Spreco alimentare, EEB: ecco i paesi che si oppongono agli obiettivi di riduzione Ue

Secondo un sondaggio sulle posizioni degli stati membri pubblicato da Feedback Eu e EEB, gli Stati più attenti all’obiettivo di riduzione del 50% entro il 2030 al tema sono Romania, Paesi Bassi, Lussemburgo e Estonia. Austria, Danimarca, Repubblica Ceca e Croazia hanno espresso sostegno ma si sono fermati prima di sostenerlo chiaramente. Firmata da 48 organizzazioni di 20 paesi dell’Ue una dichiarazione congiunta che invita la politica a introdurre obiettivi giuridicamente vincolanti

897
spreco alimentare
Image by M. Maggs from Pixabay

Sono stati resi noti i paesi che sostengono e si oppongono agli ambiziosi obiettivi legalmente vincolanti dell’UE in materia di rifiuti alimentari secondo un sondaggio sulle posizioni degli Stati membri dell’UE pubblicato oggi da Feedback EU e dall’Ufficio europeo dell’ambiente (EEB).

Gli attivisti hanno elogiato la Romania, i Paesi Bassi, il Lussemburgo e l’Estonia per “guidare il mondo” esprimendo sostegno all’introduzione di obiettivi legalmente vincolanti per gli Stati membri per ridurre lo spreco alimentare dell’UE del 50% entro il 2030. Altri Stati membri come anche Austria, Danimarca, Repubblica Ceca e Croazia hanno espresso sostegno per gli obiettivi legalmente vincolanti dell’UE in materia di rifiuti alimentari, ma per ora si sono fermati prima di sostenere chiaramente la riduzione del 50% dello spreco dal campo alla tavola entro il 2030.

Al contrario, Polonia, Malta, Slovenia e Portogallo attualmente si oppongono alla fissazione di qualsiasi obiettivo di spreco alimentare legalmente vincolante per gli Stati membri dell’UE, una mossa condannata dagli attivisti. Anche la Grecia e la Lettonia attualmente si oppongono alla fissazione di obiettivi al 50%, preferendo obiettivi più bassi solo per parti limitate della catena di approvvigionamento.

Molti altri Stati membri rimangono attualmente neutrali o indecisi. I risultati derivano da un sondaggio inviato da Feedback EU e EEB ai ministeri di ogni stato membro dell’UE con responsabilità per la politica sullo spreco alimentare, tra giugno e settembre.

La Commissione dovrebbe presentare una proposta per gli obiettivi di spreco alimentare legalmente vincolanti per gli Stati membri dell’UE entro la fine dell’anno, con adozione formale entro il 2023 – una decisione che è influenzata dalla consultazione con gli Stati membri dell’UE. I negoziati con il Parlamento europeo e il Consiglio decideranno quindi gli obiettivi finali: i ministeri di ciascun paese definiranno la posizione del Consiglio. Se adottata, questa sarà la prima legislazione di questo tipo al mondo.

48 organizzazioni di 20 paesi dell’UE hanno ora firmato una dichiarazione congiunta che invita i responsabili politici dell’UE a introdurre obiettivi giuridicamente vincolanti per gli Stati membri per ridurre del 50% entro il 2030 lo spreco alimentare dell’UE dalla fattoria alla tavola, nell’ambito dell’attuale rendicontazione, e rivedere l’estensione della rendicontazione a coprire tutti gli sprechi alimentari in azienda. Tra i firmatari figurano le ONG Feedback EU, l’Ufficio europeo dell’ambiente e Zero Waste Europe, le aziende di rifiuti alimentari Too Good to Go e OLIO e i membri della piattaforma dell’UE sulle perdite e gli sprechi alimentari, l’organo consultivo ufficiale dell’UE sullo spreco alimentare. Qui il link alla dichiarazione congiunta.

Si stima che l’UE sprechi 140,6 milioni di tonnellate di cibo ogni anno, più cibo di quanto ne importi, secondo un rapporto dell’organizzazione ambientalista Feedback EU pubblicato a settembre. Lo spreco alimentare costa inoltre alle imprese e alle famiglie dell’UE circa 143 miliardi di euro all’anno e provoca almeno il 6% delle emissioni totali di gas a effetto serra dell’UE.

Frank Mechielsen, direttore esecutivo di Feedback EU, ha dichiarato:

“Vogliamo elogiare paesi come Romania, Paesi Bassi, Lussemburgo ed Estonia per la loro leadership nel sostenere obiettivi giuridicamente vincolanti per dimezzare lo spreco alimentare dell’UE dal campo alla tavola entro il 2030. In un momento di prezzi alimentari elevati e crescente crisi climatica, mentre il l’UE sta potenzialmente buttando via più cibo di quanto ne importi, è fondamentale che la Commissione e gli altri paesi dell’UE seguano il loro esempio. È vergognoso che paesi come Polonia, Malta, Slovenia e Portogallo si oppongano attualmente agli obiettivi sullo spreco alimentare. Esortiamo i paesi ancora indecisi a sostenere questa legislazione basata sul buon senso. Dimezzare lo spreco alimentare lungo la catena di approvvigionamento entro il 2030 è un’enorme opportunità per affrontare il cambiamento climatico e migliorare la sicurezza alimentare, e fissare un obiettivo più debole significherebbe pianificare il mancato raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 12.3. e optare per un obiettivo di spreco alimentare riservato ai rivenditori e ai consumatori significherebbe escludere tra il 38 e il 75% del totale degli sprechi alimentari dell’UE, compresi quelli provenienti da aziende agricole, trasformazione e servizi di ristorazione”.

Piotr Barczak, Senior Policy Officer presso l’Ufficio europeo dell’ambiente, ha dichiarato:

“Tutti gli Stati membri dell’UE si sono impegnati nel 2013 a raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, tra i quali l’SDG 12.3 si impegna a ridurre lo spreco alimentare del 50% entro il 2030. 10 anni dopo, molti Stati membri non hanno fatto davvero progressi, ma hanno piuttosto aumentato la produzione di rifiuti alimentari. Alcuni di loro si oppongono apertamente a obiettivi vincolanti a livello dell’UE o si rifiutano di rispondere alle nostre legittime domande della società civile. Questi governi non sono responsabili”.

I risultati dell’indagine sono rappresentati in questa mappa:

Note:

• Nel 2021 l’UE ha importato quasi 138 milioni di tonnellate di prodotti agricoli, per un costo di 150 miliardi di euro. Il nuovo rapporto “No Time to Waste”, basato sulle fonti più aggiornate, stima che l’UE sprechi 140,6 milioni di tonnellate di cibo ogni anno. Si noti che questa cifra è stata leggermente aggiornata dalla pubblicazione del rapporto “No Time To Waste”, in linea con i nuovi dati sugli sprechi alimentari dell’UE pubblicati da Eurostat nell’ottobre 2022: il totale aggiornato supera ancora le importazioni dell’UE. Questa cifra è quasi il doppio delle stime precedenti, grazie alla migliore disponibilità di dati sul cibo sprecato nelle aziende agricole. I dati ufficiali dell’UE escludono ancora la maggior parte degli sprechi alimentari in azienda dalle misurazioni e dai rapporti degli Stati membri dell’UE.

• La quantità di grano sprecato nell’UE equivale a circa la metà delle esportazioni di grano dell’Ucraina e a un quarto delle altre esportazioni di cereali dell’UE.

• Si stima che attualmente il 20% della produzione alimentare dell’UE venga sprecato. Si stima che dimezzando lo spreco alimentare dell’UE entro il 2030 si risparmierebbero 4,7 milioni di ettari di terreno agricolo.

• Nel 2015, i paesi dell’UE si sono impegnati a raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile 12.3, ovvero dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030.

• Il rapporto stima che 89,8 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari si verificano nella produzione primaria, il triplo di quanto viene sprecato nelle famiglie dell’UE (31,2 milioni di tonnellate), il che significa che lo spreco alimentare totale dell’UE potrebbe essere quasi il doppio delle stime precedenti. È probabile che la maggior parte di questo spreco alimentare della produzione primaria non rientri nell’ambito dell’attuale misurazione dello spreco alimentare dell’UE, che esclude il cibo lasciato non raccolto o utilizzato nelle fattorie, escludendolo dalla riduzione mirata. La dichiarazione invita la Commissione a rivedere l’ampliamento della portata della misurazione e degli obiettivi dello spreco alimentare per includere il cibo “cibo commestibile lasciato non raccolto o utilizzato in azienda durante la produzione primaria”, che è attualmente escluso dalla comunicazione degli Stati membri dell’UE.