Pnrr, viceministro Morelli: “8,4 miliardi sono destinati a trasporto locale green e rapido di massa”

Il viceministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili ha detto a Infra Journal, il webmagazine dedicato alle nuove forme di mobilità del Gruppo Atlantia: "Circa 8,4 miliardi del Pnrr sono destinati al trasporto locale green e a quello rapido di massa. Rientrano in questo ambito il rinnovo del parco autobus, con l’acquisto di mezzi per rendere full electric le città di Milano, Roma, Napoli, dei treni per il trasporto pubblico locale e degli Intercity al Sud, nonché il rinnovo di materiale rotabile per il trasporto delle merci"

377

(adnkronos)

“Circa 8,4 miliardi del Pnrr sono destinati al trasporto locale green e a quello rapido di massa. Rientrano in questo ambito il rinnovo del parco autobus, con l’acquisto di mezzi per rendere full electric le città di Milano, Roma, Napoli, dei treni per il trasporto pubblico locale e degli Intercity al Sud, nonché il rinnovo di materiale rotabile per il trasporto delle merci”. Lo sottolinea Alessandro Morelli, viceministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, a Infra Journal, il webmagazine dedicato alle nuove forme di mobilità del Gruppo Atlantia.

“L’attenzione alla sicurezza – assicura il viceministro – è massima, e l’obiettivo è ambizioso: azzerare le vittime della strada entro il 2050. Stando all’ultima indagine Istat, dopo la naturale contrazione avvenuta nei mesi di lockdown, gli incidenti stradali sono nuovamente in aumento. Ecco perché, nel decreto Infrastrutture, abbiamo posto grande attenzione ai regimi sanzionatori vigenti rispetto a condotte ormai sempre più frequenti e pericolose per l’incolumità di tutti gli utenti della strada”.

“Penso anche al tema delle revisioni, il cui iter di semplificazione si è compiuto con l’adozione del decreto ministeriale che consentirà di effettuare anche le revisioni dei mezzi pesanti presso officine esterne autorizzate. Per rendere la strada più sicura è indispensabile che questa sia a misura di tutti gli utenti, persone con disabilità e donne in gravidanza in primis, cui sono dedicate misure specifiche assistite da sanzioni severe. Da ultimo, la circolazione dei monopattini è interessata da alcune novità che ne aumentano la sicurezza. Anche se si sarebbe potuto fare di più: mi riferisco, in particolare, all’estensione dell’obbligo di casco, targa e assicurazione”.