IPCC avverte: gli impatti devastanti dei cambiamenti climatici arriveranno prima del previsto

Estinzione delle specie, malattie più diffuse, caldo invivibile, collasso dell'ecosistema, città minacciate dall'innalzamento dei mari: questi e altri devastanti impatti climatici stanno accelerando e sono destinati a diventare dolorosamente evidenti prima che un bambino nato oggi compia 30 anni. Uno scenario ancora peggiore di quello già pessimo emerso dai report precedenti dell'Intergovernmental Panel on Climate Change

1637

Anche se gli esseri umani terranno a bada le emissioni di gas serra che provocano il riscaldamento del pianeta, il cambiamento climatico rimodellerà radicalmente la vita sulla Terra nei prossimi decenni, secondo la bozza dell’ultimo rapporto dell’IPCC delle Nazioni Unite diffuso dall’AFP.

Estinzione delle specie, malattie più diffuse, caldo invivibile, collasso dell’ecosistema, città minacciate dall’innalzamento dei mari: questi e altri devastanti impatti climatici stanno accelerando e sono destinati a diventare dolorosamente evidenti prima che un bambino nato oggi compia 30 anni. Uno scenario ancora peggiore di quello già pessimo emerso dai report precedenti.

L’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) spiega che le scelte che le società fanno ora determineranno se la nostra specie prospererà o semplicemente sopravviverà nel corso del 21° secolo, ma le soglie pericolose sono più vicine di quanto si pensasse e le terribili conseguenze derivanti da decenni di inquinamento sfrenato da carbonio sono inevitabili a breve termine.

“Il peggio deve ancora venire, incidendo sulla vita dei nostri figli e dei nostri nipoti molto più della nostra”, afferma il rapporto, che costituisce di gran lunga il catalogo più completo mai assemblato su come il cambiamento climatico sta sconvolgendo il nostro mondo, un atto d’accusa di 4.000 pagine sulla gestione del pianeta da parte dell’umanità.

La pubblicazione del documento, progettato per influenzare le decisioni politiche, è prevista non prima di febbraio 2022, troppo tardi per i vertici delle Nazioni Unite affermano alcuni scienziati. In risposta alla segnalazione dell’AFP, l’IPCC ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di “non commentare il contenuto delle bozze di relazione mentre i lavori sono ancora in corso”.

Alleati come nemici

La bozza del rapporto arriva in un momento di “risveglio ecologico” globale e funge da controllo della realtà contro una sfilza di promesse mal definite di zero netto da parte di governi e società di tutto il mondo.

Le sfide che evidenzia sono sistemiche, intessute nel tessuto stesso della vita quotidiana. Sono anche profondamente ingiuste: i meno responsabili del riscaldamento globale soffriranno in modo sproporzionato, chiarisce il rapporto.

E mostra che se emettiamo quantità record di gas serra nell’atmosfera, stiamo minando la capacità delle foreste e degli oceani di assorbirli, trasformando in nemici i nostri più grandi alleati naturali nella lotta contro il riscaldamento globale.

Avverte che i precedenti importanti shock climatici hanno alterato drammaticamente l’ambiente e spazzato via la maggior parte delle specie, sollevando la questione se l’umanità stia seminando i semi della propria scomparsa. “La vita sulla Terra può riprendersi da un drastico cambiamento climatico evolvendosi in nuove specie e creando nuovi ecosistemi”, afferma.

Conseguenze irreversibili

Ci sono almeno quattro conclusioni principali nella bozza del rapporto, che potrebbero essere soggette a modifiche minori nei prossimi mesi.

Il primo è che con 1,1 gradi Celsius di riscaldamento registrato finora, il clima sta già cambiando. Un decennio fa, gli scienziati credevano che limitare il riscaldamento globale a due gradi Celsius sopra i livelli della metà del 19° secolo sarebbe stato sufficiente per salvaguardare il nostro futuro.

Questo obiettivo è sancito dall’Accordo di Parigi del 2015, adottato da quasi 200 nazioni che hanno promesso di limitare collettivamente il riscaldamento a “ben al di sotto” di due gradi Celsius e, se possibile, di 1,5 gradi.

I modelli precedenti prevedevano che non avremmo visto cambiamenti climatici in grado di alterare la Terra prima del 2100.Ma il rapporto delle Nazioni Unite afferma che il riscaldamento prolungato anche oltre 1,5 gradi Celsius potrebbe produrre “conseguenze progressivamente gravi, lunghe secoli e, in alcuni casi, irreversibili”.

Arrivare preparati

Il mondo deve affrontare questa realtà e prepararsi all’assalto dice il rapporto. “Gli attuali livelli di adattamento saranno inadeguati per rispondere ai futuri rischi climatici”, avverte. Decine di milioni di persone in più rischiano di affrontare la fame cronica entro il 2050 e 130 milioni in più potrebbero sperimentare la povertà estrema entro un decennio se si permette che la disuguaglianza si acuisca.

Nel 2050 le città costiere vedranno centinaia di milioni di persone a rischio inondazioni e mareggiate sempre più frequenti, rese più mortali dall’innalzamento dei mari. Circa 350 milioni di persone in più che vivono nelle aree urbane saranno esposte alla scarsità d’acqua a causa di gravi siccità a 1,5 gradi Celsius di riscaldamento – 410 milioni a due gradi Celsius.

Quel mezzo grado in più significherà anche 420 milioni di persone in più esposte a ondate di calore estreme e potenzialmente letali. “Si prevede che i costi di adattamento per l’Africa aumenteranno di decine di miliardi di dollari all’anno con un riscaldamento superiore a due gradi”, avverte il rapporto.

(Photo by SAEED KHAN / AFP) (Photo by SAEED KHAN/AFP via Getty Images)

Punto di non ritorno

In terzo luogo, il rapporto delinea i cosiddetti “punti di non ritorno” che gli scienziati hanno appena iniziato a misurare e comprendere. Gli impatti del riscaldamento globale sono amplificati anche da tutti gli altri modi in cui l’umanità ha infranto l’equilibrio della Terra. Questi includono “perdita di habitat e resilienza, sfruttamento eccessivo, estrazione di acqua, inquinamento, specie non autoctone invasive e dispersione di parassiti e malattie”, afferma il rapporto.

Ci sono pochissime buone notizie nel rapporto, ma l’IPCC sottolinea che si può fare molto per evitare gli scenari peggiori e prepararsi a impatti che non possono più essere evitati. Scambiare semplicemente un divoratore di gas con una Tesla o piantare miliardi di alberi per compensare le attività solite non li ridurrà, avverte il rapporto.

“Abbiamo bisogno di un cambiamento trasformazionale che operi su processi e comportamenti a tutti i livelli: individuo, comunità, imprese, istituzioni e governi. Dobbiamo ridefinire il nostro modo di vivere e di consumare