Torino approva una mozione in sostegno al ddl 164 “per l’arresto del consumo di suolo e per il riuso dei suoli”

La mozione stabilisce anche che il Comune si impegni affinché l’ANCI sostenga il disegno di legge 164, e a intervenire sulla Città Metropolitana di Torino al fine di dare reale applicazione a quanto contenuto nel PTCP2

829
torino student hotel consumo di suolo

Approvata con 21 voti favorevoli la mozione (primo firmatario Damiano Carretto, Gruppo Misto-Movimento 4 Ottobre) in sostegno alla proposta di legge “Norme per l’arresto del consumo di suolo e per il riuso dei suoli”. Il provvedimento ricorda come il consumo indiscriminato di suolo a fini edilizi rappresenti un’emergenza fortemente correlata al fenomeno del cambiamento climatico e del dissesto idrogeologico. Su questo è ora all’esame del Parlamento un disegno di legge (DDL 164) al quale la Sala Rossa esprime il proprio sostegno.

Il documento impegna l’Amministrazione comunale a porre in atto azioni ed iniziative a sostegno del DdL suddetto (in accordo con i rappresentanti locali del Forum Salviamo il Paesaggio) e ad assumere come quadro di coerenze e indirizzi politico-programmatici le finalità, gli obiettivi e le disposizioni contenute nel DdL stesso all’atto della revisione del proprio strumento urbanistico comunale, anche in carenza della vigenza di legge, ponendo particolare attenzione alla pianificazione delle aree di proprietà pubblica

Inoltre, la mozione stabilisce che il Comune si impegni affinché l’ANCI sostenga il disegno di legge 164, e a intervenire sulla Città Metropolitana di Torino al fine di dare reale applicazione a quanto contenuto nel PTCP2, che già contiene principi e norme per arrestare il consumo di suolo libero. Infine, l’invito a prevedere sul sito istituzionale della Città di Torino indicazione puntuale del consumo di suolo e del suolo recuperato all’interno del territorio cittadino mediante aggiornamenti semestrali, e il mandato per dare ampia diffusione pubblica del presente atto.

Fonte: Comune di Torino

Nell’immagine, postata su Facebook dall’Assessore Antonino Iaria, il rendering del futuro Student Hotel che sorgerà a Torino al posto di un’area verde attualmente priva di edifici.