Sumant Sinha di ReNew Power: “È tempo che gli Stati Uniti e l’India assumano un ruolo guida nell’azione per il clima”

286

Gli Stati Uniti e l’India saranno sotto stretta osservazione mentre i leader mondiali si dirigono verso i cruciali incontri sulla politica climatica che porteranno al cruciale vertice COP27. Per entrambi i Paesi, la domanda è: come risponderanno alla necessità di una leadership più vigorosa sul clima?

Per gli Stati Uniti, l’approvazione dell’Inflation Reduction Act (IRA) – il più grande investimento americano di sempre nella lotta al cambiamento climatico, con 369 miliardi di dollari – rappresenta un passo importante. Se le stime attuali saranno confermate, l’IRA ridurrà le emissioni di gas serra di circa il 40% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030.

Tuttavia, non sarà sufficiente

L’IRA da sola non può risolvere la crisi climatica e nemmeno mantenere il riscaldamento sotto la soglia critica dei due gradi Celsius. E soprattutto, la nuova legge non sarà sufficiente per rivendicare la leadership degli Stati Uniti nella lotta al cambiamento climatico.

Particolarmente preoccupante è la mancanza di un consenso politico negli Stati Uniti sulle questioni climatiche. I responsabili politici globali hanno notato che non un solo repubblicano al Senato o alla Camera ha votato a favore dell’IRA.

Allo stesso tempo, dato che gli Stati Uniti sono cruciali per la mitigazione del clima a livello globale, è preoccupante che alcuni Stati americani abbiano preso provvedimenti per penalizzare le società finanziarie che, a loro dire, ridurranno i loro investimenti nei combustibili fossili. Il mondo guarderà con attenzione alle elezioni di midterm negli Stati Uniti e all’impatto che la composizione della Camera e del Senato avrà sulle politiche di mitigazione di Washington, compresa l’IRA.

A complicare ulteriormente il quadro c’è l’incombente carenza di energia in Europa, che si trova ad affrontare l’inverno senza la fornitura di gas naturale russo, fondamentale per le sue economie. Non sorprende che i leader di alcuni Paesi europei – dopo anni di lezioni ai Paesi in via di sviluppo sulla dipendenza dal carbone – contino, in varia misura, sulla generazione a carbone per superare l’imminente crisi, mentre continuano a costruire capacità di energia rinnovabile per alimentare scommesse sportive e tutti i loro affari.

In questo periodo di politiche statunitensi conflittuali e di carenze energetiche in Europa, spetta al mondo in via di sviluppo e a una manciata di altre economie farsi avanti.

In India, c’è un forte consenso politico intorno agli obiettivi e alle azioni ambiziose del governo in materia di clima. L’India è il terzo produttore mondiale di energia rinnovabile e il terzo emettitore di gas serra. Negli ultimi anni, il Paese ha registrato una notevole espansione della capacità di produzione di energia eolica e solare. La mia società ReNew ha fornito nel 2021 una quantità di elettricità superiore al consumo annuale del Delaware e ha aumentato il suo portafoglio di energie rinnovabili del 30% nel trimestre aprile-giugno rispetto all’anno precedente.

La prossima mossa dell’India è l’idrogeno verde

La prima fase di un programma di spinta verso questa nuova fonte energetica, lanciata dal governo a febbraio, ha fissato un obiettivo di cinque milioni di tonnellate all’anno di produzione di idrogeno verde entro il 2030. Questo obiettivo è sostenuto da sussidi e incentivi per i progetti di energia rinnovabile.

Un solo disegno di legge non avrebbe mai potuto risolvere la politica climatica degli Stati Uniti. I rischi principali per l’azione globale per il clima rimangono, tra cui il mancato rispetto degli impegni, la riduzione dei flussi di capitale verso i Paesi in via di sviluppo per l’azione per il clima, l’interruzione delle catene di approvvigionamento e le crisi alimentari ed energetiche nei Paesi in via di sviluppo. La recente recalcitranza della Cina sulle questioni climatiche, derivante dalle tensioni con gli Stati Uniti su Taiwan, ha aumentato la sfida.

In questo difficile contesto, gli Stati Uniti (la più grande economia del mondo) e l’India (la principale economia in più rapida crescita) devono assumere un ruolo guida nell’affrontare queste sfide.

Dobbiamo lavorare insieme, attraverso la COP 27 dell’UNFCCC e la presidenza indiana del G20, per garantire che il forte impulso all’azione per il clima continui a livello globale, nonostante la crisi energetica. Dobbiamo fare in modo che gli impegni sul net zero e sui finanziamenti per il clima non vengano ridimensionati.

Insieme ad altri, Nuova Delhi e Washington devono lanciare iniziative congiunte per ridurre i costi dei prestiti per i progetti di energia pulita nei Paesi in via di sviluppo. L’obiettivo è eliminare la probabilità di una riduzione dei flussi privati di finanziamenti per il clima, dovuta all’aumento dei tassi di interesse nei Paesi sviluppati e al deprezzamento delle valute dei Paesi in via di sviluppo.

Dobbiamo anche rafforzare la collaborazione tra le imprese negli Stati Uniti e in India per migliorare l’efficacia e garantire che le iniziative esistenti guidate dalle imprese producano effettivamente risultati. Amplificando le voci di più aree geografiche, possiamo dare forma a potenziali soluzioni – insieme.

Ascoltare il Sud del mondo. In molti casi, le nazioni più povere e indebitate del mondo sono anche le più vulnerabili agli shock climatici. Le loro esigenze devono essere una priorità e le loro idee ed esperienze contribuiranno a costruire nuove soluzioni.