Auto elettriche: l’Europa ha superato la Cina

Eppure diversi ostacoli tra cui i blocchi di una regolamentazione debole, del sistema di limitazioni e, soprattutto, la deriva verso gli e-fuel, ostacolano l'ambizione dell'Unione Europea sulla mobilità a zero emissioni. Lo scrive Julia Poliscanova di Transport & Enviroment

443
Auto elettriche

L’Europa nel 2020 ha fatto un grande passo in avanti nel settore delle auto elettriche, ma i blocchi di una regolamentazione debole, del sistema di limitazioni e, soprattutto, della deriva verso gli e-fuel, ostacolano l’ambizione dell’Unione Europea sulla mobilità a zero emissioni. Lo scrive Julia Poliscanova di Transport & Enviroment.

Il 2020 è stato l’anno in cui sono decollate le vendite di auto elettriche nel vecchio continente. Spinto dagli obiettivi europei di emissioni di CO2 delle auto, il mercato dei plug-in è più che triplicato con i volumi di vendita che hanno superato la Cina. La domanda ora non è se l’auto elettrica sia il futuro, ma se l’Europa consoliderà il suo vantaggio a livello globale nel prossimo decennio. Tre blocchi si frappongono.

Decennio perso

Il primo è l’ambizione degli standard di CO2 per auto post-2020. Non è un caso che l’Europa sia all’avanguardia nel settore delle auto elettriche. Gli ambiziosi obiettivi dell’UE hanno costretto le case automobilistiche a investire nell’elettrico. Se l’Europa continuasse i tassi di crescita osservati in paesi come l’Olanda e la Svezia una volta che i loro mercati raggiungeranno la quota del 10%, quest’anno raggiungeremmo una quota plug-in del 18% e del 36% nel 2022, in tutto il continente. Questo è ben al di sopra dei livelli ambiziosi richiesti dall’attuale regolamento sulla CO2 fino al 2029. Quindi, a meno che le case automobilistiche non producano volontariamente più auto elettriche di quelle richieste dal regolamento, è proprio il regolamento dell’UE che ha spinto in testa l’Europa nel 2020 che farà deragliare i progressi raggiunti nel 2020.

Nuovo nome, vecchi trucchi

Il secondo nasce dal desiderio del presidente della Commissione Europea di estendere il sistema cap and trade europeo (EU ETS) al trasporto su strada. I modelli economici mostrano che se i prezzi del carburante aumentano, i consumatori passeranno ad alternative ecologiche. Ma in pratica le persone a basso reddito non possono sempre permettersi di cambiare semplicemente auto, il che significa che i tagli alle emissioni non si concretizzano e tutto ciò che rimane sono disordini come le proteste dei gilet gialli in Francia.

Barbabietole da zucchero vs torte

Il terzo ostacolo proviene dall’alleanza tra compagnie petrolifere e produttori di automobili che prediligono gli e-fuel. Questi sono realizzati utilizzando elettricità rinnovabile tramite reazioni Fischer-Tropsch tra idrogeno e monossido di carbonio per produrre idrocarburi sintetici di natura simile al carburante di oggi che può essere bruciato nei motori convenzionali. L’uso di e-fuel nelle auto non ha senso per una serie di ragioni. In primo luogo, tali combustibili sono ancora una possibilità lontana e richiederanno notevoli quantità di energia e capitale per la loro produzione. In secondo luogo, aspetto ancora più importante, l’Europa avrà bisogno di questi combustibili a basse emissioni di carbonio in settori quali l’aviazione e l’acciaio, dove non esiste un’alternativa facile alla decarbonizzazione.

In terzo luogo, questi combustibili sono anche la via più costosa per decarbonizzare il trasporto su strada. Abbiamo un’opzione economica: le batterie. Il crollo dei costi delle batterie significa che le auto elettriche a batteria saranno il percorso più economico per conformarsi alle future norme sulle emissioni.

L’Europa ha avuto un forte vantaggio nel settore delle auto elettriche nel 2020, ma i blocchi di una regolamentazione debole, del tetto stradale e del sistema commerciale e, soprattutto, della deviazione verso gli e-fuel, ostacolano l’ambizione europea di una mobilità a emissioni zero.

Superarli richiederà coraggio politico. Il premio non sarà solo un successo climatico, ma il primato in una delle principali gare tecnologiche del 21 ° secolo.

(L’articolo è tradotto da Euractiv a firma di Julia Poliscanova)