Clima, allarme dall’WMO: nei prossimi 5 anni possibilità di raggiungere +1,5°C

Con una probabilità del 93%, un anno tra il 2022 e il 2026 sarà il più caldo mai registrato, stessa percentuale di probabilità che la media per il 2022-2026 si superiore a quella degli ultimi 5 anni. “Ci stiamo avvicinando sensibilmente al raggiungimento temporaneo dell'obiettivo più basso dell'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici”

868
Persone si rinfrescano nella fontana di piazza del Popolo per il caldo, Roma, 29 luglio 2020. ANSA/ANGELO CARCONI

Arriva l’allarme dall’ultimo aggiornamento climatico dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO): c’è una probabilità del 50% che la temperatura globale media annuale raggiunga temporaneamente 1,5 °C al di sopra del livello preindustriale per almeno uno dei prossimi cinque anni. Questa probabilità, inoltre, sta aumentando con il tempo.

C’è una probabilità del 93% che almeno un anno tra il 2022 e il 2026 diventi il ​​​​più caldo mai registrato e rimuova il 2016 dalla prima posizione. Anche la probabilità che la media quinquennale per il 2022-2026 sia superiore agli ultimi cinque anni (2017-2021) è del 93%, secondo il Global Annual to Decadal Climate Update, prodotto dal Met Office del Regno Unito, il principale centro dell’WMO per tali previsioni.

L’aggiornamento annuale sfrutta l’esperienza di scienziati del clima di fama internazionale e i migliori sistemi di previsione dei principali centri climatici di tutto il mondo per produrre informazioni fruibili per i decisori.

La possibilità di superare temporaneamente 1,5°C è aumentata costantemente dal 2015, quando era prossima allo zero. Per gli anni tra il 2017 e il 2021, c’era una probabilità di superamento del 10%. Tale probabilità è aumentata a quasi il 50% per il periodo 2022-2026.

“Questo studio mostra – con un alto livello di competenza scientifica – che ci stiamo avvicinando sensibilmente al raggiungimento temporaneo dell’obiettivo più basso dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. La cifra di 1,5°C non è una statistica casuale. È piuttosto un indicatore del punto in cui gli impatti climatici diventeranno sempre più dannosi per le persone e in effetti per l’intero pianeta”, ha affermato il segretario generale dell’WMO, il prof. Petteri Taalas.

Finché continueremo a emettere gas serra, le temperature continueranno a salire. E insieme a ciò, i nostri oceani continueranno a diventare più caldi e più acidi, il ghiaccio marino e i ghiacciai continueranno a sciogliersi, il livello del mare continuerà a salire e il nostro clima diventerà più estremo. Il riscaldamento dell’Artico è sproporzionatamente elevato e ciò che accade nell’Artico colpisce tutti noi”, ha affermato il prof. Taalas.

L’accordo di Parigi fissa obiettivi a lungo termine per guidare tutte le nazioni a ridurre sostanzialmente le emissioni globali di gas serra per limitare l’aumento della temperatura globale in questo secolo a 2 °C, proseguendo gli sforzi per limitare ulteriormente l’aumento a 1,5 °C.

Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici afferma che i rischi legati al clima per i sistemi naturali e umani sono più elevati per il riscaldamento globale di 1,5 °C rispetto a quello attuale, ma inferiori a 2 °C.

A condurre il rapporto, il dottor Leon Hermanson, del Met Office che afferma “Le nostre ultime previsioni sul clima mostrano che il continuo aumento della temperatura globale continuerà, con la possibilità anche che uno degli anni tra il 2022 e il 2026 superi 1,5 °C sopra i livelli preindustriali. Un solo anno di superamento al di sopra di 1,5 °C non significa che abbiamo violato la soglia iconica dell’accordo di Parigi, ma rivela che ci stiamo avvicinando sempre più a una situazione in cui 1,5 °C potrebbero essere superati per un periodo prolungato”.

Nel 2021, la temperatura media globale era di 1,1 °C al di sopra della linea di base preindustriale, secondo il rapporto provvisorio dell’WMO sullo stato del clima globale. Il 18 maggio sarà pubblicato il rapporto finale sullo stato del clima globale per il 2021.

Gli eventi consecutivi di La Niña all’inizio e alla fine del 2021 hanno avuto un effetto di raffreddamento sulle temperature globali, ma questo è solo temporaneo e non inverte la tendenza a lungo termine del riscaldamento globale. Qualsiasi sviluppo di un evento di El Niño alimenterebbe immediatamente le temperature, come ha fatto nel 2016, che fino ad ora è l’anno più caldo mai registrato.

I risultati dell’aggiornamento annuale includono:

• La previsione che la temperatura media annua globale vicino alla superficie per ogni anno tra il 2022 e il 2026 sia tra 1,1 °C e 1,7 °C superiore ai livelli preindustriali (la media negli anni 1850-1900).

• La possibilità che la temperatura globale in prossimità della superficie superi 1,5 °C al di sopra dei livelli preindustriali almeno un anno tra il 2022 e il 2026 è quasi altrettanto probabile (48%). C’è solo una piccola possibilità (10%) che la media quinquennale superi questa soglia.

• La probabilità che almeno un anno tra il 2022 e il 2026 superi l’anno più caldo mai registrato, il 2016, è del 93%. Anche la probabilità che la media quinquennale per il 2022-2026 sia superiore agli ultimi cinque anni (2017-2021) è del 93%.

• Si prevede che l’anomalia della temperatura artica, rispetto alla media del periodo 1991-2020, sarà più di tre volte più grande dell’anomalia media globale se calcolata in media nei successivi cinque inverni estesi dell’emisfero settentrionale.

• Non vi è alcun segnale per l’oscillazione meridionale di El Niño per dicembre-febbraio 2022/23, ma si prevede che l’indice di oscillazione meridionale sarà positivo nel 2022.

• I modelli di precipitazione previsti per il 2022 rispetto alla media 1991-2020 suggeriscono una maggiore possibilità di condizioni più asciutte nell’Europa sudoccidentale e nel Nord America sudoccidentale e condizioni più umide nell’Europa settentrionale, nel Sahel, nel Brasile nord-orientale e in Australia.

• I modelli di precipitazione previsti per la media da maggio a settembre 2022-2026, rispetto alla media 1991-2020, suggeriscono una maggiore possibilità di condizioni più umide nel Sahel, nell’Europa settentrionale, in Alaska e nella Siberia settentrionale e condizioni più asciutte sull’Amazzonia.

• I modelli di precipitazione previsti per la media da novembre a marzo 2022/23-2026/27, rispetto alla media 1991-2020, suggeriscono un aumento delle precipitazioni nei tropici e una riduzione delle precipitazioni nelle regioni subtropicali, in linea con i modelli attesi dal riscaldamento climatico.