Bonus trasporti, dal 1° settembre è possibile fare domanda | Come funziona

Da giovedì 1° settembre a partire dalle ore 8 è possibile fare domanda per il cosiddetto "bonus trasporti", il buono per il trasporto pubblico del limite massimo di 60 euro introdotto dal Governo come sostegno al reddito e per il contrasto a un potenziale impoverimento conseguente alla crisi energetica in corso. L'incentivo può essere richiesto sul sito bonustrasporti.lavoro.gov.it solo da chi nel 2021 ha conseguito un reddito complessivo non superiore a 35 mila euro 

1108

Da giovedì 1° settembre a partire dalle ore 8 è possibile fare domanda per il cosiddetto “bonus trasporti”, il buono per il trasporto pubblico del limite massimo di 60 euro introdotto dal Governo come sostegno al reddito e per il contrasto a un potenziale impoverimento conseguente alla crisi energetica in corso (istituito all’interno del Decreto Aiuti, successivamente convertito con modificazioni in Legge n. 91 del 15 luglio 2022).

Il bonus è nominativo e sarà utilizzabile per l’acquisto di un solo abbonamento (annuale, mensile o relativo a più mensilità) e può essere richiesto solo da chi nel 2021 ha conseguito un reddito complessivo non superiore a 35 mila euro. Si può richiedere anche per un minorenne a proprio carico. Per effettuare la richiesta bisogna accedere al sito specifico  bonustrasporti.lavoro.gov.it.

Per agevolare la diffusione delle informazioni, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha lanciato una campagna che ha l’obiettivo di fornire indicazioni sui requisiti e sulle modalità predisposte per beneficiare dell’incentivo.

Il claim della campagna, che viene diffusa sulle reti Rai è “Bonus trasporti: un aiuto concreto“. Il provvedimento, rivolto a famiglie, studenti, lavoratori e pensionati consiste in un contributo fino a 60 euro per acquistare un abbonamento per l’utilizzo di mezzi di trasporto pubblici su gomma e su ferro. Nel dettaglio, il Bonus trasporti è riconosciuto alle persone fisiche che nell’anno 2021 hanno conseguito un reddito complessivo non superiore a 35mila euro. Sarà possibile richiedere l’agevolazione tramite SPID o carta di identità elettronica e successivamente acquistare l’abbonamento fisicamente in biglietteria, mostrando, al momento dell’acquisto, il codice ricevuto in precedenza telematicamente.