Caro energia, Comuni e Province: “Servono altri 350 milioni o ci saranno tagli ai servizi pubblici”

Così il presidente dell'Associazione nazionale dei comuni italiani, Antonio Decaro, e quello delle province, Michele De Pascale, che sono tornati a premere per un intervento urgente che fermi il rincaro dei prezzi dell'energia: "Necessario uno stanziamento straordinario di almeno ulteriori 350 milioni di euro per compensare l'impennata delle nostre spese energetiche, altrimenti i sindaci saranno costretti a tagli dolorosi dei servizi pubblici"

359
Ansa

“È necessario uno stanziamento straordinario di almeno ulteriori 350 milioni di euro per compensare l’impennata delle nostre spese energetiche, altrimenti i sindaci saranno costretti a tagli dolorosi dei servizi pubblici a tutto danno dei cittadini, in vista di un autunno che già si prospetta molto difficile e preoccupante”. Così il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, e il presidente dell’Upi, Michele De Pascale, che sono tornati a premere per un intervento urgente che fermi il rincaro dei prezzi dell’energia.

“Famiglie e imprese stanno già soffrendo le conseguenze del continuo aumento dei costi dell’energia – hanno affermato in una dichiarazione congiunta Decaro e De Pascale – e sappiamo che il governo sta mettendo a punto provvedimenti urgenti. È indispensabile che fra questi sia compresa una misura di sostegno per i Comuni e le Province, in assenza della quale i bilanci degli enti locali sono destinati a saltare. È necessario uno stanziamento straordinario di almeno ulteriori 350 milioni di euro per compensare l’impennata delle nostre spese energetiche, altrimenti i sindaci saranno costretti a tagli dolorosi dei servizi pubblici a tutto danno dei cittadini, in vista di un autunno che già si prospetta molto difficile e preoccupante”. 

Intanto fonti di governo riferiscono che un eventuale nuovo intervento dell’esecutivo contro il caro-energia non entrerà sotto forma di emendamento nel dl aiuti bis, ora all’esame delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato, ma in un decreto che avrà vita autonoma.