Rapporto Gaia: con sistemi “rifiuti zero” riscaldamento globale sotto 1,5°

La ricerca dimostra che una migliore gestione dei rifiuti potrebbe ridurre le relative emissioni dell'84% (1,4 miliardi di tonnellate) e diminuire significativamente le emissioni in altri settori in quanto causano il 20% delle emissioni globali di metano. San Paolo, Detroit e altri potrebbero raggiungere emissioni nette negative del settore entro il 2030

832

Secondo un nuovo rapporto pubblicato dalla Global Alliance for Incenerator Alternatives (GAIA) l’introduzione di sistemi “rifiuti zero” nelle città di tutto il mondo sarebbe uno dei modi più rapidi e convenienti per ridurre il riscaldamento globale e rimanere al di sotto di 1,5°C.

Il settore dei rifiuti rappresenta il 3,3% delle emissioni globali di gas serra e un quinto delle emissioni globali di metano. L’introduzione di migliori politiche di gestione che implementino raccolta differenziata, riciclaggio e compostaggio potrebbe ridurre le emissioni totali del settore rifiuti di oltre 1,4 miliardi di tonnellate, equivalenti alle emissioni annuali di 300 milioni di automobili, o togliere dalla strada tutti i veicoli a motore negli Stati Uniti per un anno.

Ma questa cifra sottovaluta il potenziale impatto dell’efficientamento di tutta la filiera. Ebbene almeno il 70% delle emissioni globali proviene dalla produzione, trasporto, uso e smaltimento delle merci e l’attenzione alla riduzione dei rifiuti potrebbe ridurre significativamente le emissioni anche in questi settori. Ad esempio, la produzione di manufatti in alluminio riciclato utilizza il 96% di energia in meno rispetto a quella con materie prime.

Potenzialmente, le politiche sui rifiuti zero potrebbero anche ridurre le emissioni di metano. Com’è noto si tratta di un gas oltre 80 volte più potente della CO2, con un unico aspetto “positivo”: dura poco nell’atmosfera. La riforma del settore dei rifiuti potrebbe ridurre le emissioni globali di metano del 13% a livello globale, portando enormi benefici climatici nei prossimi decenni e consentendo di “guadagnare tempo” per ridurre le altre emissioni.

Il coautore del rapporto, il dott. Neil Tangri di GAIA, ha dichiarato: “Una migliore gestione dei rifiuti è una soluzione ai cambiamenti climatici. Non richiede nuove tecnologie appariscenti o costose: si tratta solo di prestare maggiore attenzione a ciò che produciamo e consumiamo e a come gestirlo quando non è più necessario“.

“I precedenti colloqui sul clima hanno ampiamente trascurato il potenziale delle riforme nel settore dei rifiuti, in particolare per la riduzione del metano, cosa che oltre 100 paesi si sono ora impegnati a fare. Le strategie zero rifiuti sono il modo più semplice per ridurre le emissioni in modo rapido ed economico, costruendo al contempo resilienza climatica, creando posti di lavoro e promuovendo economie locali fiorenti”, ha affermato la coautrice Mariel Vilella, direttrice del Programma globale per il clima di GAIA.

“Mentre ci prepariamo per un altro round di negoziati sul clima delle Nazioni Unite, abbiamo un’opportunità unica per mettere la questione rifiuti all’ordine del giorno. Senza un impegno concreto da parte dei leader globali a zero rifiuti, non saremo in grado di raggiungere l’obiettivo climatico di 1,5°C”.

Il rapporto di GAIA ha analizzato le potenziali riduzioni delle emissioni di otto città in tutto il mondo. In media queste potrebbero ridurre le emissioni del settore dei rifiuti di quasi l’84% introducendo politiche sui rifiuti zero, con alcune, come San Paolo e Detroit, in grado di raggiungere emissioni nette negative entro il 2030.

“La ricerca dimostra scientificamente che zero rifiuti può effettivamente portare San Paolo a emissioni negative nette dal settore dei rifiuti, promuovendo al contempo nuovi posti di lavoro, fornendo un sostentamento dignitoso ai raccoglitori di rifiuti e compost per sostenere gli agricoltori agroecologici locali, gruppi che sono stati storicamente emarginati”, ha affermato Victor H. Argentino de M. Vieira dell’organizzazione brasiliana Instituto Pólis. “Cosa stanno aspettando i nostri leader? Ora è il momento di prevenire gli sprechi e ridurre la povertà a San Paolo”.

Secondo gli autori, inoltre, una gestione a zero rifiuti potrebbe aiutare le città ad adattarsi all’escalation della crisi climatica, prevenendo inondazioni e siccità, rafforzando il suolo e l’agricoltura, riducendo la trasmissione di malattie e generando opportunità di lavoro.

Nonostante ciò, più di un quarto degli attuali piani climatici dei paesi trascura il settore dei rifiuti. Sarà questo, infatti, uno dei temi critici affrontati alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP 27) del 2022 a novembre, dove la nazione ospitante, l’Egitto, prevede di presentare l’Africa Waste 50 Initiative, con l’obiettivo di trattare e riciclare il 50% dei rifiuti prodotti in Africa entro il 2050.

Per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5°C, come stabilito nell’Accordo di Parigi, e prevenire cambiamenti climatici catastrofici, GAIA sta esortando i leader globali a intraprendere un’azione urgente e audace contro i rifiuti zero:

• Incorporando obiettivi e politiche di zero rifiuti nei piani di mitigazione del clima e adattamento.

• Dando priorità alla prevenzione degli sprechi alimentari e al divieto di plastica monouso.

• Istituendo la raccolta differenziata e il trattamento dei rifiuti organici.

• Investendo in sistemi di gestione dei rifiuti, riciclaggio e capacità di compostaggio.

• Stabilendo quadri istituzionali e incentivi finanziari per rifiuti zero, inclusi regolamenti, programmi educativi e di sensibilizzazione e sussidi al riciclaggio e al compostaggio.

Janez Potočnik, copresidente dell’International Resource Panel del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, ex commissario europeo per l’ambiente, afferma: “Questo rapporto dimostra l’enorme importanza di allineare i nostri sistemi di smaltimento dei rifiuti agli obiettivi climatici. Mostra come le città stiano già lavorando per eliminare le emissioni di gas serra dai rifiuti, costruendo al contempo resilienza climatica e creando mezzi di sussistenza. Evidenzia l’assoluta necessità di ridurre le fonti principali di rifiuti modificando i nostri modelli di produzione e consumo, utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione per ottenere le profonde riduzioni delle emissioni di cui abbiamo bisogno”.

La metodologia della ricerca

Per accertare il potenziale di riduzione delle emissioni globali delle strategie zero rifiuti, GAIA ha collaborato con ricercatori locali per raccogliere dati sulla composizione dei rifiuti e sulla produzione specifici per città da otto diverse città in tutto il mondo. Bandung (Indonesia), Dar Es Salaam (Tanzania), Detroit (USA), eThekwini (Sud Africa), Lviv (Ucraina), São Paulo (Brasile), Seoul (Corea del Sud) e Temuco (Cile) sono stati scelti per rappresentare un un’ampia gamma di condizioni e circostanze, compresi i climi, i modelli di produzione di rifiuti, la ricchezza e la povertà e gli attuali sistemi di gestione dei rifiuti. Gli sforzi di diversione previsti si sono concentrati su sostanze organiche e materiali facili da riciclare come carta, cartone, metallo e vetro. Il grado di ambizione o impegno richiesto per lo scenario potenziale zero rifiuti, misurato dal tasso di diversione (~50%), è ben al di sotto di quanto già raggiunto da più grandi città in tempi simili o più brevi (~80%).

GAIA ha scoperto che le otto città studiate potrebbero ottenere una riduzione media delle emissioni dell’84%. Scalato a livello globale (ossia assumendo azioni comparabili intraprese in altre città e paesi del mondo), ciò rappresenta una potenziale riduzione di 1,4 miliardi di tonnellate di gas serra a livello globale (3% del totale globale) e una riduzione di 42 milioni di tonnellate nelle emissioni di metano (13% del totale mondiale). GAIA ha scoperto che le otto città studiate potrebbero ottenere una riduzione media delle emissioni dell’84%. Scalato a livello globale (ossia assumendo azioni comparabili intraprese in altre città e paesi del mondo), ciò rappresenta una potenziale riduzione di 1,4 miliardi di tonnellate di gas serra a livello globale (3% del totale globale) e una riduzione di 42 milioni di tonnellate nelle emissioni di metano (13% del totale mondiale).