Earth Hour 2022, WWF: 192 Paesi hanno spento la luce per la pace, il clima e il Pianeta

Dall’Opera House di Sydney all’Empire State Building di New York, dal Colosseo di Roma al Phoenix Center di Pechino, fino al Cristo Redentore di Rio. L'Ora della Terra, evento globale del WWF, è tornata per lanciare un messaggio di solidarietà. Oltre 7,8 miliardi di impression a livello globale sui social media. In Italia circa 280 comuni coinvolti e oltre 300 iniziative: si sono spente le luci di monumenti, piazze, luoghi simbolo e parchi nazionali

1034

Ieri dalle 20,30, in 192 Paesi e territori del mondo è scattata Earth Hour, l’Ora della Terra, l’evento globale del WWF che per questa 14esima edizione ha coinvolto milioni di persone, insieme a migliaia di città, monumenti e luoghi simbolo, che uniti hanno inviato un messaggio di solidarietà per il futuro delle persone e del Pianeta.

Monumenti di importanza mondiale come la Sydney Opera House, il Beijing Phoenix Center, il grattacielo Taipei 101, le Petronas Towers, la Porta dell’India, il Colosseo, la Torre Eiffel, il Cristo Redentore e l’Empire State Building, hanno partecipato al simbolico “switch off” che quest’anno ha chiesto un futuro più sicuro, più equo e più sostenibile per tutti. Insieme a questi monumenti iconici, milioni di persone hanno spento le luci delle loro case e sono state migliaia le iniziative trasversali, come concerti virtuali, piantumazione di mangrovie, pulizie di strade e corse virtuali. Il messaggio dell’Ora della Terra si è diffuso anche online, generando oltre 7,8 miliardi di impression a livello globale sui canali dei social media e su altre piattaforme, tra cui TikTok.

Figure politiche di spicco tra cui Antonio Guterres Segretario Generale delle Nazioni Unite e la Presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola hanno incoraggiato il pubblico a concentrarsi sul futuro nello sforzo di proteggere sia le persone che il Pianeta. I delegati, attualmente riuniti a Ginevra per l’ultimo round dei negoziati delle Nazioni Unite sulla biodiversità, in vista della conferenza COP15 sulla biodiversità che si terrà in Cina alla fine di quest’anno, si sono fermati per prendere parte allo “spegnimento” in un momento di riflessione sull’enormità del loro ruolo in questo periodo storico. Questa COP15 del CBD delle Nazioni Unite offre ai leader un’opportunità irripetibile di concordare per un accordo globale che inverta la perdita di biodiversità entro il 2030.

“Il mio più grande ringraziamento ai milioni di persone in tutto il mondo che hanno spento le luci e partecipato a questo appuntamento di solidarietà per le persone e per il Pianeta. La manifestazione di partecipazione e supporto da parte di individui, comunità, aziende, governi, città, istituzioni nel mondo, dimostra quanti di noi vogliono aiutarsi a vicenda e prendersi cura del Pianeta, la sola nostra casa comune- ha affermato Marco Lambertini Direttore Generale di WWF International-. Quindi manteniamo questo slancio, restiamo uniti continuando a chiedere, a impegnarci, per un futuro più sicuro, giusto e sostenibile per l’umanità e tutte le forme di vita nel Pianeta”. 

Il Primo ministro canadese Justin Trudeau e Sua Altezza Reale il Principe di Galles e la Duchessa di Cornovaglia hanno dato il loro sostegno su Twitter. La musicista internazionale e attivista ambientale Ellie Goulding si è unita alla campagna mentre l’attore de Il Trono di Spade Iwan Rheon ha condiviso il suo momento di “spegnimento” dietro le quinte a lume di candela con la playlist WWF-Galles Earth Hour. L’attrice cinese Dilraba Dilmurat ha espresso il suo sostegno alla natura, mentre la top model cinese Liu Wen ha parlato dell’importanza di una moda sostenibile. Non estranei ad una visione più ampia del Pianeta, anche gli astronauti Matthias Maurer, André Kuipers e l’Agenzia Spaziale Europea hanno incoraggiato il pubblico a mostrare il loro sostegno per Earth Hour.

LUCI SPENTE PER 280 COMUNI ITALIANI

In Italia circa 280 comuni hanno aderito ad Earth Hour, e sono state oltre 300 le iniziative, fra cui lo spegnimento di monumenti, palazzi, piazze, strade e altri luoghi simbolo.

Milano luci spente per il Castello Sforzesco e la Torre del Filarete, mentre a Roma sono rimasti al buio per un’ora Castel Sant’Angelo, il Colosseo e la Basilica di San Pietro al Vaticano e lì davanti i volontari hanno portato la scritta “PACE”. Sempre a Roma si sono spente le facciate di Palazzo Madama, Montecitorio e Palazzo Chigi con il Cortile d’Onore. A Firenze luci spente per un’ora a Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio, al Duomo, alla Basilica di Santa Croce, alla Torre di Arnolfo, all’Abbazia di San Miniato al Monte, sulla Statua del David di Michelangelo in Piazza della Signoria, a Palazzo Sacrati Strozzi e a Palazzo Medici Ricciardi. A Torino al buio la Mole Antonelliana e le luci dei ponti sul fiume Po. Al buio per un’ora anche Piazza San Marco, nella città ‘simbolo’ dei cambiamenti climatici, Venezia. Si è spenta anche l’Arena di Verona e molti altri monumenti di comuni del veronese. Fra i comuni Italiani che hanno partecipato anche Reggio Calabria, Napoli, Bari, Cagliari, Trieste, Ancona, Caserta, Bergamo, Crotone, ma anche comuni più piccoli come Varazze e Toirano (SV), Positano e Bacoli (NA). 

Anche la rete dei volontari e le Oasi WWF hanno preso parte con diverse iniziative locali che hanno accompagnato gli spegnimenti. I volontari del WWF Caserta, ad esempio, hanno organizzato una maratona radiofonica dalle 9:30 alle 21:30 con l’emittente locale Prima Rete, mentre il WWF Bologna Metropolitana a San Giovanni in Persiceto ha organizzato lo spettacolo “una notte senza luci” presso il planetario dell’orto botanica. I volontari del WWF Bergamo Brescia hanno organizzato un incontro divulgativo su “Interferenze dell’inquinamento luminoso sull’ecosistema urbano” e un ascolto dei pipistrelli con bat detector. Ad Anversa, nel cuore dell’Oasi Gole del Sagittario, l’evento si è tenuto nella piazza centrale. Iniziative anche all’ Oasi Valmanera, al di Bosco Di Vanzago e all’Oasi San Silvestro (CE).

Fra le altre attività, una serata al Museo della Biodiversità di Monticiano (Siena) in collaborazione con l’Unione Astrofili Senesi e la passeggiata insieme al WWF Roma sul Lungotevere delle Navi. Hanno aderito anche il Parco Nazionale delle Cinque Terre e dei comuni di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso al Mare e del PNALM (Parco Nazionale D’Abruzzo Lazio e Molise). Hanno aderito agli spegnimenti anche il Parco Nazionale del gran Sasso e Monti della Laga, l’AMP Torre del Cerrano e il Parco Nazionale della Maiella (spegnimento sedi del Parco). Il Parco regionale Sirente Velino ha aderito con attività di sensibilizzazione della cittadinanza.

Anche l’organizzazione The Climate Route ha aderito all’Earth Hour 2022 con un evento di flash mob a Rimini dove è stato creato da migliaia di persone un messaggio sulla spiaggia e fotografato da satellite, nella mattinata di sabato 26 marzo.

I RICONOSCIMENTI

L’Ora della Terra ha ricevuto l’adesione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile e i patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Regione Lazio e del Comune di Roma. Anche per questa edizione di Earth Hour, Il WWF ha ricevuto la medaglia che il Capo dello Stato ha voluto destinare, quale suo premio di rappresentanza, all’evento internazionale.

LE IMPRESE

Anche le Aziende Partner del WWF hanno deciso di aderire alla mobilitazione globale: Sofidel, Maxi Zoo, P&G, Decathlon, Wind Tre e Bialetti hanno partecipato infatti con spegnimenti simbolici e con attività di sensibilizzazione rivolte ai propri dipendenti e clienti.