Roma, riuso: nuovo bando per adesione semplificata di enti del terzo settore

L'azienda rifiuti della Capitale ha pubblicato un avviso pubblico sul proprio sito per l’iscrizione all’ “Albo AMA degli Enti del Terzo Settore per la realizzazione in collaborazione con AMA S.p.A. e Roma Capitale di iniziative di pubblica utilità in materia di prevenzione dei rifiuti e di incentivazione al riuso dei beni”. Il fine è quello di semplificare le procedure per allargare la platea delle associazioni e degli enti del Terzo Settore impegnati nelle attività di raccolta e riuso dei materiali recuperabili dismessi dai cittadini

333

Semplificare le procedure per allargare la platea delle associazioni e degli enti del Terzo Settore impegnati nelle attività di raccolta e riuso dei materiali recuperabili dismessi dai cittadini. Queste le finalità del nuovo bando dell’azienda rifiuti di Roma, che ha pubblicato un avviso pubblico sul proprio sito per l’iscrizione all’ “Albo AMA degli Enti del Terzo Settore per la realizzazione in collaborazione con AMA S.p.A. e Roma Capitale di iniziative di pubblica utilità in materia di prevenzione dei rifiuti e di incentivazione al riuso dei beni”. Lo comunica l’azienda stessa in una nota.

Rispetto al precedente avviso del 2020, l’iscrizione da parte di nuove associazioni in possesso dei requisiti necessari potrà essere richiesta in qualsiasi momento. L’Albo è soggetto ad aggiornamento annuale: trascorsi 12 mesi dall’iscrizione, i singoli soggetti ammessi dovranno seguire le procedure indicate sul sito per rinnovarla. Le attività si svolgeranno su base volontaria, senza limite di iniziative (se non quello minimo di almeno una l’anno, pena la cancellazione dall’Albo), inoltrando richiesta scritta, con un anticipo minimo di 15 giorni, all’indirizzo segreteria.comunicazione@amaroma.it e indicando le postazioni individuate per le raccolte di beni dismessi e riutilizzabile, in base al calendario predisposto da AMA delle iniziative di raccolta straordinaria gratuita dei rifiuti ingombranti, “particolari”, ecc., pubblicato sul sito aziendale.

“AMA con il nuovo albo – dichiara il Direttore Generale Andrea Bossola –ribadisce non solo la volontà di stringere in maniera continuativa una forte collaborazione con il mondo dell’associazionismo e del volontariato ambientale, ma di implementare ulteriormente la rete tra cittadini e operatori con l’ulteriore obiettivo di sensibilizzare tutti verso i temi dell’ambiente urbano e della salvaguardia del decoro. Le nuove modalità semplificate consentiranno di ampliare la platea degli aderenti e di avviare iniziative originali per il riutilizzo di oggetti usati, evitando che molti di essi divengano scarti e quindi rifiuti”.