Giornata storica contro l’inquinamento da plastica: Nazioni Unite si impegnano a sviluppare un accordo internazionale giuridicamente vincolante

Capi di Stato, ministri dell'ambiente e altri rappresentanti di 175 nazioni hanno approvato una risoluzione storica all'Assemblea delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEA-5) riunita a Nairobi, per porre fine all'inquinamento da plastica e forgiare un accordo internazionale legalmente vincolante entro il 2024. La risoluzione affronta l'intero ciclo di vita del materiale, compresa la sua produzione, progettazione e smaltimento. "Questo è l'accordo ambientale multilaterale più significativo dall'accordo di Parigi"

1357

Capi di Stato, ministri dell’ambiente e altri rappresentanti di 175 paesi hanno approvato una risoluzione storica all’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEA-5) a Nairobi, per porre fine all’inquinamento da plastica e forgiare un accordo internazionale legalmente vincolante entro il 2024. La risoluzione affronta l’intero ciclo di vita della plastica, compresi la sua produzione, progettazione e smaltimento.

“Sullo sfondo delle turbolenze geopolitiche, l’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente mostra il meglio della cooperazione multilaterale”, hanno affermato il presidente dell’UNEA-5 e il ministro norvegese per il clima e l’ambiente, Espen Barth Eide. “L’inquinamento da plastica è diventato un’epidemia. Con la risoluzione di oggi siamo ufficialmente sulla buona strada per una cura”.

La risoluzione, basata su tre bozze iniziali di risoluzione di varie nazioni, istituisce un Comitato Intergovernativo di Negoziazione (INC), che inizierà i suoi lavori nel 2022, con l’ambizione di completare una bozza di accordo globale giuridicamente vincolante entro la fine del 2024. Si prevede presentare uno strumento giuridicamente vincolante, che rifletta diverse alternative per affrontare l’intero ciclo di vita della plastica, la progettazione di prodotti e materiali riutilizzabili e riciclabili e la necessità di una maggiore collaborazione internazionale per facilitare l’accesso alla tecnologia, il rafforzamento delle capacità e la cooperazione scientifica e tecnica.

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) convocherà un forum entro la fine del 2022 aperto a tutte le parti interessate in concomitanza con la prima sessione dell’INC, per condividere conoscenze e migliori pratiche in diverse parti del mondo. Faciliterà le discussioni aperte e assicurerà che siano informati dalla scienza, riferendo sui progressi nel corso dei prossimi due anni. Infine, al termine dei lavori dell’INC, l’UNEP convocherà una conferenza diplomatica per adottarne l’esito e aprirlo alle firme.

“Oggi segna il trionfo del pianeta Terra sulla plastica monouso. Questo è l’accordo ambientale multilaterale più significativo dall’accordo di Parigi. È una polizza assicurativa per questa generazione e per quelle future, quindi potrebbero vivere con la plastica e non esserne condannate” ha affermato Inger Andersen, Direttore Esecutivo dell’UNEP.

Sia chiaro che il mandato dell’INC non concede a nessuno dei portatori di interessi una pausa di due anni. Parallelamente ai negoziati su un accordo internazionale vincolante, l’UNEP lavorerà con qualsiasi governo e impresa disposti lungo la catena del valore per allontanarsi dalla plastica monouso, nonché per mobilitare finanziamenti privati ​​e rimuovere gli ostacoli agli investimenti nella ricerca e in un nuovo economia circolare”, ha aggiunto Andersen.

La produzione di plastica è aumentata da 2 milioni di tonnellate nel 1950 a 348 milioni di tonnellate nel 2017, diventando un’industria globale del valore di 522,6 miliardi di dollari e si prevede che raddoppierà la sua capacità entro il 2040. Gli impatti della produzione di plastica e dell’inquinamento sulla tripla crisi planetaria di il cambiamento climatico, la perdita della natura e l’inquinamento sono una catastrofe in divenire:

L’esposizione alla plastica può danneggiare la salute umana, incidendo potenzialmente sulla fertilità, sull’attività ormonale, metabolica e neurologica e la combustione all’aperto della plastica contribuisce all’inquinamento atmosferico.
Entro il 2050 le emissioni di gas serra associate alla produzione, all’uso e allo smaltimento della plastica rappresenterebbero il 15% delle emissioni consentite, con l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C (34,7°F).

Più di 800 specie marine e costiere sono interessate da questo inquinamento per ingestione, intrappolamento e altri pericoli.
Circa 11 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica confluiscono ogni anno negli oceani. Questo potrebbe triplicare entro il 2040. Il passaggio a un’economia circolare può ridurre il volume di plastica che entra negli oceani di oltre l’80% entro il 2040; ridurre del 55% la produzione di plastica vergine; risparmiare ai governi 70 miliardi di dollari entro il 2040; ridurre del 25% le emissioni di gas serra; e creare 700.000 posti di lavoro aggiuntivi, principalmente nel sud del mondo.

La storica risoluzione, intitolata “End Plastic Pollution: Towards an international legally binding instrument” è stata adottata con la conclusione della riunione di tre giorni UNEA-5.2, alla quale hanno partecipato oltre 3.400 partecipanti di persona e 1.500 online provenienti da 175 Stati membri delle Nazioni Unite, di cui 79 ministri e 17 funzionari di alto livello.