Il ruolo centrale delle città per accelerare il progresso dei sistemi energetici mondiali verso zero emissioni nette

Nei giorni del G20 Ambiente di Napoli l'IEA ha pubblicato il report Empowering Cities for a Net Zero Future, sul ruolo centrale che le città in tutto il mondo possono avere nell'accelerare i progressi verso sistemi energetici puliti, a basse emissioni di CO2, resilienti e inclusivi. Lo studio è stato realizzato su richiesta della Presidenza italiana del G20 per mostrare le opportunità e le sfide che le aree urbane devono affrontare e le azioni che possono essere intraprese in qusto senso

1349

Nei giorni del G20 Ambiente di Napoli l’Agenzia Internazionale dell’Energia ha pubblicato il report Empowering Cities for a Net Zero Future, sul ruolo centrale che le città in tutto il mondo possono avere nell’accelerare i progressi verso sistemi energetici puliti, a basse emissioni di CO2, resilienti e inclusivi. Lo studio è stato realizzato su richiesta della Presidenza italiana del G20 per mostrare le opportunità e le sfide che le aree urbane devono affrontare e le azioni che possono essere intraprese in qusto senso.

Le nuove tecnologie e la maggiore connettività, così come la vastità delle metropoli del mondo, stanno aprendo enormi opportunità per ottimizzare la pianificazione urbana, dice il rapporto, migliorare i servizi ed estendere l’accesso, creando allo stesso tempo flussi di entrate, posti di lavoro e iniziative imprenditoriali. Il rapporto dell’IEA si basa su ampie consultazioni con oltre 125 esperti e organizzazioni di spicco e presenta casi di studio provenienti da 100 città in 40 paesi. Gli esempi illustrano l’ampia gamma di opportunità e soluzioni che possono aiutare le autorità a livello cittadino a sfruttare appieno i sistemi energetici efficienti e intelligenti.

Allo stesso tempo, gli agglomerati urbani sono incubatori di tecnologie all’avanguardia e la loro densità e dimensione offrono economie di scala in grado di abbattere i costi delle infrastrutture e dell’innovazione. Questo mix di fattori mette le città all’avanguardia nella ricerca di soluzioni creative alle sfide climatiche ed energetiche.

E con le crescenti tendenze all’urbanizzazione, il ruolo centrale dei centri urbani continuerà ad aumentare. Le città oggi rappresentano oltre il 50% della popolazione del pianeta, l’80% della sua produzione economica, i due terzi del consumo energetico globale e oltre il 70% delle emissioni globali annuali di carbonio. Entro il 2050, oltre il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, determinando una massiccia crescita della domanda di infrastrutture energetiche urbane.

Dai lampioni intelligenti, agli edifici auto-raffreddanti, ai caricabatterie intelligenti per auto elettriche, investire in azioni a livello di città può fornire il più grande ritorno sull’investimento per la riduzione delle emissioni di CO2 e accelerare le transizioni inclusive di energia pulita. Il rapporto contiene una serie di raccomandazioni per accelerare le transizioni energetiche e sfruttare appieno il potenziale delle città per ridurre le emissioni grazie alla digitalizzazione.

Entro il 2024, si prevede che 83 miliardi di dispositivi e sensori connessi creeranno set di dati ampi e diversificati su un’ampia gamma di argomenti, come il consumo di energia, la qualità dell’aria e i modelli di traffico. I sistemi energetici di nuova generazione possono sfruttare i dati di questi edifici, elettrodomestici e sistemi di trasporto connessi per ridurre il consumo di energia, migliorare la stabilità della rete e gestire meglio i servizi cittadini.

Ad esempio, le simulazioni digitali possono mostrare come diversi design, tecnologie e apparecchiature influenzino i percorsi della domanda di energia e i costi associati. Lo studio LA100, condotto dal National Renewable Energy Laboratory statunitense, indica la strada verso il raggiungimento di una città alimentata al 100% da fonti rinnovabili entro il 2045. Lo studio simula migliaia di edifici, utilizzando scansioni aeree, modelli di adozione da parte dei clienti e strumenti di pianificazione delle utenze per garantire stabilità del sistema di alimentazione e stima che tali misure eviteranno tra i 472 milioni di dollari e gli 1,55 miliardi di dollari di investimenti nella rete di distribuzione.

L’elettricità consumata per l’illuminazione stradale a livello globale è equivalente al consumo totale annuo di elettricità della Germania e può costituire fino al 65% dei budget elettrici municipali. Tuttavia, solo il 3% dei 320 milioni di pali per l’illuminazione stradale del mondo è dotato di funzionalità intelligenti, anche se l’illuminazione stradale intelligente può ridurre il consumo di elettricità fino all’80% regolando l’uscita in base ai livelli di luce ambientale e alle condizioni meteorologiche. I lampioni intelligenti possono anche monitorare il traffico, gli attraversamenti pedonali e l’inquinamento acustico e atmosferico, nonché incorporare caricabatterie per auto elettriche e infrastrutture per telefoni cellulari.

L’India, nell’ambito del National Streetlighting Program, ha ridotto la domanda di energia di picco di oltre 1000 MW grazie a 10 milioni di lampioni intelligenti a LED. La digitalizzazione può anche aiutare a migliorare la manutenzione. In Italia, un’app sviluppata da Enel X consente ai cittadini di segnalare i guasti dell’illuminazione stradale tramite il proprio smartphone.

Per ridurre la congestione e le emissioni di gas serra, l’iniziativa Smart City di Jakarta ha integrato la gestione del trasporto pubblico e i sistemi di pagamento per aiutare a pianificare un sistema di trasporto bus rapido più affidabile, sicuro ed economico. PT JakLingko Indonesia, un processo di integrazione globale ha aumentato il numero di pendolari di Transjakarta da circa 400 000 al giorno nel dicembre 2017 a poco più di 1 milione al giorno nel febbraio 2020.

Vancouver, Canada, ora richiede che ogni parcheggio residenziale nei nuovi sviluppi sia dotato di prese elettriche per caricare i veicoli elettrici. Nel frattempo, la digitalizzazione può spostare circa il 60% della capacità di generazione necessaria per caricare questi veicoli lontano dai periodi di picco della domanda. Nel frattempo, la digitalizzazione può spostare circa il 60% della capacità di generazione necessaria per caricare i mezzi lontano dai periodi di picco della domanda. I sistemi intelligenti di gestione del traffico possono ridurre la congestione dell’8%.

Mentre le economie si riprendono dalla pandemia di Covid-19, le emissioni di CO2 stanno rimbalzando rapidamente. Il loro aumento globale legato all’energia nel 2021 potrebbe essere il secondo più grande mai regisrato nella storia. Le città sono il motore economico del globo e le soluzioni che cercano possono trasformare il panorama energetico creando nuove sinergie per ridurre le emissioni, migliorare l’efficienza energetica, migliorare la resilienza e fornire un futuro più pulito e prospero per tutti noi. Una forte cooperazione e collaborazione internazionale può svolgere un ruolo cruciale in questo, in particolare attraverso reti emergenti di condivisione delle conoscenze che abbracciano città e paesi.