Campagna vaccini, ASSOAMBIENTE e UNICIRCULAR: priorità anche agli operatori del settore rifiuti

L’appello delle Associazioni riguarda non solo i 90mila lavoratori dell’igiene urbana, ma quanti operano nel settore, che dall’inizio della pandemia hanno garantito senza intoppi i servizi di raccolta, gestione e trattamento dei rifiuti, esponendosi, pur con le necessarie protezioni, a possibili fonti di contagio

549
rifiuti

FISE UNICIRCULAR e FISE ASSOAMBIENTE, le Associazioni che rappresentano le imprese che raccolgono, gestiscono, riciclano e smaltiscono i rifiuti urbani e industriali del nostro Paese, hanno scritto al Commissario Straordinario per l’emergenza COVID-19 Domenico Arcuri e al Ministro della Salute Roberto Speranza una lettera aperta per sollecitare una tempestiva ed efficace copertura vaccinale degli addetti del settore dell’igiene urbana, dei servizi ambientali e della gestione dei rifiuti.

La richiesta riguarda tutti gli operatori del settore e in particolare gli addetti alla raccolta dei rifiuti e agli impianti di trattamento degli stessi, che dall’inizio della pandemia hanno garantito, senza alcuna interruzione, i servizi pubblici ed essenziali di raccolta e gestione dei rifiuti urbani e speciali.

Le Associazioni ritengono infatti che, ferme restando le ineludibili priorità individuate dal Governo nella Campagna vaccinale, il settore dell’igiene urbana, dei servizi ambientali e della gestione dei rifiuti debba essere considerato tra i comparti di maggiore rilevanza strategica, vista la necessità di assicurare il costante e regolare funzionamento del servizio, nonché di garantire adeguata e tempestiva protezione a lavoratori in contatto costante con fonti di possibile contagio.