Regolamento imballaggi, European Bioplastics: “Riconosciuti i vantaggi della plastica compostabile”

L'industria europea delle bioplastiche "accoglie con favore le nuove norme proposte sugli imballaggi e sulle bioplastiche dalla Commissione europea. Apprezziamo il primo quadro politico completo della Commissione sui materiali bioplastici innovativi, riconoscendo il loro potenziale per fornire reali benefici ambientali e per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi in ​​materia di rifiuti e clima. Tuttavia, ci saremmo aspettati un sostegno più forte per l'uso di materie prime biobased"

1226

“European Bioplastics accoglie con favore le nuove norme proposte sugli imballaggi e sulle bioplastiche dalla Commissione europea. Apprezziamo il primo quadro politico completo della Commissione sui materiali bioplastici innovativi, riconoscendo il loro potenziale per fornire reali benefici ambientali. EB in particolare elogia l’approvazione da parte della Commissione dell’importante ruolo degli imballaggi in plastica compostabile per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi in ​​materia di rifiuti e clima. Tuttavia, ci saremmo aspettati un sostegno più forte per l’uso di materie prime biobased“. Così Hasso von Pogrell, amministratore delegato di European Bioplastics, l’associazione che rappresenta l’industria europea della bioplastica in Europa, nel giorno della presentazione ufficiale della proposta di nuovo Regolamento sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio di Bruxelles.

“Siamo particolarmente sollevati nel vedere che un divieto parziale inizialmente proposto sugli imballaggi in plastica compostabile è stato infine revocato e che le soluzioni di imballaggio compostabili continueranno a essere commercializzate e riciclate nell’Ue”, afferma von Pogrell. Secondo l’associazione “la proposta della Commissione riconosce i contributi della plastica compostabile nell’aumentare i volumi e la qualità dei rifiuti organici raccolti separatamente e nel ridurre la contaminazione dei flussi di rifiuti (organici). Rendendo obbligatorie diverse applicazioni di imballaggio per essere compostabili negli impianti di compostaggio industriale, tra cui bustine di tè, cialde e cialde di caffè con filtro, adesivi per frutta e sacchetti di plastica molto leggeri, la Commissione sta compiendo un primo passo nella giusta direzione”.

“Purtroppo nella comunicazione sul quadro politico per la plastica a base biologica, biodegradabile e compostabile permangono alcuni malintesi persistenti per quanto riguarda l’uso del suolo, i metodi utilizzati per valutare i benefici ambientali, i presunti rischi di contaminazione incrociata dei flussi di rifiuti, nonché biodegradabilità in diversi ambienti. Ha impedito alla Commissione di abbracciare pienamente il passaggio ai prodotti a base biologica che avrebbero consentito all’Europa di ridurre la sua dipendenza dalle risorse fossili e raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi in ​​materia di clima e circolarità”, afferma von Pogrell.

In particolare, secondo EB, “la proposta della Commissione non riesce a promuovere il contenuto biologico allo stesso modo del contenuto riciclato attraverso obiettivi per aiutare a garantire la disponibilità delle materie prime, per raggiungere obiettivi di contenuto riciclato e per soddisfare i severi requisiti per i materiali sensibili al contatto. Dare la priorità al contenuto riciclato e al riciclaggio meccanico non sarà sufficiente per sostituire la dipendenza dell’Ue dalle risorse fossili e per fermare l’attuale tendenza al sovraimballaggio e all’eccesso di rifiuti nell’Ue”.

“Chiediamo ai responsabili politici dell’Ue di mostrare maggiore ambizione e una visione chiara nel loro sostegno politico alla plastica biobased e compostabile, migliorando e chiarendo ulteriormente la proposta con l’obiettivo di sostenere in modo decisivo l’innovazione nel settore dei materiali sostenibili e delle soluzioni di imballaggio, garantendo che gli investimenti, l’occupazione e l’innovazione rimangono in Europa”, conclude von Pogrell. Durante l’imminente procedura legislativa ordinaria, l’associazione dice che continuerà a fornire prove e competenze al fine di garantire che il potenziale e i vantaggi delle bioplastiche nella transizione verso un’economia circolare climaticamente neutra siano pienamente riconosciuti.