A Procida Corepla incornicia la bellezza italiana

Parte dalla splendida e vivace isola di Procida, posta al centro del Golfo di Napoli, capitale italiana della Cultura per il 2022, il tour “L’Italia in Cornice”. Una finestra sul nostro Belpaese, con un’installazione artistica in plastica riciclata per valorizzare alcuni dei più scenografici panorami. Un sodalizio tra sostenibilità e arte che viaggerà lungo tutto lo Stivale facendo tappa in alcuni tra i più rinomati Comuni italiani

172

Il fascino artistico e storico di alcune tra le più belle località italiane finisce in cornice. Un riconoscimento legittimo, tributato attraverso “L’Italia in Cornice”,iniziativa promossa da Corepla, il Consorzio per Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, che toccherà alcuni scorci naturali e suggestivi della nostra Italia.

Un’insolita e colorata cornice in plastica riciclata celebrerà il sodalizio tra sostenibilità e arte e viaggerà lungo tutto lo Stivale facendo tappa in alcuni tra i più rinomati Comuni italiani. Si parte oggi (martedì 26 luglio, ndr) da una vera e propria “cartolina” della Campania, la splendida e vivace isola di Procida, posta al centro del Golfo di Napoli, capitale italiana della Cultura per il 2022.

Alla singolare cornice è stato riservato uno spazio prospicente uno dei più famosi scorci dell’isola, il “Belvedere dei cannoni”, a simboleggiare il rilievo e il rispetto che siamo tenuti a dare all’Ambiente, già di per sé un’ineguagliabile opera d’arte, il cui valore viene ulteriormente enfatizzato se oggetto di cura e preservazione. Un viaggio emozionale che inciterà chiunque si soffermi ad osservare questa bella installazione a fotografarsi davanti all’opera, e possa comprendere quante siano le opportunità di riutilizzo della plastica.

Poter suscitare un momento di riflessione sull’importanza di tutelare l’enorme patrimonio di bellezze naturali e artistiche di cui il nostro Paese è ampiamente dotato significa sperare di sollecitare quante più coscienze affinché si radichi una cultura della salvaguardia ambientale e, allo stesso tempo, la consapevolezza che la plastica, se correttamente raccolta, e riciclata, può trasformarsi in una risorsa preziosa e versatile, capace di rinascere costantemente da sé stessa – ha dichiarato il presidente di Corepla Giorgio Quagliuolo –”.

Realizzata con elementi che portano con sé tracce evidenti della loro precedente vita, la grande cornice rappresenta la conferma di come sia cruciale, per il futuro ambientale del Paese, e non solo, divulgare una rinnovata cultura del riciclo, soprattutto quando si parla di imballaggi in plastica.

Un invito esplicito lanciato anche dal vicesindaco di Procida Giuditta Lubrano Lavadera“Siamo contenti di ospitare la prima tappa di questo viaggio tra le bellezze del nostro Paese. Ringraziamo Corepla per il gradito dono che ci auguriamo possa fare da cornice a momenti di gioia e svago per cittadini e ospiti. Siamo da sempre impegnati a fare più e meglio per la gestione virtuosa del rifiuto, per la sensibilizzazione e l’informazione sui temi ambientali. Procida grazie all’impegno della comunità, ha raggiunto buoni risultati nella raccolta differenziata ma tanto ancora c’è da fare e si farà, lavorando con l’entusiasmo che ci caratterizza”.

Il tour de “L’Italia in cornice” ripartirà a settembre da Viareggio. 

CAMPANIA. I NUMERI

Nei primi sei mesi del 2022, la Regione Campania ha subito una flessione pari al 2,6% in termini di raccolta rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno. Il mese di luglio, però, è pronto a invertire il trend grazie a una generale ripresa dei consumi, del turismo e delle temperature molto elevate.

La provincia di Napoli, invece, registra ben 3,7% di raccolta in più rispetto agli stessi mesi del 2021. Il corrispettivo che Corepla ha riconosciuto ai Comuni della Regione Campania, o convenzionati da essi delegati, da gennaio a giugno 2022 è stato pari a quasi 16 milioni e mezzo di euro. 

Anche il dato nazionale riflette una flessione di meno dell’1% di imballaggi in plastica raccolti nei primi 6 mesi rispetto agli stessi mesi del 2021. Dopo una diminuzione più significativa nel I trimestre, il II trimestre mostra però un dato nuovamente in crescita e in linea con le aspettative.