Caro bollette: Ecco ha stimato i costi nel prossimo inverno per Milano, Roma e Palermo

Il think tank italiano indipendente per il clima ha stimato il costo della bolletta del gas nel prossimo inverno per tre abitazioni tipo nelle tre città italiane: “Cifre preoccupanti, le variabili in gioco sono molte, ed è impossibile definire con certezza i prezzi del gas per il prossimo inverno. Le nostre stime però confermano che lo sforzo economico per famiglie e imprese sarà ingente, indipendentemente dai sostegni assicurati dall’intervento pubblico"

1091
EPA/STEPHANIE LECOCQ

ECCO, il think tank italiano indipendente per il clima ha stimato il costo della bolletta gas nel prossimo inverno per tre abitazioni tipo in tre città italiane: Milano, Roma e Palermo.

L’analisi prende a riferimento il prezzo del gas di settembre per stimare il costo della bolletta a fine inverno, il costo giornaliero di riscaldamento e la differenza rispetto all’inverno 2019/20, l’ultimo prima della pandemia.

“Cifre preoccupanti”, sottolinea Matteo Leonardi, Co-fondatore & Direttore esecutivo, Politiche nazionali di ECCO, “Le variabili in gioco sono molte, ed è impossibile definire con certezza i prezzi del gas per il prossimo inverno. Le nostre stime però confermano che lo sforzo economico per famiglie e imprese sarà ingente, indipendentemente dai sostegni assicurati dall’intervento pubblico. È doveroso informare i cittadini degli impatti economici del prezzo del gas in un contesto di instabilità geopolitica”.

L’analisi prende a riferimento il valore del PSV di settembre 2022. Nei primi dieci giorni del mese, il PSV registrava valori oltre i 200 €/MWh, scesi intorno ai 180 €/MWh nei successivi dieci giorni. A settembre 2019 il gas costava 13 €/MWh. Negli ultimi giorni di settembre il PSV è ulteriormente sceso sino a 80 €/MWh avvicinandosi a normali dinamiche di domanda e offerta del mercato. Dinamiche nuovamente influenzate dagli eventi del Mare del Nord e dal sabotaggio del gasdotto Nord Stream.

Francesca Andreolli, ricercatrice del programma energia di ECCO, afferma che “il forte legame tra le dinamiche dei mercati e le tensioni geopolitiche è causa dell’incertezza sull’andamento del prezzo, e la situazione non sembra destinata a cambiare nei prossimi mesiSarà quindi un inverno difficile, e non per una tanto paventata mancanza di volumi di gas – il livello degli stoccaggi ha raggiunto il 90% -, ma per il costo della materia prima.”

Rincari importanti, nonostante gli oltre 50 miliardi di euro impiegati dal Governo Draghi a sostegno di famiglie e imprese. Se i prezzi dovessero rimanere attorno ai valori attuali, l’azzeramento degli oneri di sistema e la riduzione dell’IVA al 5% nella bolletta gas serviranno ben poco a ridurre la spesa energetica delle famiglie.

L’analisi di ECCO entra nel dettaglio mostrando i costi massimi e medi di una giornata tipo in tre città simbolo: Milano, Roma e Palermo.

“Se a gennaio 2021”, afferma Andreolli, “una famiglia milanese spendeva circa 7 euro al giorno per riscaldare la propria abitazione di 70 mq, questo inverno ne spenderà 21, nonostante gli interventi del GovernoA Roma nei dieci giorni più freddi d’inverno la bolletta gas di una casa di 110 mq potrebbe costare fino a 36 € al giorno. Costo che scende a 27 € al giorno a Palermo, dove la temperatura più fredda è di oltre 8 gradi superiore a quella di Milano. Prendendo a riferimento il costo giornaliero per la temperatura media del periodo invernale nelle tre città selezionate, vediamo come il costo per l’uso del gas per abitazioni superiori ai 70 mq è sempre a due cifre, con prezzi critici per le abitazioni più grandi.”

Matteo Leonardi, Co-fondatore & Direttore esecutivo, Politiche nazionali di ECCO, sottolinea che:  “l’antidoto per questi prezzi è l’efficienza energetica e la riforma della fiscalità. Infatti, Avere oggi una casa in classe energetica A permette di ridurre il costo della bolletta gas di 2/3 rispetto alla classe G. La crisi deve essere anche un’occasione per una revisione e ridistribuzione delle componenti fiscali e parafiscali delle tariffe energetiche per favorire l’elettrificazione dei consumi finali e garantire un gettito per finanziare l’efficienza energetica nelle abitazioni italiane.