Acciao, riciclo da record in Italia: dal 2000 ad oggi recuperate 75 milioni di tonnellate di imballaggi

I dati sono stati presentati in occasione dell’assemblea annuale di RICREA, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio, parte del Sistema CONAI, che celebra quest’anno i 25 anni di attività e sono contenuti nel Green Economy Report “Dall’acciaio all’acciaio: il contributo nella lotta al cambiamento climatico” elaborato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile. "Siamo orgogliosi del percorso compiuto dall’intera filiera, che oggi costituisce un’eccellenza a livello europeo", commenta Domenico Rinaldini, Presidente del consorzio

225

Un quantitativo di acciaio pari al peso di 800 Tour Eiffel, per un valore economico di 1 miliardo di euro di materia recuperata: ecco quanto si è risparmiato in Italia dal 2000 ad oggi grazie al riciclo degli imballaggi in acciaio, quali ad esempio barattoli, scatole, scatolette, lattine, fusti, secchielli, bombolette, tappi e chiusure.

Un risultato possibile grazie all’impegno di tutta la filiera, a partire dai cittadini: nel 2021 la raccolta pro capite di imballaggi in acciaio è cresciuta ulteriormente raggiungendo quota 4,4 kg per abitante, con un aumento del +9,7% rispetto all’anno precedente.

I dati sono stati presentati oggi a Roma in occasione dell’assemblea annuale di RICREA, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio  parte del Sistema CONAI, che celebra quest’anno i 25 anni di attività e sono contenuti nel Green Economy Report “Dall’acciaio all’acciaio: il contributo nella lotta al cambiamento climatico” elaborato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile.

“Siamo orgogliosi del percorso compiuto in questi 25 anni e dei risultati raggiunti: grazie al lavoro sinergico dell’intera filiera oggi l’Italia costituisce un’eccellenza a livello europeo – commenta Domenico Rinaldini, Presidente di RICREA -. Complessivamente abbiamo avviato al riciclo 7,5 milioni di tonnellate di imballaggi. Già nel 2002 abbiamo superato l’obiettivo del 50% dell’immesso al consumo fissato dalla direttiva europea per il 2008, e il tasso di riciclo è cresciuto fino ad attestarsi negli ultimi anni su valori superiori al 70%, l’obiettivo da raggiungere nel 2025. Questi dati dimostrano che il nostro sistema ha reagito bene all’impatto della pandemia, assicurando anche in questi anni difficili il corretto avvio al riciclo degli imballaggi in acciaio provenienti dalla raccolta differenziata e creando valore: l’acciaio infatti è un materiale permanente, che si ricicla al 100% all’infinito”.

Costituito nel 1997 il Consorzio RICREA è un’organizzazione senza scopo di lucro, che ha l’obiettivo di favorire la raccolta, il riuso e l’avvio a riciclo di tutti i rifiuti di imballaggio in acciaio. Oggi RICREA conta 317 consorziati e un vasto numero di operatori distribuiti sull’intero territorio nazionale.

RICREA promuove inoltre, attraverso l’Accordo Quadro ANCI-CONAI, la crescita della raccolta differenziata attivando convenzioni per regolare l’erogazione di un corrispettivo economico. Dal 2000 ad oggi ai Comuni Italiani sono stati riconosciuti corrispettivi per un importo complessivo di oltre 227 milioni di euro per il pagamento dei maggiori oneri per l’organizzazione della raccolta differenziata: un ulteriore fattore di successo per il conseguimento dei risultati. Oggi sono attive 431 convenzioni per un totale di 6.033 Comuni coinvolti e 50.290.000 persone servite.

Nell’ultimo anno è ulteriormente aumentata la quota pro-capite di imballaggi in acciaio raccolti, in media 4,4 Kg (+9,7% rispetto al 2020): un risultato favorito dal crescente utilizzo di contenitori per uso domestico, ma anche una conferma che il sistema di raccolta e riciclo in Italia è ben collaudato. Nel 2021 in Italia sono state avviate al riciclo 390.000 tonnellate di imballaggi in acciaio, sufficienti per realizzare circa 3.900 km di binari ferroviari.

Il percorso virtuoso che comincia nelle case degli italiani con il gesto del corretto conferimento e si conclude in acciaieria con la rinascita dell’acciaio sotto forma di nuovi prodotti, ha ricadute importanti per l’economia e per l’ambiente.

7,5 milioni di tonnellate di imballaggi in acciaio avviati al riciclo in Italia dal 2000 ad oggi hanno consentito di ottenere un risparmio di 8 milioni di tonnellate di materiale primario, generando benefici economici per 1 miliardo di euro di materia recuperata e 386 milioni di euro di CO2 evitata.

L’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio in acciaio e la rigenerazione di fusti e cisternette a livello nazionale ha consentito, tra il 2000 e il 2021, di evitare l’emissione in atmosfera di circa 12 milioni di tonnellate di CO2eq, pari alle emissioni generate da 7 milioni di autovetture con percorrenza media di 10.000 km, e ha permesso al nostro Paese di evitare il consumo di circa 50 mila GWh di energia primaria, pari al consumo medio di energia di circa 13 milioni di famiglie italiane.