Biomonitoraggio ZWE: alto livello di diossine intorno a 3 inceneritori europei

Analizzati nel nuovo rapporto di Zero Waste Europe i livelli inquinanti nelle vicinanze di inceneritori in Spagna, Repubblica Ceca e Lituania. Lo studio evidenzia anche i limiti delle misurazioni dei POP basate sull'analisi chimica, richieste dalla legislazione UE, in quanto non riesce a misurare la tossicità totale di migliaia di sostanze tossiche (PCDD/F, dl-PCB, PAH e PFAS) emesse dagli inceneritori di rifiuti. Vähk: “Gli impianti di combustione dei rifiuti emettono sostanze tossiche che persistono nell'ambiente, si bioaccumulano negli ecosistemi e hanno effetti negativi significativi sulla salute umana e sui mezzi di sussistenza”

840
inceneritore
Photo by Jason Blackeye on Unsplash

Il nuovo rapporto pubblicato da Zero Waste Europe sulla ricerca sul biomonitoraggio delle emissioni degli inceneritori di rifiuti in tre paesi – Spagna, Repubblica Ceca e Lituania – ha rilevato alti livelli di inquinanti organici persistenti (POP) nelle vicinanze degli inceneritori.

La ricerca di 2 anni commissionata a ToxicoWatch Foundation ha analizzato la deposizione di inquinanti organici persistenti (POP) in biomarcatori come uova di pollo da cortile, aghi di pino e muschi in prossimità di tre termovalorizzatori (WtE): UAB Kauno Cogeneration Power Plant (Kaunas, Lituania), Valdemingómez (Madrid, Spagna) e ZEVO Chotíkov (Pilsen, Repubblica Ceca).

La ricerca ha rilevato che:

• La maggior parte delle uova dei polli da cortile nelle vicinanze dei tre inceneritori supera i limiti di azione dell’UE per il saggio biologico DR CALUX (1) e l’analisi chimica GC-MS (2) come disciplinato dal Regolamento UE 2017/644.

• L’analisi della vegetazione, aghi di pino e muschi, mostra diossine in concentrazioni elevate nelle aree intorno agli inceneritori di rifiuti in tutti e tre i paesi mediante saggio biologico DR CALUX.

• Elevate quantità di sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) sono state trovate in muschi, aghi di pino e uova di galline da cortile in tutte e tre le aree intorno agli inceneritori di rifiuti mediante misurazioni biologiche FITC-T4.

• Alti livelli di idrocarburi policiclici aromatici (IPA) si trovano nei muschi e negli aghi di pino intorno a tutti e tre gli inceneritori di rifiuti mediante saggio biologico (PAH CALUX).

L’area più inquinata in questa ricerca di biomonitoraggio si trova a Madrid, vicino all’installazione di Valdemingómez, uno dei più antichi inceneritori di rifiuti in Europa.

Lo studio evidenzia anche i limiti delle misurazioni dei POP basate sull’analisi chimica, richieste dalla legislazione UE, in quanto non riesce a misurare la tossicità totale di migliaia di sostanze tossiche (PCDD/F, dl-PCB, PAH e PFAS) emesse da inceneritori di rifiuti. Inoltre, i dati attualmente disponibili sulle emissioni di POP si basano su cifre e medie calcolate che forniscono un quadro fuorviante delle emissioni effettive.

Janek Vähk, coordinatore del programma per il clima, l’energia e l’inquinamento atmosferico di ZWE, ha dichiarato: “Gli impianti di combustione dei rifiuti emettono sostanze tossiche che persistono nell’ambiente, si bioaccumulano negli ecosistemi e hanno effetti negativi significativi sulla salute umana e sui mezzi di sussistenza. Migliaia di persone vivono vicino a tali impianti di combustione in tutta Europa. Ad oggi non sono stati rassicurati sui rischi per la salute e la sicurezza di queste strutture né hanno diritto al risarcimento per i danni subiti quando queste installazioni violano la legge”.

Tenendo conto dei risultati della ricerca, ZWE raccomanda di utilizzare l’attuale revisione della direttiva sulle emissioni industriali per:

• Obbligare l’uso di analisi biologiche per monitorare le emissioni di POP dagli impianti di combustione dei rifiuti;

• Obbligare gli operatori a pubblicare tutti i dati sulle emissioni anche in valori lordi (non solo dati calcolati, medie…) così come rapporti originali di analisi di laboratorio;

• Garantire diritti di risarcimento per i danni causati quando queste strutture violano la legge;

• Fissare i valori limite di emissione “più severi possibili” per i POP coerenti con le “minime emissioni ottenibili” applicando la migliore tecnologia disponibile (BAT).

Il 22 gennaio, il Gruppo di lavoro per la chiusura dell’inceneritore di Valdemingomez (formato dalla ONG Ecologistas en acción, Federazione regionale delle associazioni di quartiere di Madrid e Grupo de Acción para el Medio Ambiente) organizzerà una marcia dall’Ensanche de Vallecas – un quartiere di Madrid vicino all’impianto dell’inceneritore di Valdemingómez, per chiedere la chiusura di questo impianto.

Leggi qui il rapporto.

NOTE PER I REDATTORI:

1. Il biodosaggio DR CALUX® (Dioxin Responsive Chemical Activated LUciferase gene eXpression) è un metodo di screening bioanalitico utilizzato per la quantificazione di diossine/furani (PCDD/F) e PCB diossina-simili (dl-PCB).

2. Analisi di spettrometria di massa gascromatografica (GC-MS).

3. L’analisi chimica (GC-MS) è limitata a soli 17 congeneri con l’esclusione, ad esempio, delle diossine bromurate (PBDD/F).