2030. Per Vincent Degove, coordinatore associativo della RER V e membro di Paris en Selle, ha così commentato: “la prima fase potrebbe essere pronta. nel 2024 e tutto per il 2027-2028. Dobbiamo porci l’ambizione di andare rapidamente affinché ciò accada. L’obiettivo è che per i Giochi Olimpici del 2024 la metà sia già raggiunta”.

Dall’inizio del 2020, il progetto ha fatto molta strada. La regione dell’Île-de-France ha ripreso l’argomento e ha stanziato 300 milioni di euro per sostenere le comunità che si occupano delle proprie strade comunali e dipartimentali. L’aiuto regionale ammonta solitamente al 50% del finanziamento del progetto, il resto deve essere finanziato dalla comunità interessata. Per la rete regionale ciclabile espressa (RER V), l’aiuto fornito dalla regione arriva fino al 60% per incoraggiare le comunità a investire. “È un atto politico forte. Stiamo istituendo questo finanziamento per incoraggiare le autorità locali a svolgere il lavoro “, spiega Grégoire de Lasteyrie, responsabile della nuova mobilità presso il consiglio regionale.

Le nove rotte della RER V – Credit: Île-de-France region

Per lo sviluppo di queste nove piste ciclabili, il collettivo ha contato su un budget totale di 500 milioni di euro. ” Rappresenta appena il 2% del budget del Grand Paris Express “, sottolinea Louis Belenfant, coordinatore del Collectif Vélo Île-de-France.

Una volontà politica necessaria

Ma entra in gioco un altro costo non finanziario, quello della volontà politica. Le piste ciclabili sono spesso costruite al posto di strade o parcheggi. Una situazione difficile da accettare per gli automobilisti. La crisi causata dal coronavirus ha portato a un rinnovato interesse per il ciclismo con la realizzazione delle “coronapistes” a Parigi. Impianti ciclabili realizzati per decongestionare i mezzi pubblici e favorire così il rispetto delle distanze di sicurezza. Realizzate in tempi record, queste piste ciclabili hanno suscitato molte critiche. In particolare la bruttezza del capitello con l’installazione di borchie gialle o blocchi di cemento a delimitarli ma anche segnaletica a volte di difficile comprensione. Anne Hidalgo, sindaca di Parigi, ha ha però scelto di mantenerle oltre la crisi sanitaria.

Queste infrastrutture hanno riscosso un certo successo tra i ciclisti. Secondo l’associazione delle comunità Vélo et territoires, il numero di passaggi registrati a Parigi sulle piste ciclabili è addirittura aumentato del 67% tra la fine del primo lockdown e la fine di agosto rispetto al corrispondente periodo del 2019.

Quasi 6.000 chilometri di piste ciclabili

Oggi la bicicletta rappresenta solo il 3% degli spostamenti quotidiani dei residenti nell’Île-de-France. “Ci sono molti margini di miglioramento per proporre la bicicletta come alternativa al trasporto pubblico e alle auto. Vogliamo inviare un segnale forte ai residenti dell’Île-de-France”, ha affermato Grégoire de Lasteyrie, del consiglio regionale.

L’obiettivo della RER V è proprio quello di aumentare questo utilizzo. “L’unico modo per sviluppare l’uso della bicicletta in Île-de-France è risolvere il problema della discontinuità delle piste ciclabili in modo che i ciclisti si sentano al sicuro durante il loro viaggio”, spiega Vincent Degove. In Île-de-France esistono già strutture ciclabili, ma in modo discontinuo.

All’inizio del 2019 sono stati individuati 5.835 chilometri di percorsi ciclabili. “È la nozione di rete e di continuità dei tracciati che spingerà i parigini a usare le loro bici “, sottolinea Louis Belenfant.

Le specifiche per questa vasta rete di piste ciclabili e strutture sono state convalidate a fine marzo da associazioni e comunità locali. L’obiettivo è un’omogeneizzazione tutte le piste ciclabili anche se gestite e finanziate da comunità diverse. Devono avere la stessa identità visiva. “Per ricevere finanziamenti dalla regione, le comunità dovranno presentare un progetto di sviluppo del ciclo che rispetti le raccomandazioni di queste specifiche”, descrive Louis Belenfant. Il ciclista deve seguire la pista ciclabile con la stessa facilità con cui si segue la segnaletica della metropolitana.

Diversi percorsi dovrebbero essere convalidati entro l’estate in modo che alcuni lavori possano iniziare alla fine del 2021. “Stiamo lavorando affinché dal 2022 ci siano già percorsi sicuri in atto”, afferma Vincent Degove, coordinatore associativo della RER V.